lunedì 24 Giugno, 2024
HomeLo scaffaleCronache di famiglia tra Asti e la Calabria passando per la povertà
Lo Scaffale

Cronache di famiglia tra Asti e la Calabria passando per la povertà

Febbraio 1947: Antonio e Teresa arrivano ad Asti sul treno del Sud. Per la prima volta vedono la neve.

Il titolo: “I pelagra”: la pellagra era una malattia della pelle, con conseguenze gravi, causata da un’alimentazione soprattutto a base di mais, ovvero polenta. Il termine venne poi esteso a chi viveva in condizioni di estremo disagio, ai limiti della sopravvivenza dalla povertà; in altri casi chi conduceva vita ai limiti della legalità. Come a voler significare che il Pelagra e la sua famiglia erano la pelle infetta di croste, portatore di una malattia che volendole lo rendeva incapace di dare sostentamento sufficiente ad una sopravvivenza decorosa, confinandolo ai margini della società.

Febbraio 1947: Antonio e Teresa arrivano ad Asti sul treno del Sud. Per la prima volta vedono la neve. Teresa aspetta un bambino. Poco dopo nasce Giuseppe, autore del racconto. Sono accolti da un amico con cui Antonio aveva fatto il militare.

I pelagra, Giuseppe Furlano, Biblioteca degli scrittori piemontesi, Castellamonte, 2014, pp. 152, euro 15

 

Antonio e Teresa sono costretti a mettere in collegio-orfanotrofio, al “Vittorio Alfieri”, a quattro anni, Giuseppe e due anni dopo anche la figlia. I due bambini resteranno in collegio 9 anni: i genitori trovano lavoro come mezzadri. I bambini tornano a casa solo il sabato e la domenica, e non sempre.

La particolarità del libro sta nella capacità del narratore di raccontare parallelamente Asti e la Calabria, dove non ha mai vissuto. Ma ha ascoltato la madre, soprattutto da anziana, alla Casa di riposo. La madre gli ha trasmesso l’amore e la conoscenza per quella terra, intensa e aspra. Di più di questo straordinario libro è difficile dire. È da leggere. Non è un racconto di nostalgia, è una specie di cronaca affettuosa. E ti viene la voglia di chiedere un giorno a tua madre, tutti i giorni a tua madre, di raccontarti le cose che tu non hai vissuto, che ha vissuto lei prima che tu nascessi.

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA
Paolo Conte nello studio a Torino con altri musicisti astigiani durante la registrazione di Torretta Calipso nella primavera del 1980

Paolo Conte: avvocato, cantautore… enigmista

In che consiste il gioco? Chi si cimenta con questi enigmi deve trovare una frase cioè la soluzione partendo da un enunciato (esposto) che...

Patente di Astigianità

Sappiate che Da 35 a 40 risposte esatte Ottimo! Siete Astigiani doc, eccellenti conoscitori delle terra dove vivete. Meritate la patente di Astigianità. Da 24 a...

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Ottobre-novembre-dicembre 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE