sabato 3 Dicembre, 2022
HomePassato ProssimoQuelle olive nel canestro fecero scoprire Asti al mondo del basket
PASSATO PROSSIMO

Quelle olive nel canestro fecero scoprire Asti al mondo del basket

Come il basket e le olive Saclà fecero conoscere Asti a tutto il mondo, il marketing sempre perfetto e amore per la propria terra.

I ricordi di un inviato speciale al seguito di quei matti della Saclà

 

Olivolì Olivolà… Oliva Saclà!

Quando arrivava alla tv l’ora di Carosello, poco prima di mandare a nanna i bambini, milioni di italiani sentivano entrare nelle orecchie e poi nella mente questo motivetto (che in seguito abbiamo imparato a definire jingle…). Eravamo agli inizi degli anni Settanta, Minnie Minoprio canticchiava allegramente quella filastrocca, mentre sulle pagine sportive dei giornali emergevano le imprese di un gruppo di ragazzoni con la scritta Saclà sulla maglia.

È la pubblicità, bellezza, si potrebbe dire. Fatta prima sui teleschermi e poi sui giornali, passando dalle palestre (poi Palazzetti dello Sport) dove si giocava a pallacanestro (anzi, a basket). Ma che cosa voleva dire il nome Saclà? Lo sapevano in pochi, e solo ad Asti, dato che a quei tempi non c’era internet per avere la risposta dell’acronimo che è Società-Anonima-Commercio-Lavorazione-Alimentari. L’accento sulla a finale venne dopo e solo per ragioni pubblicitarie.

Il signor Secondo Ercole, detto Pinin, non poteva immaginare nel 1939, quando fondò la sua impresa, che una trentina d’anni dopo avrebbe sentito gridare da migliaia di voci «Saclà-Saclà» per accompagnare parabole e rimbalzi di quel pallone arancione. In poco tempo, dal 1968 al 1972, si è compiuta la favola della Saclà-basket, di una squadra capace di salire in 5 anni dalla serie D alla serie A, di arrivare subito dopo a girare l’Europa per giocare la Coppa delle Coppe. Una marcia trionfale pagata col forzato trasferimento da Asti a Torino per la necessità di un palcoscenico più ampio di quello dell’impianto di via Gerbi.

Un’epopea incancellabile che ha avuto tre protagonisti. Beppe De Stefano, astigiano doc, che sui banchi del ginnasio aveva per compagno Carlo Ercole, figlio di Pinin e futuro presidente e sponsor del club. I due costruirono il miracolo sportivo con enormi dosi di passione, competenza, tenacia. Ma anche di vino. Perché le bottiglie (ottime e abbondanti) hanno sempre accompagnato il loro cammino, regalando un carburante emotivo fondamentale a tutta la squadra.

Da sinistra, Charly Caglieris, Beppe De Stefano, Luca Campagna, Antonio Tavarozzi (dietro in piedi) e Carlo Ercole durante la conviviale del Panathlon che si è tenuta il 10 ottobre 2013 all’Hasta Hotel (foto Bruno Accomasso)

Le trasferte con ritorno enologico finivano alla Grotta

 

Il vino come segreto vincente per degli sportivi? Ebbene sì. Il sudore in palestra, la concentrazione in partita, certo. Ma poi tutti a tavola, soprattutto a “La Grotta”, per festeggiare vittorie e compleanni o per cancellare il magone delle sconfitte. E quando si andava in trasferta col pullman da certe zone di tornava sempre con damigiane di vino acquistato collettivamente: soprattutto il Soave, delizioso bianco veneto, che una volta finì in parte sprecato all’arrivo ad Asti, per una damigiana mal piazzata vicino alla porta del pullman e clamorosamente caduta e frantumata.

E da Caserta si rientrava con scatoloni di mozzarella di bufala… Una festa anche per noi giornalisti al seguito. Ma l’allenatore sapeva, può chiedersi qualcuno?  Non solo sapeva ma partecipava e organizzava, dava l’esempio. Era Lajos Toth, meravigliosa persona, ungherese giramondo, prima gran giocatore in patria e a Varese poi acuto condottiero della Saclà in campo (in serie D) e in panchina a guidare la squadra. Innamorato di Asti, del Piemonte, dei suoi vini e dei suoi cibi, decise di stabilirsi in una cascina nel Monferrato, a Conzano, con moglie, figlio e genitori arrivati dall’Ungheria. Allevava anche qualche maiale per fare in casa deliziose salsicce magiare, made in Piemonte. Ercole-De Stefano-Toth.

Questo trio realizzò il miracolo Saclà. Oggi il primo (presidente) sta spesso in Sardegna e ha lasciato la conduzione dell’azienda alla nuova generazione, il secondo (general manager) vive quasi sempre a Venezia. So che quando si ritrovano ricordano di quei tempi tanti dettagli sulle partite e anche sui vini che accompagnarono quelle vittorie (Barbera d’Asti Viarengo, Nebbiolo di Vezza, Brut riserva for England Contratto…).  E non manca un brindisi speciale dedicato a Lajos Toth, che troppo presto li ha lasciati senza la sua meravigliosa compagnia. Protagonisti del miracolo furono naturalmente anche i giocatori. Ricordo Caglieris, il piccolo grande Charly, Merlati, il gigante barbuto, De Simone, “oriundo” argentino.

Tre che ho ritrovato pochi mesi fa ad Asti, per una serata “amarcord” del Panathlon, dove con loro ho rivissuto le mie emozioni di quando seguivo da giornalista de La Stampa la Saclà in Italia e all’estero. Oggi Charly è di casa a Loano e fa l’insegnante Isef, Alberto Merlati dirige una importante agenzia pubblicitaria a Milano, l’altro Alberto è titolare di una stazione di servizio a Cantù.  E il loro legame con Asti, 40 anni dopo, resta fortissimo. Basta entrare al “Cocchi”, passeggiare in corso Alfieri. O per Caglieris passare da Castello d’Annone dove finì addirittura in cella, essendo anche un militare (aviere) oltre che cestista. I doveri della divisa erano pochi, per lui come per il suo compagno di squadra Bruno Riva.  Ma riuscirono entrambi a farsi punire con qualche giorno di cella di rigore per via dei capelli lunghi. Saltarono qualche allenamento, ma non la partita della domenica (vinta) e la cena successiva. 

 

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Latest posts by Antonio Tavarozzi (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE