venerdì 19 Aprile, 2024

Astigiani 9 – settembre 2014

Ciao Giorgio

di Sergio Miravalle

Astigiani è una rivista trimestrale, o meglio stagionale. Arriva ai suoi lettori quattro volte l’anno: una per stagione. Questo numero di settembre (il nono della serie) ci prepara all’autunno e ai suoi riti, a cominciare dal ritorno a scuola che raccontiamo con la memoria intatta di chi non ha dimenticato i nomi dei maestri , il colore dei fiocchi, il suono della campanella del 1° ottobre.

Ma in questa estate 2014 stramba e piovosa, una data non la vogliamo dimenticare: l’8 luglio. Era martedì. Sotto un sole pallido una città si è ritrovata in piazza per salutare un amico. Uno che si incontrava al bar o sotto i portici. Uno che aveva condiviso con molti astigiani scorci di vita, risate e nottate. Uno che non si era montato la testa nonostante il successo.

Quel giorno le migliaia di persone che hanno sentito il bisogno salutarlo, che hanno gremito la Collegiata di San Secondo, ascoltato le sue canzoni e le testimonianze degli amici, gli hanno detto grazie con un applauso. Lo stesso applauso che lo aveva avvolto tante volte nella sua vita. Quell’uomo, che se n’è andato altrove troppo presto a 63 anni, aveva conosciuto anche il silenzio e la paura. Lo aveva raccontato in un’intervista che si celebrò in un Teatro Alfieri gremito nel febbraio 2003. Erano i mesi del successo crescente di “Io uccido” il libro che lo fece scoprire come scrittore di fama internazionale.

Fuori soffiavano paurosi venti di guerra. Quell’intervista a “cuore aperto” Astigiani la ripropone ai suoi lettori nel Dvd allegato alla rivista. È un documento vivo, intenso, che racconta del legame tra quell’uomo e la sua città con la gente che lo ha visto crescere e che è cresciuta insieme a lui. Nelle pagine successive abbiamo chiesto al suo amico Massimo Cotto un saluto in più.
Astigiani lo saluta così.

Con quella faccia un po’ così

di Luciano Nattino

Astigiani dedica le pagine centrali del nostro album di famiglia alle facce da sindaco. Sono 118 primi cittadini dell’Astigiano incorniciate come le vecchie figurine dei calciatori della Panini. Una galleria di volti, che mi sono divertito a scrutare. Solo alcuni sono conosciuti. Molti i giovani, in numero crescente le donne. Sono i rappresentanti della nostra terra, i volontari della democrazia. Hanno un compito arduo, da loro ci aspettiamo fantasia e concretezza, ma non dovranno essere lasciati soli.

Nella mia “carriera” ho conosciuto da vicino quattro sindaci di Asti: Guglielmo Berzano, Gianpiero Vigna, Guglielmo Pasta e Giorgio Galvagno. Quattro facce da sindaco diverse come le loro caratteristiche personali. Il primo ha la faccia da furetto. Ne ho apprezzato la verve democristiana poiché mi toccò da giovane il ruolo di presidente di quartiere a San Pietro, che era un borgo “rosso”. Con lui ricordo il faccione da gatto di Gabriele Vercelli, assessore al decentramento che lo accompagnava nei momenti più delicati. Non mancarono gli scontri, ma il rispetto reciproco non mancò mai.

Il secondo, Vigna, ha una faccia da cerbiatto ignaro: ho collaborato per anni prima come consigliere e poi anche come assessore comunale all’istruzione e ai servizi sociali. Era il 1975. Si formò una nuova maggioranza di centro sinistra. Tentammo di cambiare il rapporto tra cittadini e ci è toccato anche decidere la chiusura del Teatro Alfieri per avviarne i restauri. Ricordo che organizzai l’ultima rassegna prima della chiusura con il Magopovero e la intitolammo “5 sbarrato”. Purtroppo ci vollero più di vent’anni per veder ripassare la corriera del teatro.

Di Guglielmo Pasta, faccia da pitbull mansueto, ricordo nottate passate in pizzeria dopo esserci azzuffati a parole in consiglio comunale. Da avvocato liberale amava discutere sulle cose e gli eventi più disparati e poi a notte inoltrata metteva mano al portafogli e pagava il conto, con sollievo delle mie povere tasche.

Poi toccò alla faccia da puma americano di Giorgio Galvagno. Con lui avevo felicemente collaborato quando era vice sindaco. Noi criticavamo il suo voler apparire, il voler metterci sempre la faccia sorridente e abbronzata (appunto). Stava cambiando il modo di fare politica. Decisi di smettere, deluso dalla svolta confusa di quella stagione, e poi sentivo la necessità di lasciare spazio ai più giovani. Nel 1991 avevo quarantuno anni e dopo sedici anni di Consiglio ritenevo di aver fatto il mio dovere. Ho portato la mia faccia da clown augusto su altri palcoscenici, come ho saputo e potuto fare.

La collina di Spoon River – Settembre 2014

Battista “Pepe” Bianco 8 dicembre 1925-20 giugno 2014 Partigiano, presidente dell’Anpi Nel 1943 avevo diciott’anni ed ero apprendista alle officine Maina: pensavo al lavoro, non ero uno...

Giuseppe Nosenzo

Giuseppe Nosenzo ha novantun anni. Il “commendatore” ha percorso un itinerario speciale, ricco di orgoglio, di intraprendenza e intuizioni.

Asti la città delle 100 torri (demolite)

Asti, città dalle 100 torri ma tutte demolite nel corso degli anni.

A Mongardino è l’acino che fa il vino

Settembre e l’autunno nei modi di dire

“Che bello da grande faccio il droghiere”

Una coppia di giovani salva la vecchia bottega di via Aliberti che era dei Gonella

Don Bosco è l’autore di un libretto scomparso sulla vite e...

Si rilancia la proposta per farlo nominare santo protettore dei viticoltori

Quegli anni di piombo fra terrorismo, violenza e riforme sociali

Prima Linea, un gruppo formatosi a cavallo tra gli Anni ’70 e ’80 come movimento extraparlamentare di sinistra e organizzazione clandestina.

Accadde nel terzo trimestre 2014-1914

Il Festival delle Sagre nacque con solo dodici pro loco partecipanti e poi cominciò ad espandersi sempre di più.

Dal secchiello nel pozzo al carretto del ghiaccio

Solo dalla fine degli anni '50 il frigorifero entrò nelle case

Freschi di stampa

Sognando l’Africa. Impressioni Grafiche, Acqui Terme, 2014, 131 pag., 10 euro. Fiabe inventate dai bambini delle scuole del V Circolo di Asti per i...

Goria: il volto migliore di un rinnovamento mancato

Giovanni Goria, il più giovane Presidente del Consiglio della Prima Repubblica, più volte ministro ed esponente di rilievo della Democrazia Cristiana.

Seduti al tavolo di Dio a fare domande per l’eternità

Un libro che ci svela molto della vita dei protagonisti, tanto dei loro percorsi lavorativi quanto del loro pensiero.

Dal 1950 al Rotary il martedì è la serata degli incontri

L’impegno per la nascita dell’istituto Artom e la medaglia Astese

Dalla torre scrutava il cielo e decifrava Dante

Fine studioso il conte Paolo Ballada di Saint Robert, si occupò di balistica, di montagna, di scienze e di matematica.

La fisarmonica colora i miei anni

Nando Francia, a dodici anni la prima fisarmonica regalata dai genitori dopo aver venduto una mucca.

Sul “Circuito del Monferrato” undici anni di sfide

Dal 1922 al ’32 l’intrepida gara tra i pionieri delle motociclette

Pioniere dell’aviazione nei cieli d’America

Il nicese Gian Felice Gino “primo tra i primi alati d’Italia”

Marsiglia, Etiopia: l’architettura diventa viaggio

Marta Berzano, fresca di laurea al Politecnico di Torino, in Africa si è occupata del progetto per un ostello con mattoni di terra cruda

“Quel Primo ministro che abbiamo chiamato papà”

Una sera a sorpresa arrivò a cena a casa nostra Michel Platini Nel 1986 un uomo più di ogni altro era in vetta alla mia...

Con l’Asta Bandiere in cielo da più di 40 anni

Un farmacista regista pensò di creare la scuola astigiana di sbandieratori   In più di 40 anni di vita sono passati sotto le insegne dell’Asta almeno...

Musica astigiana per il primo disco di Nilla Pizzi

Sembra curioso, ma è di un astigiano il primo disco interpretato da Nilla Pizzi. Ambrogio Rolando, classe 1888, compose infatti le prime due canzoni che vennero incise per la Regina della canzone italiana.

Giacomo Bologna l’uomo che “inventò” la barbera

Tutto ha inizio con La Monella, una barbera allegra imbottigliata per ripicca contro i commercianti che non volevano pagare la qualità

Asti, 1814, arriva la gendarmeria del Re

Era il 15 novembre 1814 e Stefano Incisa sul suo Giornale di Asti annotò l’arrivo dei primi Carabinieri Reali che presero quartiere nell’ex Monastero del Gesù

Le missioni in Russia e in Oriente del “Marco Polo” astigiano

Cosma Manera fu protagonista di una pagina di storia semisconosciuta, legata all’odissea dei soldati asburgici di origine italiana chiamati a combattere, sul fronte orientale, contro i Russi.

Astigiani onorari scelte motivate e nomi del momento

L’elenco dei cittadini onorari di Asti racconta l’ultimo secolo e mezzo di storia della città da un punto di vista del tutto originale.

Quando la campanella suonava il 1° ottobre

I nomi di maestre e maestri restano nella memoria di generazioni di allievi   Per tutti l’inizio delle scuola era il 1° ottobre. I bidelli, dopo...

Facce da sindaco

La raccolta dei dati e delle foto è stata resa possibile grazie al lavoro di ricerca di Manuela Caracciolo e Giulio Morra, affiancati da...

Ciao Giorgio. Grazie di averci fatto assistere allo spettacolo della tua...

Ci si incontrava spesso a notte inoltrata, nel ristorante della compagna di un discografico. Giorgio mi salutava sempre allo stesso modo: «Sesso, bagna cauda e rock and roll»