mercoledì 7 Dicembre, 2022
HomeUna vita per la musicaLa fisarmonica colora i miei anni
UNA VITA PER LA MUSICA

La fisarmonica colora i miei anni

Nando Francia, a dodici anni la prima fisarmonica regalata dai genitori dopo aver venduto una mucca.

Nando Francia, 79 anni, da Viarigi. Una famiglia musicale

Nando Francia è nato 79 anni fa a Viarigi da padre muratore e madre contadina. Se avesse vissuto in Francia, e non solo per il suo cognome, avrebbe forse accompagnato Edith Piaf, in qualche intrigante musette, con l’accordéon, la fisarmonica. Uno strumento versatile, sempre di moda. Basti pensare a Gorni Kramer e al jazz. La “fisa” da oltre settant’anni è la fedele compagna di questo monferrino doc. A dodici anni la prima fisarmonica, adatta alla sua statura, gliela regalarono i genitori dopo aver venduto una mucca.

Nando Francia con la moglie Nanda

«Col senno di poi, fu un utile sacrificio. Quello strumento lo conservo religiosamente. Nei suoi tasti c’è tutta la mia vita» racconta Nando. A dire il vero il primo strumento fu un’armonica a bocca regalatagli dal fratello Luigi dopo un pellegrinaggio a Crea. Imparò a suonarla ascoltando, per ore, un certo Giorgio Todini, che suonava seduto sull’uscio di casa. «Mio padre con la mia prima fisa mi mandò a imparare da Pino Pittore, trombettista e direttore di una delle bande musicali di Viarigi».

A quel tempo le bande a Viarigi erano due per via dell’appartenenza politica, un po’ alla Peppone e don Camillo. Crescendo Nando fu mandato a scuola dal maestro Ginella di Asti (vedi Astigiani 5, settembre 2013). Da giovanotto, grazie alla conoscenza con Carlo Trinchero, violinista e droghiere nel borgo Santa Maria Nuova, per Nando si aprirono le porte degli ingaggi in gruppi che facevano le ore piccole nei dancing e sulle balere. Ben presto mise insieme una propria orchestra, “Nando Francia e il suo folclore”, con la quale lavorò per anni nei locali di Torino: “Castellino Danze”, “Black & Withe”, “Le Roi”. Suonò con Gipo Farassino al “Carignano”, Milly al “Gobetti” e incise anche con Paolo Conte nei primi tre dischi con la Rca.

Con la “Sinfonica” di Torino collaborò alla colonna sonora di Ecce Bombo, il film d’esordio di Nanni Moretti. Ha collaborato come arrangiatore per Ennio Morricone e composto musica bandistica. Con la moglie Nanda Marengo è anche editore musicale. Un mese fa è uscito Fisa in festa, l’ultimo cd di Nando Francia, l’ultimo di una lunga serie. È un lavoro nato in famiglia: gran parte dell’ensemble è composto, oltre che da Nando, dai figli Ferruccio, Fabrizio e dalla nipote Mariella. Fisa in festa, con i musicisti della famiglia Francia (l’unica a non suonare è la figlia Fiammetta, brava disegnatrice), suonano Giuseppe Cacciola, Mauro Edantippe e Rodolfo Guerra: tre musicisti dell’orchestra del Teatro La Scala.

La loro disponibilità la dice lunga sulla stima di cui godono Nando e i figli. Ferruccio è primo contrabbasso dell’orchestra dell’Opera di Roma e Fabrizio, violinista, suona in varie orchestre classiche e fa l’arrangiatore. 

Una famiglia in musica.

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE