sabato 26 Novembre, 2022
HomeLo scaffaleL’ora canonica, breviario comico di padre filip
LO SCAFFALE

L’ora canonica, breviario comico di padre filip

Il libro di Filippo Besson non può trasmettere tutto questo, ma posato sul comodino e letto per un mese a pillole garantisce una buona notte con sorriso.

Un breviario ironico e irriverente come sa esserlo questo “prete dall’abito talare preso a prestito con cappello nero dal vezzoso nastro blu”. È Filippo Bessone, figlio di quella Granda che sa ridere e far ridere.

Lui lo ha fatto per decenni guidando gli esilaranti “Tre Lilu”. Poi, uscito dal gruppo, si è inventato questo nuovo personaggio che porta in scena sui palcoscenici piemontesi, con frequenti e applaudite sortite anche in terra astigiana. Dei reverendi di campagna Bessone, alias Padre Filip, ha catturato il tono un po’ mellifluo delle prediche di una volta.

Inanella una serie di “parabole” che si concludono con l’inevitabile C.C.I.Q.B.P. , cioè Cosa ci insegna questa bella parabola?. Meglio fare due esempi: «E gli apparve una donna con due teste, anche il cane che teneva al guinzaglio aveva due teste. Tentò di entrare in casa, ma si trovò davanti a due porte e non seppe quale scegliere. C.C.I.Q.B.P ? Che la grappa a digiuno non fa per niente bene». E ancora: «Un pastore arrivò all’ovile e si accorse che gli mancava una pecora. Allora andò a cercarla, la trovò e quando tornò indietro si accorse che le altre pecore erano sparite. C.C.I.Q.B.P. Che a volte per correre dietro ad una perdi tutte le altre».

L’ora canonica, le parabole
di Padre Filip, Filippo Bessone, Araba Fenice, 2014, pp. 158, 10 euro

Il volume, con divertita prefazione dell’amico e collega ferroviere Gianmaria Testa, esalta le doti di osservatore della quotidianità da cui Bessone trae sapidi spunti comici. In scena, affiancato da un chierichetto chitarrista, inanella anche spassose parodie di successi internazionali tradotti in piemontese. Il libro non può trasmettere tutto questo, ma posato sul comodino e letto per un mese a pillole garantisce una buona notte con sorriso. Il che non è poco. 

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE