domenica 3 Marzo, 2024
HomeParole di PietraMattoni, coppi, rasi sulla pietra delle antiche misure
Parole di Pietra

Mattoni, coppi, rasi sulla pietra delle antiche misure

E nell’atrio del municipio di Asti fu utilizzata fino al 1875

Chi passa nell’atrio del municipio di Asti, in piazza San Secondo, potrebbe scorgere, alzando gli occhi, una strana pietra incastonata in alto. Ai più potrà apparire misteriosa, ma fino a metà dell’Ottocento una funzione precisa e rilevante l’ha avuta.
Riportava le misure “ufficiali”. Un parametro concreto per evitare brogli e discussioni. Quel blocco di pietra quadrato di circa un metro di lato e con uno spessore di 15 centimetri riporta le varie misure dell’epoca, diverse da zona a zona, prima dell’Unità d’Italia e prima dell’introduzione del sistema metrico decimale, stabilito nel 1875 dalla Conférence générale des poids et mesures.
In alto campeggia lo stemma del Comune, subito sotto compare un “buco” rettangolare, quindi sono incisi tre solchi di diversa lunghezza, mentre in basso si vede un altro incavo di forma trapezoidale. Le lettere accanto a ogni segno sono delle abbreviature e non sono più perfettamente leggibili a causa delle numerose dipinture successive. “Mo” sta per “mun” (mattone) e in quel buco, di cm. 14 x 30, dovevano entrare esattamente i mattoni fabbricati nelle fornaci locali che venivano prelevati “a campione” dai verificatori comunali “Ro” sta per “raso” ed era la lunghezza del raso piemontese corrispondente a m.0,6001. Il raso era anche una misura molto usata dai commercianti di stoffa che, per comodità, lo intendevano come la lunghezza dalla punta del gomito alla punta del mignolo. La seconda misura (da leggersi “pa”) indica probabilmente il “passo di trabucco” piemontese, cioè un quarto di trabucco, mentre quella più lunga, di circa un metro (indicata con T 3°), era il terzo del trabucco piemontese, che valeva metri 3,0864 e che corrispondeva a sei piedi. In basso figura chiaramente il coppo (Cop), che misurava 48 centimetri di lunghezza, 25,5 di larghezza in cima e 13,5 in fondo. In quell’incavo si doveva verificare l’esatta corrispondenza del coppo, che doveva aderirvi il più perfettamente possibile.
Le tegole erano prodotte da molte fornaci astigiane, attive ancora nei primi decenni del Novecento. Oltre che in molti paesi, ad Asti ne erano attive due in corso Torino, una di proprietà Celoria e un’altra dei Bottino. In queste c’erano le maestranze toscane specializzate nel produrre mattoni e tegole. Altre fornaci a sinistra della statale per Torino in regione Canova prima del Palucco e in frazione Variglie, a Quarto, a Valgera e in località Poggio di Portacomaro.
Quella lastra di pietra ha cessato la sua funzione negli ultimi decenni dell’Ottocento, appunto dopo l’entrata in funzione del metro e delle misure “uni” stabilite con le leggi per uniformare le misure delle varie cose di uso comune.
Ora è incastonata nell’atrio del municipio. Non si hanno notizie su dove fosse collocata, né di quando sia stata rimossa. Ma va considerato che era certamente di poco elevata da terra per consentirne un’agevole utilizzo a chi doveva controllare la corrispondenza delle misure. La data del 1733 incisa sulla lesena dell’atrio non ha nulla a che fare con la pietra. Molto probabilmente ricorda la fine dei lavori, progettati da Benedetto Alfieri e iniziati nel 1727, con cui è stato trasformato il palazzo di impianto medioevale.

In fondo all’atrio del municipio, in alto, la “pietra di riferimento”

 

 

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

I proverbi anticipano le previsioni del tempo

L’attesa della primavera nel folclore meteorologico monferrino¹   «Smenmi d’ Mars, smenmi d’Avrì, fin c’al fassa caod peus nen avn컲: Seminami di marzo, seminami di aprile,...

La collina di Spoon River – Giugno 2017

Vito Walter Sollazzo 22 agosto 1945-10 marzo 2017 Sindacalista e allenatore di calcio Ho sempre amato il gioco di squadra. L’ho praticato per tutta la vita, nella...

Secondo trimestre 2017

3 aprile Inaugurato a Nizza Monferrato l’hospice che accoglie i malati terminali del reparto di oncologia del Cardinal Massaia. A disposizione dei pazienti una...

La collina di Spoon River – Dicembre 2016

Angelo Franco 11 agosto 1929 - 16 settembre 2016 Autotrasportatore Ero uno dei Cugini Franco. Avevamo deciso di chiamarci così con mio cugino Giacomo quando aprimmo la...

Sul calendario

8 settembre L’ambasciata di Israele assegna il riconoscimento di Giusti fra le nazioni alla memoria di Eugenia e Pietro Gilardi. Coppia di contadini di...

Il monumento in bronzo dedicato alle 5 storiche divisioni

L’alpino di piazza Libertà, nell’aiuola di fronte la Mercato coperto, è da più di 40 anni muto testimone della vita della città. È stato...

La collina di Spoon River – Maggio 2016

Andreina Jodice Napoli, 27 dicembre 1935 - Asti, 2 gennaio 2016 Insegnante di Lettere Sono nata a Napoli, ma la mia famiglia, ed io al seguito, era...

Pino Morino, l’inventore del terzo tempo

Discobolo nazionale e “missionario” del pallone elastico

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE