sabato 26 Novembre, 2022
HomeIl trovarobeZoccoli ai piedi come sculture d’arte povera
IL TROVAROBE

Zoccoli ai piedi come sculture d’arte povera

Di pioppo, acero o salice erano la classica calzatura contadina

Ricavate dal legno di acero, salice, o del più leggero, morbido ed elastico pioppo (in particolare la varietà verna di colore più rossiccio, si rivelava più resistente e impermeabile), i ciabòt o sabòt (il nome variava a seconda delle zone) hanno rappresentato la calzatura di tutti i giorni per molte generazioni di contadini. Completamente scolpite a mano e ottenute da un pezzo unico di tronco d’albero (che doveva essere stagionato da almeno un anno), i ciabòt potevano avere, negli esemplari più accurati, anche delle finiture in cuoio. 

A realizzarli erano il calzolaio o il falegname del paese, anche se a volte si cimentavano i nonni più esperti, nella stagione invernale, quando la campagna riposa. Lo zoccolo in legno era diffuso in Piemonte e in altre regioni del nord Italia: Lombardia, Liguria, Veneto e Valle d’Aosta ma anche nelle vicine Francia e soprattutto Olanda, dove sono uno dei simboli nazionali. Era la calzatura ideale per tutte le stagioni: fresca in estate, calda in inverno e quando le temperature scendevano, si metteva la paglia all’interno dello zoccolo. Resistenti all’acqua e dalla giusta presa sul fango, a indossare i ciabòt erano tutti: uomini donne e bambini.

I costruttori più bravi arrivavano a scolpirne fino a dodici paia al giorno, ma per rifinire bene lo zoccolo ci voleva occhio e arte. Il prezzo di vendita agli inizi del secolo scorso variava a seconda della misura dalle 6 alle 10 lire al paio. I ciabòt duravano nel tempo, quelli dei bambini più grandicelli si passavano ai più giovani man mano che i piedi crescevano e solo in caso di rotture irreparabili, dovute a crepe nel legno, si sostituivano con uno nuovo. Sotto alla suola venivano inchiodate pezze di cuoio o liste di gomma, per preservare il legno dalla ghiaia e dai sassi. Caratteristico anche il rumore di chi cammina con gli zoccoli. 

Certo la comodità era un’altra cosa, ma l’abitudine rendeva agili i passi degli agricoltori che con i ciabòt lavoravano la vigna, aravano campi, andavano in bicicletta e marciavano per ore e ore. Addirittura chi aveva plasmato il piede nel suo zoccolo, non amava le scarpe in cuoio della domenica. Si potrebbe dire che i ciabòt sono stati uno dei simboli della vita in campagna fino a metà Novecento. Hanno poi avuto una evoluzione mantenendo la suola in legno coperta da una tomaia in pelle, generalmente nera. Come non ricordare che uno dei film capolavoro del cinema italiano, L’albero degli zoccoli diretto dal regista Ermanno Olmi e ambientato nelle campagne di Bergamo, snoda la trama attorno alla vita di una povera famiglia contadina e hanno proprio negli zoccoli i protagonisti. 

Oggi i ciabòt li possiamo ancora trovare come souvenir di alcune località montane del Piemonte e della Valle d’Aosta, spesso dipinti e non più scolpiti a mano, ma scavati da tecnologiche frese meccaniche.  A chi volesse provare l’ebbrezza di indossarli consigliamo di utilizzare un paio di calze in lana ben spesse, per evitare vesciche o irritazioni ai piedi, abituati alle più morbide scarpe.  

 

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Latest posts by Pier Ottavio Daniele (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE