sabato 26 Novembre, 2022
HomeLo scaffaleFreschi di stampa
LO SCAFFALE

Freschi di stampa

Maurizio Blini, Rabbia senza volto, Golem edizioni, s.l., 2016, pp. 203, euro 14 

Maurizio Blini, è autore già di sette bei libri gialli nei quali compaiono sempre due personaggi, uno a capo della sezione Omicidi, l’altro investigatore privato. E’ un giallo senza scene cruente, ma che scorre con la velocità di un lavoro – quello dei poliziotti – e di un “impegno”, quello dei colpevoli di reati senza un attimo di sosta.  Nei pochi spazi liberi i poliziotti parlano fra loro, e del mestiere che non potrebbero non fare ma che li schiaccia spesso; di fronte a un collega ucciso si pongono il “perché” tipico degli eventi inaspettati e tragici.  Attraversa anche le pagine del libro una sorta di pietas nel constatare l’ingiusta differenza fra i poveracci che non possono pagare avvocati di grido, e quelli che invece  possono farlo. Un mondo che l-autore ha conosciuto bene. 

 

Daniele Cerruti, Istinti di vita. L’assoluto mai soluto, Albatros, Roma, 2014, pp.376, euro 12,90.

Opera prima di Daniele Cerruti, nato ad Asti, il volume dal titolo ambizioso e programmatico delinea il percorso di due esistenze che condividono il progetto coniugale da cui, per ragioni diverse, ad un certo punto si trovano a deviare. La quête, la ricerca interiore dell’assoluto delle emozioni ma soprattutto delle esperienze li spinge nell’abisso della propria storia e tra le pieghe più ordinarie della cronaca. Il sentimento dell’irrisolto – dell’”assoluto mai soluto”, come recita il titolo – non assolve i protagonisti e lascia il lettore disorientato. La prosa è ricca ma distaccata, scevra dai sentimentalismi finali che hanno fatto la fortuna di E. L. James nella saga delle Cinquanta Sfumature.

 

Federico Codevilla, Gianluca Porcile, La rimpatriata, Europa Edizioni, pp. 373, euro 15,90.

Volume dall’intento corale, reso ancora più credibile dal fatto che è scritto a quattro mani da due autori genovesi (quasi) coetanei, dei quali uno – Federico Codevilla, classe 1971 – vive ad Asti, La Rimpatriata rielabora il genere dell’eterno ritorno dopo e da un’infanzia condivisa tra tre amici che anni dopo, senza altri motivi apparenti se non la voglia di rivedersi, decidono di organizzare un incontro. Un quarto amico, morto proprio in occasione del loro ultimo incontro avvenuto cinque anni prima, è il vero convitato di pietra, interrogando i protagonisti attraverso la sua assenza. Il sentimento di un tempo denso, in cui la storia presenta il conto di conflitti dolorosi e cruciali (dalla crisi economica all’undici settembre, passando attraverso il G8 di Genova), è la cifra di una storia raccontata con straordinaria freschezza, ordinata in capitoli che sembrano i titoli delle tracce di un compact disc, relitto di un’epoca che – pur nella contemporaneità – ci appare già vecchia e ci confonde, ricordo tra i ricordi, con tutti i suoi interrogativi.

 

L'AUTRICE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE