martedì 23 Luglio, 2024
HomeNovecento e altroGli astigiani decorati al valor militare
1915-1918

Gli astigiani decorati al valor militare

Sette medaglie d'oro e trecento d'argento
Una ricerca negli archivi, tra le lapidi e i monumenti per ritrovare i nomi e le storie di chi nel conflitto di cento anni fa, da tutti conosciuto come la Grande Guerra, fu tra i decorati al merito del valor militare. Per lo Stato sono gli eroi da ricordare e portare ad esempio. Una ricerca ha raccolto nomi e storie ed è diventata un volume, a firma di Maurizio Lanza, che Astigiani anticipa in ampi stralci. Scrive l’autore: "Nelle medaglie d’oro e d’argento al valor militare assegnate ai nostri conterranei, scolpite da crude motivazioni, sono racchiusi i momenti di guerra che hanno interessato centinaia di giovani, quasi tutti caduti in combattimento. Questi eroi debbono essere considerati il simbolo di quei migliaia che la Grande Guerra non ci ha restituito”.

L’archivio storico del Comune di Asti custodisce un grande volume borchiato rilegato in pelle con incisioni dorate che riporta in copertina questa dicitura “Racchiudo nomi di eroi astigiani per consacrarli alla storia. Apritemi con venerazione”. Nel 1935 venne pubblicata da parte del Ministero delle Guerra il XV volume dell’Albo d’oro dei caduti militari della guerra nazionale 1915-1918. Vi sono elencati anche i 4660 nomi dei caduti astigiani, che vanno ad aggiungersi agli altri seicentomila che non tornarono dalle trincee.

È partito da questo triste elenco Maurizio Lanza per organizzare la sua ricerca sui decorati astigiani. Utilizzando anche altre fonti documentali, come i fogli matricolari dei distretti militari, Lanza ha setacciato centinaia di pagine per redigere il volume Eroi della Grande Guerra. Lanza, partendo dalle motivazioni ufficiali di assegnazione della medaglia racconta le storie personali dei sette astigiani che hanno avuto il nastrino azzurro con la medaglia d’oro al valor militare, quasi sempre alla memoria.

La sua ricerca si è estesa anche alle motivazioni delle trecento medaglie d’argento, individuando i nomi dei decorati e i paesi di provenienza. Si ripromette di farlo anche per le medaglie di bronzo che sono state oltre 60 mila tra tutti i combattenti. Astigiani anticipa ampi stralci della ricerca di Lanza nella convinzione che tutti i “nostri” 4660 caduti di quel conflitto avrebbero una loro tragica storia da raccontare.

Non bastano i monumenti ai Caduti e i parchi della rimembranza. Sul sito www.istrat.it la sezione vittime di guerra custodisce un elenco di 8592 nomi in ordine alfabetico con data di nascita, paese di provenienza, corpo di appartenenza e ragioni della morte. Ai morti della Grande Guerra si sono aggiunti quelli della Seconda Guerra Mondiale, le vittime delle deportazioni, i caduti della lotta partigiana.

 

La copertina del volume “Eroi della Grande Guerra” che sarà presentato il 28 settembre alle ore 17,30 in municipio ad Asti

Spicchi di storie nell’«inutile strage»

Ecco una sintesi della prefazione al volume di Mario Renosio, direttore dell’Israt (Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Asti).

A cento anni di distanza, la Prima guerra mondiale continua ad essere solidamente presente nelle culture e nelle memorie delle società europee.

A partire dagli anni Novanta, si sono moltiplicati gli studi e le ricerche storiche che hanno ampliato e profondamente rinnovato gli approcci e le interpretazioni storiografiche sulla Grande Guerra, sottolineandone le drammatiche contraddizioni ed anche in ambito locale si è registrato un nuovo interesse per il tema, con la pubblicazione di diari e saggi, e del censimento biografico dei 4.640 caduti astigiani nel conflitto realizzato dall’Israt, un lavoro accompagnato da una mostra itinerante che, dal 1997, ad oggi è stata allestita in oltre 60 comuni.

Il lavoro di Maurizio Lanza sui decorati astigiani nella Grande Guerra rappresenta un importante strumento di ricerca per ulteriori lavori di tessitura tra le storie individuali che, insieme, restituiscono un quadro complesso e drammatico: il volume è il risultato dell’intreccio tra fonti storiche diverse (monumenti, fotografie, giornali, documenti…) che aggiunge un prezioso tassello al contributo che la provincia astigiana, allora ancora aggregata a quella di Alessandria, ha dato in termini di caduti al primo conflitto nazionale della storia dell’Italia Unita. Ricostruire le vicende dei singoli permette di riportare la Grande Storia nelle piccole comunità contadine che hanno contribuito in modo decisivo al conflitto, pagando un enorme prezzo sociale a quella che Benedetto XV definì, nell’agosto del 1917, “l’inutile strage”. Nel fango delle trincee, per la prima volta dall’Unità, i contadini piemontesi si sono incontrati fisicamente con quelli del Veneto, del Centro e del Sud Italia, in un intreccio di dialetti tra loro sconosciuti e, proprio nella condivisione della drammatica quotidianità della guerra, hanno saputo trasformare, dal basso, quella esperienza in un fondamentale momento di identità nazionale. Tutti i combattenti, i prigionieri, i caduti e tutte le loro famiglie, per le sofferenze patite, meritano di essere accomunati, nel ricordo.

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA
Paolo Conte nello studio a Torino con altri musicisti astigiani durante la registrazione di Torretta Calipso nella primavera del 1980

Paolo Conte: avvocato, cantautore… enigmista

In che consiste il gioco? Chi si cimenta con questi enigmi deve trovare una frase cioè la soluzione partendo da un enunciato (esposto) che...

Patente di Astigianità

Sappiate che Da 35 a 40 risposte esatte Ottimo! Siete Astigiani doc, eccellenti conoscitori delle terra dove vivete. Meritate la patente di Astigianità. Da 24 a...

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Ottobre-novembre-dicembre 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE