domenica 26 Giugno, 2022
Home Se ci penso

Se ci penso

RICORDI DI UN GAGNU DEL BORGO ATTORNO ALL’OSPEDALE

Il primo giorno di scuola durante la guerra noi bambini non sapevamo cosa fosse la pace   Maglione di lana spessa e pruriginosa, fatto a mano...

Il diario di mio padre nel Mediterraneo in guerra

In casa lo abbiamo sempre considerato un cimelio. È il diario di mio padre, il nostromo Aldo Paracchino: la cronaca copre la quasi totalità...

“Ho calcato il palcoscenico con Dario Fo”

Io e Mariangela diventammo amiche durante i provini per formare il cast di Settimo ruba un po’ meno. Mariangela Melato aveva già lavorato per...

Il fascino dimenticato delle latterie

Oggi il latte lo si trova un po’ dappertutto: nei supermercati, nelle macellerie, perfino dal verduriere o nei distributori automatici a monete. Te lo...

Titta continua a scalare, il maestro è in vetta

Sua madre raccontava che era scappato di casa a 9 anni. Per andare dove non si sa, nessuno aveva mai avuto tempo di chiederglielo....

Quella porticina gialla si aprì sulla libertà

Milena Ercole è tornata, per sempre, nella sua Asti il 29 febbraio scorso. per decenni aveva girato il mondo con la sua macchina fotografica...

Revignano era il nostro Maracanà

Il campo di gioco era uno sghembo trapezio. In leggera discesa. Una porta addossata alla collina, più in alto; l’altra, in basso e sul...

Quando a Moncalvo girò la roulette

Difficile da immaginare, ma c’è stato un tempo, subito dopo la guerra, in cui Moncalvo ebbe una sala da gioco. Forse è troppo definirlo...

Quell’anno finalmente non avevamo più il fiocco dei piccoli

Eravamo piccoli ma ci sentivamo grandi, noi della terza B della scuola elementare “Francesco Baracca”, il primo ottobre del 1969. Trenta, tutti maschi, felici...

A Castel Boglione un “Cinema Paradiso” fece sognare il paese

Al paese lo chiamavano tutti Livé per via di quel difetto nella pronuncia della faticosa “erre”. Era della leva del 1914 e dovette andare...