sabato 2 Marzo, 2024
HomeLingua MadreA culo nudo per non aver pagato i debiti
Lingua Madre

A culo nudo per non aver pagato i debiti

Sono tanti i modi di dire che indicano il fallimento

 

Una delle espressioni più comuni ad Asti e in tutto il Piemonte, usata di frequente anche nella versione italiana, è andè del cü, tradotto impropriamente con “andare del culo”. Questo modo di dire, che significa fare bancarotta, fallimento, andare in rovina, affonda le sue origini in una legge dell’antica Roma contenuta nelle Dodici Tavole che autorizzava i creditori ad uccidere o a rendere schiavo il debitore insolvente. Giulio Cesare cancellò questa norma e la sostituì con la pietra del vituperio: il bancarottiere o il fallito o il debitore che non poteva far fronte ai propri impegni veniva trascinato in Campidoglio, denudato dalla cintola in giù e obbligato a dichiarare pubblicamente:”Cedo bona!”, “Cedo i miei beni!”, ovviamente se ne aveva e a qualsiasi prezzo, per soddisfare almeno in parte le richieste dei creditori.

E, mentre pronunciava ad alta voce questa frase, per tre volte doveva alzarsi e quindi sedersi violentemente sbattendo le natiche nude sulla pietra. Questa consuetudine venne ripristinata nel periodo del libero Comune. E non poteva essere altrimenti. La classe dirigente astese era composta da artigiani, commercianti, banchieri, tutta gente abituata a far quadrare i conti, e quindi la pena divenne addirittura più severa: il malcapitato veniva appeso per le braccia e poi lasciato cadere sulla pietra. Il luogo scelto per questo castigo fu dapprima l’attuale piazza Medici, sotto la torre Troyana, e poi piazza San Secondo, sede del mercato cittadino dal 1260 al 1923. Per il supplizio si utilizzava il banco del pesce, sostituito con gli anni dalla pietra del vituperio, destinata esclusivamente a quella funzione.

L’espressione esatta è quindi andè a dè del cü ans la pera, andare a dare del culo sulla pietra, quella che venne infatti chiamata pera cülèra. Di qui la frase essi con el cü an tèra, essere con il culo per terra. Altri detti che indicano il fallimento, la rovina finanziaria sono: andè a baròn (baròn è la catasta, il mucchio, e indica metaforicamente i beni del fallito che, accatastati, venivano venduti all’asta), andè a rabèl (andare in giro, andare via perchè bandito dalla società), andè a ramengo, dal veneto và ramingo, ti auguro di andare per il mondo come un accattone. Ci sono esempi di altre espressioni che l’astigiano ha assimilato da questo dialetto, una per tutte è s-ciau, tanti saluti, addio, arrivederci, ossia un modo per chiudere il discorso o per indicare la fine di una situazione: a j’ heu vistlu na vota e peu s-ciau, l’ho visto una volta e poi addio. Era una forma di saluto veneta, s-ciavo vostro, schiavo vostro, poi contratta in s-ciavo e ridotta dai nostri antenati in s-ciauSecondo Giovanni Cordola, appassionato e studioso piemontese, il detto deriva proprio dal paese di Aramengo, che dal 1500 al 1700 fu luogo di pena in cui venivano confinati i truffatori più “blasonati”. Addirittura cita l’ipotesi che il nome di questo Comune derivi proprio da ramingo, cioè inviato al confino. In realtà la denominazione originale del paese è Ara Mea, perchè su quella collina si trovava un tempio romano, e poi divenne Aramengo in epoca longobarda.  

Piazza San Secondo (la foto è di Carlo Franco) all’inizio del Novecento, quando era ancora sede del mercato cittadino: qui, in epoca comunale, si trovava la pietra del vituperio

 

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

I proverbi anticipano le previsioni del tempo

L’attesa della primavera nel folclore meteorologico monferrino¹   «Smenmi d’ Mars, smenmi d’Avrì, fin c’al fassa caod peus nen avn컲: Seminami di marzo, seminami di aprile,...

La collina di Spoon River – Giugno 2017

Vito Walter Sollazzo 22 agosto 1945-10 marzo 2017 Sindacalista e allenatore di calcio Ho sempre amato il gioco di squadra. L’ho praticato per tutta la vita, nella...

Secondo trimestre 2017

3 aprile Inaugurato a Nizza Monferrato l’hospice che accoglie i malati terminali del reparto di oncologia del Cardinal Massaia. A disposizione dei pazienti una...

La collina di Spoon River – Dicembre 2016

Angelo Franco 11 agosto 1929 - 16 settembre 2016 Autotrasportatore Ero uno dei Cugini Franco. Avevamo deciso di chiamarci così con mio cugino Giacomo quando aprimmo la...

Sul calendario

8 settembre L’ambasciata di Israele assegna il riconoscimento di Giusti fra le nazioni alla memoria di Eugenia e Pietro Gilardi. Coppia di contadini di...

Il monumento in bronzo dedicato alle 5 storiche divisioni

L’alpino di piazza Libertà, nell’aiuola di fronte la Mercato coperto, è da più di 40 anni muto testimone della vita della città. È stato...

La collina di Spoon River – Maggio 2016

Andreina Jodice Napoli, 27 dicembre 1935 - Asti, 2 gennaio 2016 Insegnante di Lettere Sono nata a Napoli, ma la mia famiglia, ed io al seguito, era...

Pino Morino, l’inventore del terzo tempo

Discobolo nazionale e “missionario” del pallone elastico

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE