domenica 26 Giugno, 2022

Astigiani 7 – marzo 2014

È la storia, bellezza

di Sergio Miravalle

Eccoci alla settima tappa del viaggio editoriale di Astigiani. Il menù spazia dalle ere geologiche all’ultimo Novecento. Raccontiamo la curiosa teoria del Tanaro che a ben misurare è più lungo del Po, anche grazie a una “cattura” che ne fece cambiare il corso centomila anni fa. E poi ecco un viaggio nella propaganda fascista con ciò che ancora rimane dei “graffiti del Duce”. E che dire della rivoluzione delle “pizzerie” che hanno cambiato il nostro modo di mangiare da mezzo secolo a questa parte.

È degli Anni ’60 un’altra “rivoluzione” nel costume: ecco i primi capelloni del Club Abramo, chi erano e come venivano raccontati. Infine facciamo rispuntare dalle cineteche un film girato ad Asti nel 1980, il mai dimenticato Spaghetti a mezzanotte che affiancò a Lino Banfi e Barbara Bouchet decine di comparse astigiane. C’è anche una curiosa coda giudiziaria che la dice lunga su come andavano (e vanno?) le cose in certi ambienti. Da non perdere le rubriche e l’Album di famiglia dedicato questa volta a una memoria che molti di noi hanno ancora in tasca: la patente vecchia maniera, quella con foglietto rosa, bolli e rinnovi. Divertitevi a scoprire volti e nomi da pagina 60.

Questo numero di Astigiani ha anche una rubrica nuova e speciale: la collina di Spoon River: una “manciata di parole” dedicate a chi non è più tra noi (a pagina 117). Infine una considerazione. Una rivista di storia e storie come Astigiani non deve avere l’assillo di seguire fatti di cronaca. Ma è la storia a farsi largo e a essere sempre prepotentemente fra noi. Piove e crolla un castello. È successo a Frinco dove un’ala del maniero abbandonato da anni e finito in un buco nero di fallimenti, è precipitata sulle case.

Per fortuna non ci sono stati morti e ora si discute su chi deve pagare per togliere le macerie. Indecente. Astigiani se ne occuperà nel prossimo numero. Si scava sotto il palazzo del Collegio per far spazio alla biblioteca e spunta una vasca per la calce d’epoca romana a conferma che la Asti sotterranea, ancora in gran parte da scoprire, potrebbe dare sorprese esaltanti. È la storia, bellezza. La nostra storia. Ci hanno dato anche un Oscar.
Vediamo di meritarcelo.

L’ultimo acuto del tenore Gamba tra le macerie del terremoto di...

Sarebbe diventato uno dei maggiori tenori del suo tempo se un destino crudele non ne avesse infranto i sogni. Morì, con moglie e figli,...

A Canelli la memoria è viva e raccontata

In città non si fa mai niente!: un’esclamazione ricorrente anche nel frasario dei canellesi. Come risposta, nel 2005 un’associazione ecclesiale ha riflettuto su come...

Revigliasco paese dei ciliegi in fiorela capitale primaverile dell’agricoltura astigiana

Revigliasco ha ancora la fama di paese delle ciliegie, ma purtroppo negli anni questa caratteristica è andata perdendosi. La produzione di questi profumati frutti...

Epopea Saclà: straordinari anni vissuti da vincenti Una squadra e i...

Dalla serie D all’Olimpo della serie A in cinque indimenticabili stagioni che hanno avuto dell’incredibile. Sono rimaste un sogno per tanti astigiani, infranto solo...

I primi capelloni aprirono il club abramo nel 1965 in via...

Ad Asti furono loro i primi capelloni. Figli del cambiamento già prima del fatidico ’68, si riunirono nel Club Abramo che aveva sede in...

La “cattura del Tanaro” cambiò la geografia

Solitamente ai fiumi si attribuisce il nome della sorgente più lontana. Ma se le sorgenti del Negrone, principale affluente del Tanaro, sono il punto...

IL TANARO PER NOI BAMBINI ERA UN GRANDE COMPAGNO DI GIOCHI

  Io e il Tanaro. Conosco il fiume, ci ho vissuto vicino per tutta la vita. Da bambini ci era “proibito”. Le  raccomandazioni di mio papà...

Quando nell’Astigiano c’era il mare e ci nuotavano le balene

Incontri ravvicinati al nuovo Museo paleontologico del Michelerio   In termini geologici, la Pianura Padana è un elemento molto giovane del paesaggio europeo. Prima che si...

I graffiti del Duce. Decine di scritte ancora evidenti sui muri...

Una maxi scritta coprì tutto il tetto dell’Alla in piazza Alfieri   Sono passati più di settant’anni e ancora alcune occhieggiano dai muri, solo un po’...

E cominciammo a mangiar la Margherita. Negli anni Cinquanta aprirono le...

Storicamente la pizza è napoletana, ma le prime vennero servite agli astigiani dal toscano Gino Pieracci che, con la moglie Laura Botrini, rilevò un...

I quindici giorni in cui Asti si sentì un po’ Hollywood...

Chissà che faccia avevano, mentre uscivano dal cinema Politeama. I primi astigiani ad aver visto Spaghetti a mezzanotte, la commedia girata in città l’autunno...

Vittorio Vallarino Gancia

Avrebbe voluto fare il chirurgo, ma il padre Lamberto lo richiamò alla tradizione di famiglia. Il suo destino lo aveva in quel doppio cognome...

Dal Seicento astigiano ecco la sorpresa dell’inedito San Secondo

  C’è anche un San Secondo su bellissimo cavallo bianco tra i dipinti proposti nella mostra “Asti nel Seicento” che nel sottotitolo “artisti e committenti...

«Da grande faccio il contadino»

Astigiani non si occupa solo del passato in senso stretto. La rubrica “Tempo futuro” racconta piccole e grandi storie di chi sta guardando avanti,...

Una misteriosa lapide nel cortile del palazzo degli Anni ’60

Accanto a lapidi e monumenti bene in vista in vie e piazze della città che testimoniano eventi importanti, esistono frammenti di storia minore che...

Tenete i cani lontani dal monumento

Il monumento ai Caduti non è un vespasiano Da Il Cittadino del 18 settembre 1932   Come ex combattente mi permetto di far rilevare che il Monumento...

Guido Artom trasformò Asti in luogo letterario

Quando, nell’estate del 1981, a Villa Giulia a Roma si tenne la cerimonia di consegna del Premio Strega, i pronostici furono pienamente rispettati: c’erano...

Il commissario dal conservatorio al jazz

I suoi primi ricordi di una musica che, allora, non sapeva ancora si chiamasse jazz, risalgono all’infanzia. Gianfranco Vaccaneo abitava in un palazzo di...

Sebastiano Torchio il sogno a due ruote spezzato dalla guerra

Trincere o, nell’abituale vulgata astigiana, “le Trincere”, è la piccola borgata d’Oltretanaro famosa un tempo per le lavandaie, il Circolo Rinascimento, sede di una...

Selvatiche e appetitose ecco le erbe di campo da raccogliere e...

Chissà se nel negozietto di madama Beligambi, tra ceste di cavoli e patate, sedani e indivie, si vendevano in questa stagione sarsèt e pisacàn,...

Petali rosa al funerale di Anna

Il Cittadino del 23 marzo 1946 registra una breve nota di cronaca: «La bimba Anna Maria De Alexandris, di Renzo, di anni 3, residente...

Il lupo non mangia l’inverno

Il calendario dice che arriva la primavera. Quando ero ragazzo le stagioni si toccavano, si annusavano, si sentivano sulla pelle. Soprattutto questa, attesa più delle...

“Le mie vacanze a Castagnole Lanze con Pavese nello zaino”

Vive e lavora da molti anni a Roma, Lidia Ravera, scrittrice e attualmente assessore alla cultura nella giunta della Regione Lazio guidata da Nicola...

Parole e immagini di un palazzo e della sua nuova vita

La primissima impressione incominciando a sfogliare il volume: tre pagine di nomi, i nomi di tutti quelli che, privati o ditte, in modo più...

Quell’amore imperfetto al mercatino dell’antiquariato

Chi sono gli “angeli dalle colline”? Aldo Giordanino, classe 1966, scrittore astigiano colto e raffinato, cerca di individuarli in una serie di racconti che...

Freschi di stampa

Gianni Il Deboscio, Visiogeist 2013, 204 pagine, 18 euro «Visiogeist è la casa editrice dei libri scritti sopra le righe e in mezzo alle immagini,...

Il lievito madre racconta una storia dolce

È nato il giorno di Ferragosto: «Erano le quattro del mattino e il destino segnato: è l’ora in cui mi sono sempre alzato nella...

Il tenente di Faletti al Festival di Sanremo

Accadde nel primo trimestre   10 ANNI 31 gennaio 2004 – L’oncologo Umberto Veronesi è nominato cittadino onorario di Asti.   20 ANNI 4 gennaio 1994 – 26...

Petali rosa al funerale di Anna

L’omaggio di Renzo De Alexandris alla figlioletta morta nel 1946

Il lupo non mangia l’inverno

Il passaggio di stagione nei detti popolari

“Le mie vacanze a Castagnole Lanze con Pavese nello zaino”

La scrittrice Lidia Ravera a casa dello zio farmacista giocava con le cugine

Parole e immagini di un palazzo e della sua nuova vita

Parole e immagini di un palazzo e della sua nuova vita