giovedì 8 Dicembre, 2022
HomeUn quadro una storiaIn viale Pilone le tele in attesa di Mario Perosino
UN QUADRO UNA STORIA

In viale Pilone le tele in attesa di Mario Perosino

L’artista astigiano alla ricerca del tempo interiore

Nello studio di Mario Perosino, in viale Pilone, le tele grezze, accostate a terra a macerare erano in attesa. Con minuziosa precisione, l’artista preparava ogni supporto alla “maniera dei maestri antichi”, come nelle botteghe di restauro. Tra gli sguardi severi di Guerrieri loricati e di enigmatiche Dame, Perosino cesellava il suo immaginario quotidiano su grandi fogli preparatori. Senza fretta. Il caotico traffico di piazza I° Maggio pareva svanire. Appena adolescente, Perosino aveva disegnato dal vero ritratti e figure, a matita e pastello, angoli delle campagne astigiane, soggetti sacri a china, con il gioioso consenso del maestro Giuseppe Manzone, ma la sua fantasia trepidava. Dopo l’esordio in Asti nel 1951 al circolo culturale “La Giostra” e la partecipazione ai Premi Alfieri (1959, 1962), durante il servizio militare a Roma, Perosino intuì la sua autentica vocazione fantasiosa e allusiva. Con l’autorevole guida di Corrado Cagli, che lo introdusse nella cerchia culturale romana, espose con successo alla “Galleria 88” e al “Nuovo Carpine” (1968). Il ritorno ad Asti, il repentino mutare dei modelli sociali e dei codici di comunicazione negli anni Settanta alimentarono in Perosino un’amara disillusione, psicologica ed emozionale: «…il dialogo è aperto con figure che non sanno sorridere o per ironia o per disincantamento o per pietà – commentava il critico Dino Carlèsi – e quasi ci parlano con sufficienza faraonica e dignità regale da antiche stagioni ancestrali che Perosino fa rivivere quasi per intenzionale crudeltà, presentandole come beni perduti e irrecuperabili per nostra colpa ed eccesso di cattiveria»

.

Nascono così i simboli segreti di quel nuovo mondo, non ancora esplorato: i cicli pittorici I fiori del male, Melanconia, Paesaggio fantastico, Architetture, preziose costruzioni di moduli geometrici e brillanti gamme timbriche. Negli anni Ottanta, sulla tela la realtà diviene allegoria: il ritratto femminile accoglie còlte tipologie cortesi e citazioni iconografiche del Seicento europeo. Il ritratto di Michela è un emblematico esemplare della maturità pittorica di Perosino, unificando l’ideale estetico ed etico delle categorie astratte “bellezza-purezza” con l’allusività (sorriso, sguardo, postura) e l’estraniamento (decorativismo astorico, specchio). Le mostre personali a “La Fornace” (1978, 1983), l’omaggio comunale a Palazzo Mazzetti-Teatro Alfieri nel 1993 e la presenza in collettiva alla Fondazione Guglielminetti (2007) segnarono il commiato di Mario Perosino. La Fondazione Guglielminetti, in collaborazione con la figlia Giordana, gli ha dedicato due omaggi postumi, nel 2009 e l’attuale nel dicembre 2016, riscoprendone tuttora l’inquieta tensione alla conoscenza. È ancora il tempo interiore di Perosino a svelarci la precarietà dell’esistenza e l’attesa per il futuro.  La retrospettiva “Mario Perosino. Dipinti”, ordinata alla Fondazione Eugenio Guglielminetti in Palazzo Alfieri, sarà visitabile fino al 31 dicembre 2016  (venerdì, sabato e domenica 16-18).

L'AUTRICE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE