giovedì 8 Dicembre, 2022
HomeInsiemeA Canelli la memoria è viva e raccontata
INSIEME

A Canelli la memoria è viva e raccontata

L’idea iniziale si concentra sul percorso storico che portò dalla Resistenza alla Costituzione

In città non si fa mai niente!: un’esclamazione ricorrente anche nel frasario dei canellesi. Come risposta, nel 2005 un’associazione ecclesiale ha riflettuto su come favorire esperienze che unissero la cittadinanza, affrontando temi di interesse comune. 

Nacque così l’idea di proporre a scuole e istituzioni un cammino attorno a quello che dovrebbe essere sentito come valore comune: il percorso dalla Resistenza alla Costituzione. Un tema scelto anche perché i ranghi dei testimoni di quell’epoca si stavano, per un’inevitabile legge di natura, assottigliando. Una proposta lanciata alla città di Canelli, da qualcuno definita “senza memoria”, sarebbe stata destinata a perdersi, se avessimo avuto la presunzione di partire da zero.

Copertina del libro “Trentadue mesi” scritto da Aldo Adorno

Invece, guardandosi intorno, si scoprì che una scuola celebrava la Giornata della Memoria fin dalla sua istituzione; un’altra aveva messo insieme vari lavori dei ragazzi su guerra e Resistenza; un’altra ancora aveva davanti all’ingresso la lapide di un partigiano e si chiedeva «perché?»; una scrittrice locale ricercava i testimoni dell’epoca per raccogliere i loro racconti; una professoressa, in stile Spielberg, voleva filmarli, una maestra cercava modi nuovi per far gustare la storia ai ragazzi.

Anche l’Amministrazione comunale promuoveva Borse di studio sul tema, la minoranza consiliare era attenta a questi argomenti e c’erano ex deportati nei campi di lavoro e di concentramento tedeschi che non dimenticavano e potevano testimoniare. Furono questi gli ingredienti alla base delle diverse iniziative “della memoria” che nacquero a metà del 2005 e tuttora continuano a Canelli. La proposta iniziale ebbe il semplice effetto di amalgamare il tutto e far venire alla luce qualcosa che non era la somma dei vari ingredienti, ma un sapore nuovo.

 

Presentazione, a cura di Silvia Alessio e Nicoletta Fasano, del libro “Trentadue Mesi. Un internato alla deriva per l’Europa”, di Aldo Adorno (Biblioteca Canelli, 9 dicembre 2012)

La raccolta filmata delle testimonianze

Una tappa fondamentale del progetto è stata il recupero di una “testimonianza viva”: prima di tutto siamo andati a cercare i testimoni che avevano vissuto la deportazione nei campi di concentramento nazisti. Abbiamo ritrovato più di 40 ex internati e deportati canellesi. I testimoni sono stati intervistati nelle scuole e la loro intervista filmata, col duplice scopo di trasmettere una memoria storica ai giovani che non hanno vissuto quei momenti e al tempo stesso fissare per sempre queste testimonianze.

Sono nati dvd e libri che raccolgono racconti che, al di là del narrare o meno fatti nuovi su una vicenda che ha già una bibliografia corposa, accendono i riflettori su vite nascoste, che sanno essere credibili in quanto espressione di volti noti e vicini. Il secondo passo del cammino è stato il recupero del “filo” delle celebrazioni. Abbiamo pertanto pensato di costruire le varie proposte attorno alle principali celebrazioni pubbliche che ricordano quel periodo: la Giornata della Memoria della Shoah del 27 gennaio, in alcuni casi da noi legata al Giorno del Ricordo dell’esodo istriano-dalmata, l’Anniversario della Liberazione del 25 Aprile, la Festa della Repubblica il 2 Giugno.

Coscienti delle risorse presenti sul territorio, si è scelto di costruire il cammino con le persone e i gruppi operanti in città: scuole, parrocchie, Aned e Anei locali, Unitre, Nonni Vigili, Carabinieri in Congedo, Gruppo Alpini, varie altre Associazioni del volontariato. Senza dimenticare di collegarci a chi era specificamente esperto nel campo: l’Istituto storico della Resistenza di Asti e l’Anpi.

Inaugurazione della mostra “Oltre Quel Muro”, sul campo di concentramento di Bolzano (gennaio 2012)

Ma celebrare e far memoria non basta: occorre riflettere, sia perché la memoria è viva, sia perché questi temi possono dire molto al presente. Questioni come violenza e guerra, libertà e giustizia, democrazia e dittatura si ripropongono continuamente alla nostra attenzione e meritano un’informazione e una lettura storica. Solo dopo sarà possibile effettuare una scelta politica.

Ecco allora la grande iniziativa per il 60° anniversario della Costituzione, gli incontri sull’Europa, l’organizzazione delle celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia, il ricordo del 70° anniversario dell’Armistizio, la discussione su temi civili quali la battaglia contro le mafie, con il ricordo di Falcone e Borsellino, il femminicidio, i diritti e i doveri dei cittadini, la promozione della cultura in generale (significativa, a questo proposito, la collaborazione con la Biblioteca Civica Monticone, con la quale abbiamo organizzato, tra l’altro, la Maratona Fenogliana, che tanto successo ha raccolto anche tra i più giovani).

Lo scopo è offrire occasioni di informazione, studio e dibattito su questi temi. Senza nascondere le opinioni dei relatori sull’argomento, né voler rimanere neutri di fronte alle questioni, abbiamo privilegiato la conoscenza rispetto al giudizio, nella speranza che ognuno si faccia il proprio. L’idea fondamentale che ci ha guidato è stata quella di cercare di unire, nel senso di “radunare intorno” a un progetto comune, le persone, le associazioni, le istituzioni. Pur nel rispetto di identità, storia e ideologia di ognuno, è stato possibile sperimentare che esistono percorsi che si possono fare insieme.

Centrale è stato, ed è tuttora, il lavoro delle scuole, dei dirigenti e degli insegnanti: dall’impegno loro e degli studenti sono emersi alcuni capitoli molto belli della storia che andiamo scrivendo (filmati, spettacoli per la Giornata della memoria, mostre, partecipazione a serate, ricerche…). Oggi “Memoria Viva” è una realtà che ha oltrepassato i confini di Canelli, collaborando con associazioni e istituzioni di tutta la provincia e non solo. C’è però bisogno di forze fresche, che vengano a dare una mano soprattutto in termini di idee nuove, aiutandoci a infrangere quel muro che tante volte separa i venti-trentenni dal resto della società.

Composizione del Consiglio Direttivo di Memoria Viva

(triennio 2013-2015)

 

Presidente   Massimo Branda

Vice-presidente   Silvia Alessio

Vice-Presidente   Mauro Stroppiana

Segretario   Ornella Domanda

Amministratore   Maria Luisa Barbero

Consiglieri                Irene Bielli, Liliana Gatti, Gabriella Rosso, 

                                 Enrico Salsi, Romano Terzano

 

Indirizzo email:          info@memoriaviva-canelli.it

Sito internet:   www.memoriaviva-canelli.it

Profilo Facebook      Memoria Viva Canelli

Sede                         P.zza della Repubblica 3 – 14053 Canelli (AT)

Soci   110

Iscrizione:                  gratuita

 

GLI AUTORI DELL'ARTICOLO

Latest posts by Mauro Stroppiana (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE