venerdì 2 Dicembre, 2022
Home Numero 7

Numero 7

A Canelli la memoria è viva e raccontata

In città non si fa mai niente!: un’esclamazione ricorrente anche nel frasario dei canellesi. Come risposta, nel 2005 un’associazione ecclesiale ha riflettuto su come...

La produzione pagò parzialmente il conto del salera solo 5 anni...

E ci furono anche due processi   Gli “spaghetti a mezzanotte” rimasero sullo stomaco a chi, per circa 20 giorni, diede vitto, alloggio e ospitalità alle...

Revigliasco paese dei ciliegi in fiorela capitale primaverile dell’agricoltura astigiana

Revigliasco ha ancora la fama di paese delle ciliegie, ma purtroppo negli anni questa caratteristica è andata perdendosi. La produzione di questi profumati frutti...

Quelle olive nel canestro fecero scoprire Asti al mondo del basket

I ricordi di un inviato speciale al seguito di quei matti della Saclà   Olivolì Olivolà… Oliva Saclà! .  Quando arrivava alla tv l’ora di Carosello, poco...

Epopea Saclà: straordinari anni vissuti da vincenti Una squadra e i...

Dalla serie D all’Olimpo della serie A in cinque indimenticabili stagioni che hanno avuto dell’incredibile. Sono rimaste un sogno per tanti astigiani, infranto solo...

I primi capelloni aprirono il club abramo nel 1965 in via...

Ad Asti furono loro i primi capelloni. Figli del cambiamento già prima del fatidico ’68, si riunirono nel Club Abramo che aveva sede in...

La “cattura del Tanaro” cambiò la geografia

Solitamente ai fiumi si attribuisce il nome della sorgente più lontana. Ma se le sorgenti del Negrone, principale affluente del Tanaro, sono il punto...

Il Tanaro per noi bambini era un grande compagno di giochi

  Io e il Tanaro. Conosco il fiume, ci ho vissuto vicino per tutta la vita. Da bambini ci era “proibito”. Le  raccomandazioni di mio papà...

Quando nell’Astigiano c’era il mare e ci nuotavano le balene

Incontri ravvicinati al nuovo Museo paleontologico del Michelerio   In termini geologici, la Pianura Padana è un elemento molto giovane del paesaggio europeo. Prima che si...

I graffiti del Duce. Decine di scritte ancora evidenti sui muri...

Una maxi scritta coprì tutto il tetto dell’Alla in piazza Alfieri Sono passati più di settant’anni e ancora alcune occhieggiano dai muri, solo un po’...