sabato 26 Novembre, 2022
HomeParole di PietraUna misteriosa lapide nel cortile del palazzo degli Anni ’60
PAROLE DI PIETRA

Una misteriosa lapide nel cortile del palazzo degli Anni ’60

In via Roero 5 una sorpresa medioevale

Accanto a lapidi e monumenti bene in vista in vie e piazze della città che testimoniano eventi importanti, esistono frammenti di storia minore che incuriosiscono proprio per la loro ermeticità. Per scovarne uno, basta oltrepassare l’ingresso del civico n. 5 di via Roero, proprio di fronte al “Cafelait”.

In quel punto della strada l’uniformità architettonica degli edifici per lo più ottocenteschi convive con due estremi: una torre tardo duecentesca e un condominio dei primi Anni ‘60. Superato l’androne del palazzo ci si trova nel cortiletto con garage, balconi, ringhiere, tende di plastica e panni stesi. Di fronte, una parete di mattoni in cui è incastonata una piccola lapide in pietra arenaria di età medioevale.

I segni del tempo non ne permettono una completa leggibilità, tuttavia è ben evidente uno scudo di forma sannitica, tripartito, contornato da un’iscrizione della quale sono leggibili soltanto le parole che fanno riferimento a un non meglio identificato Giovanni Bartolomeo Scatia (probabilmente un cognome riconducibile all’attuale Scassa). Nelle partizioni compare l’arma dei Roero a destra (le tre ruote), mentre a sinistra i due stemmi (quello in alto illeggibile e quello sotto a strisce diagonali) non sono identificabili.

Sul cortile si affacciano una finestra murata con bifore e si scorge la torre ottagonale attigua al palazzo De Regibus, che dominava l’isolato tra via Asinari e via Roero: un consortium chiuso purtroppo intaccato dalle “invasioni barbariche” dell’edilizia Anni ’60 con tapparelle e paramano.

Il cortile di via Roero 5 dove si trova la lapide

Spicca la particolarità della torre su via Roero, unico esempio astigiano di torre a pianta ottagonale. Perché allora una lapide con uno stemma dei Roero tra le proprietà dei De Regibus? Difficile stabilirlo con certezza, ma i documenti informano che i De Regibus e i Roero avevano una torre in comunione.

Le citazioni di personaggi in un testamento del 1311 farebbero inoltre pensare a un legame di tipo parentale tra le due famiglie astigiane. Lo stemma a scacchi dei De Regibus (famiglia all’epoca dedita al prestito di denaro e anche all’usura) si vede ancora oggi sopra il portone in quello slargo del corso Alfieri.

Ben più copiose, invece, le testimonianze dell’arma dei Roero, famiglia non nobile di stirpe, ma di mercanti arricchiti che entrarono nell’aristocrazia cittadina acquisendo prestigiose proprietà e adottando un blasone con le tre ruote per rafforzare il proprio prestigio sociale.

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE