venerdì 2 Dicembre, 2022
HomeTracce di...Don Bosco è l’autore di un libretto scomparso sulla vite e il...
TRACCE DI

Don Bosco è l’autore di un libretto scomparso sulla vite e il vino

Si rilancia la proposta per farlo nominare santo protettore dei viticoltori

Nel mondo ci sono 10 milioni di viticoltori e addetti alle cantine e centinaia di milioni di consumatori di vino. Non c’è però un santo patrono per questo settore. Nel dopoguerra fu il prof. Garoglio, che insegnava enologia all’Università di Buenos Aires, a proporre San Giovanni Bosco come patrono degli enologi. 

Il salesiano padre Oreglia, docente di enologia, citò un libretto dal titolo Enologo Italiano che era stato scritto dallo stesso don Bosco. Me ne parlò padre Oreglia, sempre a Buenos Aires, chiedendomi di cercare quel volumetto in Italia così come fece il prof. Garoglio che, al rientro in patria, fu chiamato da Padre Gemelli a Piacenza a insegnare enologia all’Università Cattolica.

Garoglio citò quel libretto anche nella rivista Enotria e nella sua Enciclopedia vitivinicola mondiale (1973). Le ricerche di quel documento sono però finora risultate vane. È rimasta una traccia di memoria. Forse è stato “dimenticato” in qualche biblioteca. Secondo le ricerche bibliografiche di Carmelo Palumbo fu scritto tra il 1844 e il 1846, stampato e distribuito forse in 25 mila copie. 

Le Moyne, biografo del santo, scrive che si trattava di un volumetto di 150 pagine, nel quale «dopo avere accennato alla coltura delle viti, alle condizioni di una buona cantina, alla preparazione dei tini, delle botti e degli altri vasi vinari, egli insegnava diverse maniere di produrre il vino, il tempo di travasarlo, il modo di conservarlo sano, d’impedire che inacetisca o prenda gusti cattivi…» (da Memorie biografiche).

In attesa di ritrovare questo famoso libretto, l’idea di un patrono per il mondo vitivinicolo venne ripresa nel 1988, nel centenario della morte di San Giovanni Bosco, nato nel 1815 alla cascina dei Becchi di Castelnuovo. Nel paese natale si tenne anche un convegno con adesioni importanti. Ma l’idea non ebbe seguito concreto. Il prossimo anno ricorre il bicentenario della nascita del santo e mi pare opportuno rilanciare la proposta, considerando che è prevista per le celebrazioni anche la visita di papa Francesco, la cui famiglia è originaria delle terre astigiane. 

Don Bosco è sempre rimasto legato alle sue origini e al mondo contadino

A 12 anni fu mandato a lavorare nelle vigne

Il papa è molto legato alle sue radici piemontesi e non fa mistero di conoscere e amare il mondo del vino. Il giovane Giovanni Bosco da ragazzo lavorò nelle vigne: a 12 anni mamma Margherita, come si usava a quei tempi, lo mandò a fare il garzone agricolo a Moncucco.

Quando entrò in seminario portò in “dote” un piccolo vigneto. Nella vita del santo la terra, i lavori agricoli e in particolare quello della vigna sono molto presenti e citati. Si occupò tra i primi di formazione ed educazione dei giovani delle classi meno abbienti. Le scuole salesiane nel mondo hanno diffuso la coltura della vite.

Va citata l’attività dell’istituto di Canelli che aveva vigne e cantine e acquisì fama enologica fino al 1974, quando venne purtroppo chiuso, forse per mancanza di vocazioni. Don Bosco si occupò anche della fillossera, la malattia che attaccò per decenni le viti. La sua estrazione contadina si rivelò in particolare nella preparazione professionale dei ragazzi, che portava personalmente a vendemmiare e seguiva nei lavori di cantina.

Don Bosco se ne intendeva ed era uno scrittore prolifico. Oltre al già citato e finora introvabile volumetto Enologo italiano, nel 1846 prese posizione contro il raddoppio del dazio sul vino considerato un alimento, soprattutto in campagna. Nelle ricerche bibliografiche sono emersi altri interventi in tema a firma di don Bosco: Sugli abusi del bere (1854), Ricetta per bevanda suppletiva al vino bianco (1854), Alterazioni casuali del vino (1857), Alterazioni artificiali del vino (1857), Contra i vissi dl’ubriachezza (1862).

C’è anche una poesia per gli Amatori del vino (1872). Esistono citazioni anche tra I Sogni di Don Bosco che papa Pio IX riteneva “segni” profetici. Fra quelli di carattere viticolo si segnalano: La vite misteriosa, Il falcetto del potatore, La fillossera

È fuor di dubbio che non sarà facile trovare un santo più vitivinicolo di San Giovanni Bosco, che oggi meriterebbe una laurea honoris causa in viticoltura ed enologia, ricordando ciò che ha riportato il suo biografo: «Io non scrivo per i dotti, ma per il popolo». L’Expo 2015, sui temi dell’alimentazione, giunge nel bicentenario della nascita di San Giovanni Bosco ed è una occasione in più per ripresentare la candidatura ufficiale a papa Francesco di San Giovanni Bosco come “Patrono mondiale dei viticoltori”. Si potrà festeggiare con un brindisi di Malvasia di Castelnuovo, il vino doc che nasce nelle terre dei santi. 

Latest posts by Mario Fregoni (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE