sabato 1 Ottobre, 2022

Astigiani 18 – dicembre 2016

Una nuova vetrina che si illumina è una buona notizia

di Sergio Miravalle, Luciano Nattino

Questa volta ad accendere la luce sull’insegna siamo noi: Astigiani ha una nuova sede e un nuovo spazio di redazione. È in corso Alfieri, angolo via San Martino, proprio di fronte a Palazzo Mazzetti, a due passi da Palazzo Ottolenghi, dalla biblioteca Astense, dal museo lapidario e da Palazzo Alfieri. Siamo nel cuore storico e culturale della città. Abbiamo affittato un negozio dove c’era una panetteria. Era chiuso da tempo. L’abbiamo sistemato, ritinteggiato, ripulito, arredato. La bella insegna con il nostro gallo segnala ora che in quell’angolo di città è aperta la sede di un’associazione culturale.

All’interno abbiamo sistemato anche la collezione di galli portafortuna. Portatecene anche uno vostro, piccolo o grande che sia, lo metteremo in vetrina insieme agli altri. I galli, come abbiamo detto più volte, risvegliano. Questo spazio ce lo siamo conquistato con l’impegno di tanti. È piccolo, ma accogliente. La sua soglia potrà essere varcata da tutti gli Astigiani, ma anche, ne siamo certi, dai tanti turisti che stanno scoprendo la nostra città e il suo territorio. Quando abbiamo fondato Astigiani, poco meno di 5 anni fa, sapevano di giocarci una scommessa culturale. La rivista, questa rivista, arrivata al suo numero 18 è “maggiorenne”: ha conquistato lettori, amici e collaboratori, è sostenuta dagli inserzionisti.

Ognuno fa la sua parte perché Astigiani, ad ogni stagione, esca e sorprenda per l’accuratezza della grafica, la scelta dei temi, il rigore degli scritti e delle fonti iconografiche. Siamo orgogliosi finora di esserci riusciti e continueremo a scavare nella miniera della nostra storia. Partiamo dalla storia, la storia della nostra terra, ne raccontiamo aspetti e personaggi. È un’idea che si è realizzata grazie al lavoro dei volontari, alla fantasia e alla passione di chi ricerca e scrive e di chi ci sprona portandoci foto, diari, documenti.

Ma tutto questo per esistere e resistere ha bisogno del sostegno di tanti astigiani. È indispensabile per l’equilibrio economico dell’associazione che ci siano soci sostenitori, aderenti e abbonati. Con la nuova sede diamo anche la possibilità di venire a ritirare la propria copia direttamente in redazione, con un ulteriore sconto sull’abbonamento. La nuova sede è aperta i martedì, giovedì e sabato dalle ore 15,30 alle 19 per ritirare arretrati, sottoscrivere o rinnovare abbonamenti, incontrare la redazione.

Quelle domeniche a piedi nel segno dell’austerity. Anche nell’Astigiano i riflessi...

La crisi petrolifera mondiale impone scelte drastiche Il governo Rumor decide le misure restrittive alla circolazione   Faceva un gran freddo ad Asti quella domenica 2...

Da Alfieri al vino, le chicche astigiane nei francobolli

I filatelici resistono alla diffusione delle email ad Asti sono attivi dal 1947   Sono trascorsi 84 anni da quando con il ritratto di Vittorio Alfieri...

Francesco Cirio, un pioniere monferrino consacrato a Napoli

Al mercato di Porta Palazzo reclamizza le sue verdure con gli acuti del suo giovane amico: il tenore Francesco Tamagno   Le origini di Francesco Cirio,...

Sci, picozze e mazzolin di fiori: da 95 anni gli appassionati...

Quella scalata del 1358 al Rocciamelone di Bonifacio Rotario   Anni difficili, quelli subito dopo la fine della Prima Guerra Mondiale. L’Italia riprendeva con fatica a...

Banda delle zucche, un’epopea musicale: gli “scolari di Val Masone” si...

Tutto nasce alla trattoria del Ponte Verde in viale Pilone   È necessaria una premessa. Nella storia degli strumenti musicali “contadini” trova spazio anche una piccola...

Bagna Cauda Day, una festa profumata

  I vincitori del contest Ecco la selezione delle dieci immagini vincitrici del Bagna Cauda Clic, concorso fotografico con la collaborazione del consorzio Barbera d’Asti e...

Michele Chiarlo: “Sono sempre innamorato della Barbera”

Non si può parlare di Michele Chiarlo senza partire dalla sue radici e dalla storia del padre Pietro, leva del 1898. I Chiarlo erano...

Sede Banca d’Italia, un forziere vuoto e misterioso

  Vendesi o affittasi? Chissà. Una doppia offerta che auspica una risposta. O almeno, viene formulata con il preciso scopo e la malcelata speranza di...

San Rocco, gioiello del barocco non più visitabile

Nel cuore di Asti c’è un gioiello del barocco che meriterebbe di risplendere e invece rischia in degrado. È la chiesa di San Rocco,...

Piccoli scienziati crescono nel Monferrato

Valerio risponde al telefono con la voce sicura di chi sa quello che vuole “lavorare nel mondo della scienza e della ricerca ” e...

Mattoni, coppi, rasi sulla pietra delle antiche misure

Chi passa nell’atrio del municipio di Asti, in piazza San Secondo, potrebbe scorgere, alzando gli occhi, una strana pietra incastonata in alto. Ai più...

Quei concorsi ippici allo stadio

Anche se non sempre Asti sembra rendersene ben conto, la sua storia minore, talvolta anche quella maggiore, è connotata dalla presenza del cavallo. È...

Cari chef siete avvisati: “La cucina è donna”

Se fosse una fiaba questa storia potrebbe iniziare con “C’era una volta un bellissimo castello…” e racconterebbe della nascita di un sodalizio dove non...

Anche i sotterranei di Palazzo Alfieri diventano museo

Il recupero di Palazzo Alfieri, nel cuore storico di Asti, porta a un percorso museale arricchito, oltre che delle testimonianze documentarie del Museo Alfieriano...

In viale Pilone le tele in attesa di Mario Perosino

Nello studio di Mario Perosino, in viale Pilone, le tele grezze, accostate a terra a macerare erano in attesa. Con minuziosa precisione, l’artista preparava...

Cocco, Gentucca e il carro d’oro del diavolo

Ci sono posti speciali al centro di storie e leggende. Il Bricco Lu di Costigliole d’Asti è tra questi. Lo testimonia l’opuscolo “Scintille”, fatto stampare...

Alle prime nevicate ecco la vecchia slitta in legno

Facendo uno slalom tra i nostri ricordi d’infanzia, con l’arrivo delle prime nevicate (un tempo molto più regolari di adesso) non possiamo che soffermarci...

Il diario di mio padre nel Mediterraneo in guerra

In casa lo abbiamo sempre considerato un cimelio. È il diario di mio padre, il nostromo Aldo Paracchino: la cronaca copre la quasi totalità...

“Ho calcato il palcoscenico con Dario Fo”

Io e Mariangela diventammo amiche durante i provini per formare il cast di Settimo ruba un po’ meno. Mariangela Melato aveva già lavorato per...

Quei due toscani con la passione e il gusto dei clic

“Mio padre mi diceva sempre: ricordati, Gigi, tu sei come il prete: ascolti, sai tutto e taci”. Luigi Poggi parla con la schiena appoggiata...

Quando nel brodo galleggiava la pasta reale

Dedicato a chi, nei primi anni Cinquanta, era bambino. A chi abitava ad Asti, magari in una casa di ringhiera. Dedicato a chi aveva...

A culo nudo per non aver pagato i debiti

  Una delle espressioni più comuni ad Asti e in tutto il Piemonte, usata di frequente anche nella versione italiana, è andè del cü, tradotto...

Questi proverbi sono la banca dati dei saperi monferrini

Appartiene senz’altro al senso comune ritenere che la ristampa di un libro di proverbi che ha visto la luce all’inizio del Novecento sia da...

Quel cronista astigiano sapeva dare notizie

  È uscito il primo volume di un progetto straordinario e mastodontico della Società di Studi Astesi: la ristampa anastatica del manoscritto del Giornale d’Asti...

Quando la vita costringe a un tuffo

Autobiografia, intervista, dialogo. In tanti modi potrebbe essere rubricato questo libro, ma forse la cifra più adatta – individuata da Carlo Petrini nella sua...

Un settimino in giro per Asti in versione noir

Il volume, a partire dalla grafica di copertina, sembra inserirsi a pieno titolo nel filone della narrativa del paranormale, candidandosi a futuro “blockbuster”. Le...

Lezioni di storia nel palazzo dei cavalieri giostranti

Quello dei cavalieri giostranti è il tema di un affresco che si trova in un antico palazzo di Via Roero, ad Asti, che costituisce...

Freschi di stampa

Maurizio Blini, Rabbia senza volto, Golem edizioni, s.l., 2016, pp. 203, euro 14  Maurizio Blini, è autore già di sette bei libri gialli nei quali...

I burattini di Gironi fanno il pienone

Dal Giornale d’Asti di Stefano Giuseppe Incisa  1816   ottobre 23 sabato   Invito per Buratini di Gironi. Volendo il Carlo Cuniberti celebre Burattinista dar altra volta divertimento...

Accadde nel quarto trimestre

10 anni 25 novembre 2006 – Riapre il complesso monumentale di S.Pietro in Consavia, con i musei Paleontologico e Archeologico, dopo i lavori di consolidamento...