sabato 26 Novembre, 2022
HomeLo scaffaleQuegli anni di piombo fra terrorismo, violenza e riforme sociali
LO SCAFFALE

Quegli anni di piombo fra terrorismo, violenza e riforme sociali

Prima Linea fu un gruppo formatosi a cavallo tra gli Anni ’70 e ’80 come movimento extraparlamentare di sinistra e organizzazione clandestina.

Mario Renosio, direttore dell’Istituto per la Storia della Resistenza di Asti, e Michele Ruggiero, giornalista di Torino, hanno lavorato a un libro corposissimo, con una gestazione durata anni. Valeva la pena.

Non esistono, crediamo, altri lavori che approfondiscano in modo così puntiglioso e corredato di ogni genere di citazione: dai libri e dai giornali ma anche dagli incontri con i protagonisti di Prima Linea, dai loro volantini e dalle loro rivendicazioni, dagli incontri con i magistrati impegnati nella lotta al terrorismo, dallo spoglio delle fonti giudiziarie.

Prima Linea fu un gruppo formatosi a cavallo tra gli Anni ’70 e ’80 come movimento extraparlamentare di sinistra e organizzazione clandestina. I numeri: 258 atti di terrorismo, 923 persone inquisite, una scia di sangue.

Pronto, qui Prima Linea La lunga stagione degli anni di piombo C’è il rischio che tutto ritorni? Michele Ruggiero e Mario Renosio, Anordest ed., Treviso, 2014, 590 pag. 15.90 euro

Al contrario delle Brigate Rosse, partito armato gerarchizzato, Prima Linea si caratterizzò fin da subito per i legami interpersonali e amicizia. Ma nell’utopia della necessità di una rivoluzione che modificasse i rapporti di forza nella società italiana in una visione prettamente e primordialmente anticapitalista, completamente annegata nell’indifferenza verso l’uomo («voi eravate soltanto violenza»), Prima Linea si disgregò.

Il libro è un lungo racconto della storia di uomini e donne che forse erano soltanto violenza, ma basavano anche molto la loro ideologia sul passato: la grandezza della Resistenza, “resistenza civile” attraverso il lavoro di massa rivoluzionario. Il libro è quasi un dramma teatrale, in cui le persone si alternano sul palco con la loro verità, il loro spavento, le idee che si fanno confuse.

C’è un altro aspetto dell’interesse di questo lungo racconto: l’inserimento – con intelligenza – dell’epoca chiamata degli anni di piombo nella più ampia cornice entro la quale essi scorrono: «Quel decennio fu caratterizzato da un’effervescenza di protagonismo sociale che contribuì (o, forse, è più corretto dire “impose”) una delle rare fasi di riformismo legislativo». E si pensa allo Statuto dei lavoratori, al divorzio, all’aborto, alla riforma del Servizio Sanitario locale e del sistema psichiatrico.    

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE