lunedì 28 Novembre, 2022
HomeParole di PietraUcciso per aver disegnato vignette satiriche
PAROLE DI PIETRA

Ucciso per aver disegnato vignette satiriche

Dal Monferrato alla guerra in Grecia fino ai morti parigini di Charlie Hebdo

I sanguinosi fatti di Parigi, con l’attacco terrorista islamico alla redazione del giornale satirico Charlie Hebdo, hanno sconvolto l’opinione pubblica mondiale e fatto scendere in piazza milioni di persone. “Je suis Charlie” è diventato il motto di questa sollevazione delle coscienze.

C’è in Monferrato una lapide che racconta una storia lontana, ma per certi versi collegabile a ciò che è successo a Parigi sotto i riflettori mediatici del mondo. È una piccola storia nella grande tragedia della Seconda Guerra mondiale che ha per protagonista un monferrino ai più sconosciuto: Francesco Besso, sergente nel Regio Esercito italiano. La sua vicenda è sintetizzata in una lapide incastonata sulla facciata della scuola media di Vignale, a lui intitolata, e gli è valsa la medaglia d’oro al valor militare alla memoria.

Besso era di origini contadine. La sua famiglia era di Vignale Monferrato, nel 1921 si trasferì a Milano. Allo scoppio della seconda guerra mondiale fu richiamato alle armi e mandato nell’Egeo, a Rodi, come sergente del 27° raggruppamento di Artiglieria. Gli italiani durante il conflitto occuparono centinaia di isole greche in coabitazione, non sempre facile, con i tedeschi.

All’armistizio dell’8 settembre 1943, molti reparti senza più ordini precisi e nella confusione dei comandi superiori, si rifiutarono di cedere le armi agli ex alleati nazisti. Nacque una prima forma di resistenza che portò, nel caso più noto ed eclatante, all’eccidio della divisione “Acqui” a Cefalonia. Anche sulle altre isole si combatté: numerosi italiani morirono, la maggior parte fu fatta prigioniera per essere destinata ai campi in Germania, dove il governo fascista della Repubblica di Salò, tentò, con scarsissima adesione, di ricostituire reparti combattenti a fianco dei tedeschi.

Francesco Besso fu rinchiuso con altri commilitoni in un campo di internamento dell’isola, in attesa del trasferimento. Besso amava disegnare e con i pochi mezzi a disposizione, qualche matita e alcuni fogli di carta iniziò a disegnare vignette satiriche che circolavano per il campo e che prendevano in giro Hitler e Mussolini. Quei fogli di carta erano “pericolosi” e sovversivi. I tedeschi li sequestrarono e grazie a una spia ne individuarono l’autore.

Il sito dell’Anpi, Associazione nazionale partigiani, dedica a Besso una pagina che sintetizza la vicenda e la figura del sergente umorista: «Besso fu processato e condannato a morte. Neppure prima dell’esecuzione il suo sarcasmo venne meno. Alla richiesta se volesse esprimere un ultimo desiderio, si racconta che quel mattino del 27 febbraio 1945 abbia risposto: “Certo, vorrei che mi faceste vedere un po’ di pane”».

Questa la motivazione della Medaglia d’oro alla memoria di Francesco Besso, impressa sulla lapide: «Alla data dell’armistizio dell’8 settembre 1943, dopo avere strenuamente combattuto contro i tedeschi, cadeva prigioniero del nemico. Malgrado promesse e minacce rifiutava sdegnosamente di collaborare con l’avversario ed esortava i suoi compagni a sopportare gli stenti e le privazioni della prigionia. Sfruttando le sue capacità artistiche di disegnatore, faceva propaganda antitedesca con disegni caricaturali che mettevano in ridicolo capi e forze armate nazifasciste. Scoperto per vile delazione, veniva processato per disfattismo e condannato a morte. Dinanzi al plotone di esecuzione dileggiava ancora il nemico e con il sorriso sulle labbra, al grido di “Viva l’Italia!” cadeva fulminato. Il suo fiero contegno suscitava l’ammirazione dei suoi stessi carnefici».

Ai ragazzi delle Medie che frequentano ogni giorno la scuola, accanto al bel Palazzo Callori, avranno spiegato che Vignale può essere molto più vicina a Parigi di quanto appaia sulla carta geografica? 

 

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE