sabato 1 Ottobre, 2022

Astigiani 11 – marzo 2015

Sarà un anno tutto da leggere

di Sergio Miravalle

Benvenuti. Entriamo, con coraggio, passione e tenacia nel quarto anno di Astigiani con questo numero 11 di primavera. Apriamo con un viaggio al tempo degli antichi romani. Un passato remoto tutto da riscoprire, affascinante e sorprendente soprattutto se si esce dalla logica dei libri di storia scolastici e si tenta di ripercorrere l’evoluzione di un’epoca e di una città, con attenzione particolare alla vita e alle abitudini quotidiane dei nostri antichi concittadini.

Lo conferma la mostra “Alle origini del gusto”, ospitata a Palazzo Mazzetti, fino al 5 luglio. Astigiani è tra i media partner di questa rassegna frutto delle ricerche e dei ritrovamenti concentrati nell’area vesuviana. Una mostra che utilizza il fascino delle nuove tecnologie, molto diversa dalle esposizioni statiche di certa archeologia accademica. Con una fantasiosa, ma non troppo, lettera inviata a Roma da un abitante della antica Hasta, potrete fare un salto all’indietro nel tempo e accomodarvi sui triclini della Domus di via dei Varroni, con il suo prezioso mosaico (da cui abbiamo tratto l’immagine di copertina). Uno dei tanti tesori nascosti di questa nostra terra.

Facciamo un salto di secoli. La rivista affronta il tema della Grande Guerra con il primo di una serie di articoli che accompagneranno tutto il 2015, anno del centenario dell’entrata dell’Italia nel conflitto mondiale. E poi ecco altri spunti e curiosità, dalla nascita della Biblioteca Astense a quella dei giardini pubblici, l’arrivo di Buffalo Bill e la caduta di asteroidi nel cielo del Monferrato, le rubriche, i ricordi. Non dimentichiamo l’ironia con il nostro Album di famiglia dedicato allo sport. È primavera, facciamo un po’ di moto. Ne vedrete delle belle. Buona lettura.

Ma che Storia è questa?

di Luciano Nattino presidente Associazione Astigiani

Ai tempi della mia maturità fui rimandato a settembre (nel ‘67 era così) in storia e filosofia, le materie in cui ero meglio preparato. Fu solo mia la “colpa”, in quanto, convocato inizialmente per storia e dall’alto della mia onniscienza, contestai la prima domanda «Mi parli di Garibaldi? Domanda troppo generica!», suscitando un clamoroso caso politico tra i commissari e i pochi studenti presenti. Era la mia personale rivoluzione pre-sessantottina.

In compenso il commissario di storia e filosofia mi fece un tale “tombino” controrivoluzionario in entrambe le discipline che mi costò l’estate sui libri. A settembre, agli esami di riparazione, mi risollevai grazie al Risorgimento e a una tesina su Kant. Ho riferito questo episodio per dire come allora si arrivasse con lo studio scolastico solo a fine Ottocento, nulla sapendo della Prima guerra mondiale, del fascismo e della Resistenza, cioè della Storia che ci riguardava da molto vicino.

“Inutile strage” la definì il Papa, Benedetto XV, riferendosi alla Prima guerra mondiale e “inutili stragi” va ripetendo oggi Papa Francesco, riferendosi alle esecuzioni e alle tante, e anche troppe, guerre in atto e ai tanti sepolti in mare. Di fronte a tali lutti e alle minacce di guerra, mi sento smarrito, confuso, spaventato e mi chiedo se i giovani d’oggi, impegnati nelle istituzioni e nel volontariato, possano uscire da questa nebulosa e viscida impotenza e, con il coraggio della speranza e dell’intelligenza, riescano a costruire un percorso che porti a incidere in modo propositivo sul corso della Storia.

A proposito, chi contesta più oggi le domande agli esami di maturità?

Un baule di ricordi da palcoscenico

Il titolo del libro di Livio Musso - Trin Trun Tran - significa, come spiega lo stesso autore in un piccolo glossario delle parole...

L’ora canonica, breviario comico di padre filip

Un breviario ironico e irriverente come sa esserlo questo “prete dall’abito talare preso a prestito con cappello nero dal vezzoso nastro blu”. È Filippo...

Freschi di stampa

Il volume, “dedicato a chi non ha timore di guardare oltre la realtà apparente”, rappresenta un prodotto letterario originale e, in qualche misura, misterioso:...

Freschi di stampa

Così l’autore definisce il libro: il “diario professionale” di un uomo che ha creduto, e crede ancora, che con un briciolo d’arte e con...

Freschi di stampa

Ferdinando Camon scrisse un libro bellissimo: Un altare per la madre. Il libro di Lucia Freschi fa ricordare il libro di Camon, anche se...

Torna il gioco dell’archibugio

2 APRILE   DOMENICA IN ALBIS   Esendo stato permesso già assai prima d’ora alla Confraternita della Misericordia l’esercizio del Giuoco dell’Archibuggio, stato sospeso per degni motivi nel...

Lettera da Hasta a Roma: “Vivo qui tra gli astensi”

Parlano un latino buffo e anche i ricchi odorano di terra e di stalla   A Marco Aquilio Tusco, da Marco Calvisio Ultore, salute. Non hai...

Venti di guerra dalla libia al piave che mormorava

Nel 1911 partirono dal Casermone verso Tripoli i bersaglieri del 9° reggimento   Un secolo dopo si torna a parlare di Libia dal punto di vista...

Biblioteca Astense 142 anni di letture Storia, traslochi e donazioni

Vent’anni di attesa per arrivare all’apertura del 18 marzo 1873 La prima dotazione era di dodicimila volumi   Più di un secolo e mezzo fa, nella seduta...

I giardini pubblici nati sul viale del “Gazogeno”

Il concetto di verde pubblico è ottocentesco, prima i giardini erano spazi privati di nobili e religiosi   Tra la fine del Settecento e gli inizi...

Sognando il cavallo bianco di Buffalo Bill

Una storia intrecciata tra il Monferrato e il Far West   Il 27 aprile 1906 Pietro Perrone, seduto in prima fila sotto il tendone da circo...

Pietre celesti il meteorite di Montemagno

La lettera del podestà conferma ora e data e azzarda un peso di 15 chili   Quella notte di fine inverno il Virgilio Raimondo fischiettava di...

È primavera facciamo un po’ di sport

TORNA IL GIOCO DELLE FOTO CON I PROTAGONISTI DA RICONOSCERE. ABBIAMO PENSATO IN QUESTO NUMERO IN USCITA A PRIMAVERA DI PROPORRE UNA SELEZIONE DI...

Sergio Gonella, una vita da arbitro. La finale dei Mondiali in...

Dalla prossima stagione, sulla divisa degli arbitri di calcio compariranno anche tre stelle. Per i 35 mila arbitri italiani simboleggeranno tre momenti importanti legati...

Silvio Ciuccetti la forza dei segni di un artista

Il tavolo della cucina ingombro di medicine e alle pareti suoi quadri e qualche fotografia che incornicia una vita intensa e passionale. Silvio Ciuccetti,...

Se il brivido dell’alta quota diventa una professione

Fare delle proprie passioni un lavoro è il sogno di tanti. Pochi ci riescono, perché trasformare una buona idea in business è complicato: servono...

Ucciso per aver disegnato vignette satiriche

I sanguinosi fatti di Parigi, con l’attacco terrorista islamico alla redazione del giornale satirico Charlie Hebdo, hanno sconvolto l’opinione pubblica mondiale e fatto scendere...

Da novant’anni suonano i mandolini

Sfatiamo un mito: il mandolino non si suona e si ascolta soltanto a Napoli. Anche al Nord lo strumento piace ed è suonato con...

Zoccoli ai piedi come sculture d’arte povera

Ricavate dal legno di acero, salice, o del più leggero, morbido ed elastico pioppo (in particolare la varietà verna di colore più rossiccio, si...

Cronache di famiglia tra Asti e la Calabria passando per la...

Il titolo: “I pelagra”: la pellagra era una malattia della pelle, con conseguenze gravi, causata da un’alimentazione soprattutto a base di mais, ovvero polenta....

Africa da amare, Africa da capire, Africa memorabile

Felice Appiano, classe 1924, è al suo esordio come narratore. Racconta la gioia e il dolore (Furaha e Muramivu in swahili), dell’Africa dove andò...

Autori astigiani tra guerra santa e califfato

Due volumi scritti da autori astigiani forniscono argomenti di grande interesse sullo “scontro di civiltà”, e lo fanno con punti di vista e approcci...

Da tre generazioni fanno cantare il forno a San Damiano

Più che una vetrina o un’insegna, quella bottega è un’abitudine. Lo è per gli abitanti di località Castelnuovo. Lo è per quelli di San...

I “morosi si parlano” e vanno a purté a bisca

Eccoci di nuovo in primavera. Per celebrare la bella stagione ricordo un raccontino paradossale. L’ho ascoltato più volte dal mitico Bassignana, detto Baciglio. Credo...

Quando Michele Ferrero fu mandato a conquistare Asti

Questo testo riporta il discorso che Michele Ferrero, l’industriale dolciario albese scomparso nel febbraio scorso a 89 anni fece a una riunione natalizia del...

Nella dispensa a fine inverno tra ciapùle e pum smujà

Immaginiamo una piccola proprietà contadina o un podere mezzadrile  –  la mezzadria fu abolita per legge solo nel 1964, mantenendo tuttavia i contratti già...

Cinquant’anni fa rinasceva il tambass nel Monferrato

Al museo del “Tambass” a Rocca d’Arazzo tra i pannelli che rievocano la storia di questo straordinario sport si legge un testo del giornalista...

Riccardo Bazzano acquarelli di primavera

Nell’attico che si affacciava su via Manzoni, ariosa arteria “panoramica” creata tra corso Dante e via Conte Verde alla fine degli anni Sessanta, quando...

Accadde nel primo trimestre

10 anni   10 gennaio 2005 - Mario Sacco è eletto presidente della Camera di Commercio di Asti. Succede ad Aldo Pia, ora suo vicepresidente. 11-13 marzo...

Sax e clarinetto suonati a occhi chiusi e a cuore aperto

Quando parla di musica Gianfranco Amerio ama ripetere uno dei concetti base che gli ispirano la vita: «Suonare è bello perché riempie il cuore...

La torre di Cocconato da telegrafo ottico a mulino a vento

Cocconato, tra i suoi tanti primati, vanta anche quello molto curioso di avere avuto per una quindicina di anni l’unico mulino a vento che...