giovedì 25 Aprile, 2024
HomeIl trovarobeLa vendemmia di un tempo con gorbe e arbi
Il trovarobe

La vendemmia di un tempo con gorbe e arbi

Il lavoro degli abili portatori di brente
Cappellina di paglia per gli uomini e foulard per le donne, scarpe vecchie e abiti usurati, costituivano l’abbigliamento ideale per affrontare la vendemmia, che a cominciare con il moscato e il brachetto ai primi di settembre, si sarebbe inoltrata fino ai primi di novembre con le ultime barbere e i nebbioli.

Fino a meno di cinquant’anni fa la vendemmia si affrontava con strumenti ben lontani dalle attuali attrezzature hi-tech. Non c’era la plastica e tutte le attrezzature erano rigorosamente in legno o metallo. Contenitori realizzati da sapienti artigiani e ceste piccole o grandi. Si trovano ancora spesso riadattate come elementi di arredamento di cantinette e case in campagna. La raccolta dell’uva richiedeva tanta mano d’opera. Le famiglie erano molto numerose e lo scambio tra parenti e vicini era consueto – ci si aiutava vicendevolmente – e, una volta portata l’uva a casa, lunghe tavolate allestite sotto i porticati accoglievano gli affamati vendemiao (vendemmiatori). Le portate erano poche ma semplici e sostanziose (soma d’aj, acciughe al verde, pane e salame, minestrone di tajarin e fagioli, uova e tirà), anche perché dopo la cena bisognava ancora pigiare l’uva negli arbi (bigonce), operazione che veniva anticipata dai bambini, che a piedi nudi salivano sui carri e, calati negli arbi di legno, incominciavano la pigiatura con l’allegria di un gioco. Al mattino, alle prime luci dell’alba, una volta radunate le ceste di gura (intrecciate in legno di castagno) si caricavano sul carrettone trainato dall’instancabile bue. Un animale dalla forza inestimabile, in grado di trainare su e giù da scoscese colline un carro con una bigoncia piena d’uva del peso di parecchi quintali. I buoi, nelle campagne, erano una risorsa importante e rappresentavano un simbolo di solidità economica per quelle famiglie che potevano permetterseli.

La tipica brenta portata a spalla dai vendemmiatori

 

Alla vendemmia partecipavano tutti i componenti della famiglia: alle operazioni di maggiore fatica, come il trasporto in spalla delle ceste colme d’uva, ci pensavano uomini e ragazzi. Una specialità era il trasporto della brenta, una sorta di zaino allungato in legno che si issava sulle spalle colmo d’uva: bisognava avere l’abilità di svuotarla nell’arbi facendo scendere i grappoli tra spalla e testa del brentau.

Nonni, donne e bambini invece staccavano con coltelli, puarin e forbici i grappoli dai filari, raccogliendo con attenzione, lasciando solo le rape ‘d san Martin, i grappolini che sarebbero maturati a novembre inoltrato. I nonni, simpaticamente, invitavano i bambini a cantare per evitare che si distraessero o mangiassero troppa uva durante il lavoro.

Cappellina di paglia per gli uomini e foulard per le donne, scarpe vecchie e abiti usurati, costituivano l’abbigliamento ideale per affrontare la vendemmia, che a cominciare con il moscato e il brachetto ai primi di settembre, si sarebbe inoltrata fino ai primi di novembre con le ultime barbere e i nebbioli.

La vendemmia, oltre che impegnativa, ha sempre rappresentato un traguardo importante per il lavoro in vigna, al punto da richiamare la festa al momento della conclusione, solitamente rappresentata dalle gioiose livraje, le cene di fine vendemmia animate da musiche e canti, con la bagna cauda a fare da trionfo gastronomico, accompagnata dal vino nuovo, le verdure classiche e i primi cardi gobbi raccolti in Valle Belbo.

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...
vb

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

20 marzo  Scompare a 92 anni don Matteo Scapino, nato nel 1925 a Cisterna. Ordinato dal vescovo Umberto Rossi nel giugno 1948, per quasi mezzo...

Sul calendario Luglio-agosto-settembre 2018

21 luglio Un forte temporale si abbatte su Asti nelle prime ore della mattina. In breve tempo un vero e proprio torrente allaga la parte...

La collina di Spoon River – Marzo 2017

Paolo De Benedetti 23 dicembre 1927 – 11 dicembre 2016 Teologo, docente universitario Ho trascorso la vita a studiare la natura di Dio. Ora lo vedrò in...

Secondo e terzo trimestre 2016

2016 - 13 maggio Riapre dopo vent’anni Palazzo Alfieri. Dopo annosi lavori di ristrutturazione, la dimora del Trageda è nuovamente visitabile con un percorso...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE