mercoledì 22 Maggio, 2024

Astigiani 22 – dicembre 2017

Questo editoriale era stato scritto ai primi di novembre da Luciano Nattino, in collaborazione con Piercarlo Grimaldi, destinato alla pubblicazione su questo
numero di Astigiani. Lo proponiamo come testimonianza e ricordo dell’autore.

E che Gelindo ritorni

di Luciano Nattino

A Mombarone, tra le prime colline che confinano con la città di Asti, vi è un gruppo di case-grotta che, con passione e altruismo, vengono recuperate per testimoniare un profondo passato che ci è prossimo.
Nei primi decenni del secolo trascorso alcune di queste erano ancora abitate. Vivere con gli animali in un’abitazione di natura rappresenta un modo di essere al mondo di cui la modernità, nel corso di poco tempo, ha favorito l’abbandono. Un gesto importante, di civiltà che poneva fine ad una convivenza uomo-animale-natura di estrema drammaticità. Un atto che rappresenta un decisivo culturale tornante del farsi d’umanità. Eppure, nell’approssimarsi al Natale, non possiamo dimenticarci che il nostro passato è stato anche questo. E’ commovente che per rinnovare la sacralità del tempo della natività la gente del posto faccia ancora nascere il Bambino Gesù nella grotta.
Un gesto, un frammento di memoria che è estremamente importante per la società del presente che sembra perseguire ostinatamente l’oblio del passato. Il bambino che ri-nasce nella campagna della tradizione, quella povera, ci ricorda più di ogni altra rappresentazione, festeggiamento, luminaria, pranzo
la nostra comune provenienza contadina e il dovere di mantenerne la memoria.
In queste case-grotta forse riecheggia ancora la storia che ci hanno narrato i nostri padri, dell’intraducibile, misterioso fatto che “quattro erano i tre re magi”. Una formularità contadina che ritenevamo stolta, una villanata priva di senso, mentre non era che la traccia di lontane, colte narrazioni che per misteriose vie orali sono arrivate su queste colline e ne hanno alimentato la poetica popolare.
Per le prossime feste vogliamo dedicare a tutti gli astigiani questo frammento di ricordo di famiglia che pensavamo inutile.
Solo oggi comprendiamo, troppo tardi, ciò che i nostri padri volevano consegnarci: un natalizio dono di saggezza, uno scampolo di leggerezza per vivere meglio la serenità del mondo.
E che Gelindo ritorni.
Scritto in collaborazione con Piercarlo Grimaldi

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Accadde nel quarto trimestre 2017-1917

10 anni   19 novembre 2007 – Si spegne alla Casa di Riposo Città di Asti all’età di 79 anni lo strillone Primo Lamberti. Caratteristico personaggio...

Sul calendario quarto trimestre 2017

12 settembre Il callianese Monsignor Angelo Accattino, 51 anni, è nominato Nunzio Apostolico in Bolivia da Papa Francesco. Assume il ruolo di arcivescovo di Sabiona...

La collina di Spoon River – Dicembre 2017

Guido Grasso  Camerano Casasco 3 dicembre 1944 - Asti 1 agosto 2017 Operaio  alla Martinengo pelli   Io che svettavo su tutti per la mia altezza, suonavo come...

Dal Nuovo Mondo con un patrimonio in caffé

Giuseppe Stefano Incisa Giornale d’Asti, 1817 Novembre 24 Lunedì A mattina fu nuoloso, indi sole. Conza ritorna dall’America. Giunse finalmente in Asti sua patria il signor Giuseppe Giorgio Conza,...

Freschi di stampa

    Calendario 2018 del comune di Viarigi Per la 27a edizione di Saltinpiazza il comune di Viarigi con la Provincia e Unicredit ha pubblicato un catalogo...

Il Monferrato è una fiaba nelle foto di Anne Conway

Anne Conway è una fotografa inglese, monferrina adottiva, come ama definirsi.  Abita infatti a  Grazzano Badoglio. Ha lavorato molti anni per la rivista Airone. In...

Tra castelli e ville là dove si narrano leggende di fantasmi

Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta sono ricchi di episodi legati all’apparizione di fantasmi. Amina Oliver, scrittrice e sceneggiatrice di origine armene, ha girato le...

Cercare l’amore dopo la delusione, storia di Maria Luigia

L’autrice è già conosciuta soprattutto per l’appassionata ricerca storica sull’Astigiano. In quest’ultima opera si è impegnata in un romanzo storico, ambientato nel Piemonte della...

Anna Bolena, un amore mandato al patibolo: Enrico VIII si confessa

Gennaio 1547. Enrico VIII sta per morire lasciando come erede un ragazzino di neanche dieci anni. Le grandi famiglie inglesi non aspettano che l’ultimo...

La Iena di San Giorgio e altre storie di sangue. Se...

Quali tragici fatti hanno segnato la storia del Piemonte? Questo libro analizza alcune delle vicende più conosciute del passato e delinea i caratteri dei...

Cicatrici, ornamento dell’anima e segno di prove da superare

Francesca Gerbi, classe 1989 di Bra, da sempre appassionata di cultura e tradizioni di Roero e Astigiano, a San Damiano ha trovato l’amore e...

In cerca della mamma nel Monferrato che fu. Una storia vera

Una storia vera scritta dal castellalferese Carlo Borgna nell’arco di 10 anni. Il racconto della vita del padre nel periodo tra la fine della Prima...

La guida di Don Croce per riscoprire affreschi nelle pievi di...

Vittorio Croce, sacerdote e direttore della Gazzetta d’Asti, in collaborazione con Maria Grazia Cavallino, maestra e ricercatrice di storia locale, ha lavorato a lungo...

La Municipale indaga su un’apparizione a Palazzo Mazzola

Di professione è Commissario della Polizia Municipale di Asti e spesso lo si vede in sella alla motocicletta siglata con il numero 2. Stefano...

Dalle reti per salumi è nata l’idea del Surgifix

Il successo imprenditoriale dalla Fra di Cisterna e Dusino

Il bue e l’asinello protagonisti non solo nel presepe

Dicembre significa Natale e Natale significa presepe. Due “attori” sempre presenti in questa tradizionale realizzazione sono il bue e l’asinello. Vediamo come il nostro...

Cascine maiali e masacrìn

Il maiale, quando mangiare era davvero una vera e propria lunga festa per tutti, dai più grandi ai più piccolini.

I 65 anni del cestaio di via Aliberti

Lo storico cestaio di via Aliberti, lo specchio di una Asti che non c'è quasi più ma vuole continuare a vivere.

Tra porte-enfant culle, ciripà e borotalco

Per il benessere dei neonati e il sonno loro e dei genitori

“Professore mio professore”

Un docente di lettere ricordato dai suoi studenti del 1953/57

L’arte astratta turbò gli astigiani conservatori

Le polemiche nel 1949 e il post cubista Atanasio Soldati

Corale di San Secondo, il Santo Stefano è musicale

Il primo concerto di Natale nel 1974. Una tradizione che continua

L’Erca custodisce la cultura made in Nizza

L’Accademia fondata nel 1978. Intensa attività associativa ed editoriale

Le coincidenze agonistiche di Luigi Marchisio

Unico astigiano ad aver vinto un Giro d’Italia nel 1930

Isacco Artom custode dei segreti di Cavour

Una lapide ne ricorda l’opera da protagonista dell’Ottocento

Marina sul Red Carpet dopo quei 130 passi

La giovane attrice astigiana tra tv, cinema e teatro. A marzo, il ritorno allo Spazio Kor

Le bici in affitto hanno bucato

Le buone idee hanno le gambe lunghe e corrono. In questo caso le gambe servivano a pedalare, ma non sono bastate. Chi ha la...

Luciano Nattino: “Due o tre cose che so di me”

Astigiani pubblica in queste pagine ampi stralci dell’ autobiografia teatrale che Luciano Nattino ha mandato alle stampe nel febbraio 2015, edita dalla casa degli Alfieri e dall’archivio della teatralità popolare. 

Bagna Cauda Day, una festa sempre più profumata

Con la quinta edizione il Bagna Cauda Day ha confermato il suo successo, coinvolgendo quindicimila bagnacaudisti che in 150 locali hanno interpretato la più grande bagna cauda collettiva e in contemporanea al mondo.

Pareti scavate nel tufo e un tetto di fossili

Nei dintorni di Mombarone, alle porte di Asti, si aprono oltre 70 “crotin”. Per secoli, molti di questi hanno ospitato quelle famiglie contadine senza i mezzi necessari per affittare o possedere un’abitazione con un tetto.

Naso all’insù, la libellula rossa vola su Asti

Romolo Manissero, pilota acrobatico ingaggiato per 6000 lire dal Comune Oggi ci sono semplici applicazioni che sullo smartphone consentono di conoscere rotta e tipo di...

Quando Brofferio voleva essere il nuovo Alfieri

Asti gli ha dedicato una via, una scuola media e una compagnia teatrale che portano il suo nome.

I 74 astigiani deferiti al tribunale speciale

Questa è la storia degli astigiani deferiti al tribunale speciale, l’organo istituito dal fascismo per giudicare i reati contro lo Stato e il regime

Federico Martinotti, pioniere della spumantistica italiana

Direttore della Regia stazione enologica di Asti dal 1901 al 1924 "Il comune di Villanova Monferrato ricorda il suo illustre figlio FEDERICO MARTINOTTI nato il...

Istituto di enologia, un tesoro nascosto da riscoprire

Ha quasi 150 anni e li dimostra. L’istituto sperimentale per l’enologia di Asti, da qualche tempo diventato Cra-Eno, è un centro di ricerca applicata che studia la nascita del vino e dei suoi derivati in tutte le sue forme.