martedì 21 Maggio, 2024
HomeC'è da vedereAnche i sotterranei di Palazzo Alfieri diventano museo
Spazi Ritrovati

Anche i sotterranei di Palazzo Alfieri diventano museo

La collezione permanente di scultura e scenografia di Eugenio Guglielminetti

Il recupero di Palazzo Alfieri, nel cuore storico di Asti, porta a un percorso museale arricchito, oltre che delle testimonianze documentarie del Museo Alfieriano al piano nobile, del variegato patrimonio artistico della Fondazione Eugenio Guglielminetti al piano terreno e nei sotterranei, con la piacevole sosta nel giardino, adorno di strutture scenografiche, e lo storico platano a dominare il tutto. Varcato il Cortile d’Onore, scendendo nei vani sotterranei recentemente restaurati, il visitatore scopre l’avvincente esposizione permanente di scultura e scenografia di Eugenio Guglielminetti (Asti 1921-2006). Il Museo Eugenio Guglielminetti, concepito dall’omonima Fondazione in occasione del decennale della scomparsa del Maestro Fondatore, raccoglie la collezione di sculture donate da Giuseppe Orlandi, scenografo ed erede del Maestro, accanto alle testimonianze di scenografia donate dallo stesso Guglielminetti alla propria Fondazione per la divulgazione gratuita alla collettività.  L’allestimento di oltre cento opere è stato progettato da Luisa Spinatelli, scenografa e docente all’Accademia di Brera, in collaborazione con Giuseppe Orlandi e coordinato dai consulenti tecnico-scientifici della Fondazione. 

 

Un’opera esposta al Museo Eugenio Guglielminetti, nei sotterranei di Palazzo Alfieri

 

Accolti dai monumentali assemblaggi lignei, i visitatori riscoprono l’immaginifica sperimentazione plastica di Eugenio Guglielminetti, dal Secondo Dopoguerra al Duemila, tra tavole polimateriche, esemplari tridimensionali in ferro e lamiera, tra cui gli storicizzati L’armatura, 1955 e Il Guerriero, 1955, mentre Totem, Scaffali, Campionari, Stele, Ruote, Fucine, dalle venature surreali e metamorfiche, occhieggiano tra fenditure e anfratti murari.  Il fantasioso viaggio nel mondo teatrale e televisivo si snoda attraverso le ideazioni scenografiche di Guglielminetti dagli anni Cinquanta al 2006 per l’allestimento di spettacoli di prosa classica, contemporanea, musica lirica e danza, commedia musicale e realizzazioni presso i Centri di Produzione Televisiva nazionale, con soluzioni tecniche talora precoci e sorprendenti, come l’uso di materiali poveri e del chromakey. Dalle sperimentazioni per il Teatro de La Giostra (1946-1952) agli allestimenti alfieriani (1970-2004), dalle ambientazioni per il teatro rinascimentale e le innovative tipologie sceniche per autori classici, Shakespeare, D’Annunzio e Pirandello, si approda alle costanti collaborazioni con Enti Lirici. Modellini in scala rivelano al visitatore l’inventiva, l’essenzialità visiva, la compiutezza stilistica delle scenografie concepite da Guglielminetti, in collaborazione con celebri registi (Costa Giovangigli, De Bosio, Fenoglio, Squarzina, Ronconi, Puggelli, Calenda, Gregoretti, Quartucci, Scaglione, Molinari, Castellani, Falqui, Siena, Costantini…), personalità dello spettacolo (Paolo Poli, Milva, Savignano, Furno, Egri, Piero Angela…) e storiche compagnie teatrali del Novecento, offrendo singolare documentazione alla storia dello spettacolo e del teatro internazionale del Novecento.  

Info: Sede Fondazione Eugenio Guglielminetti

corso Alfieri 375, tel. 0141. 095801

fond.eugenioguglielminetti@gmail.com

www.comune.asti.it – Orari di visita: venerdì, sabato 16-18; domenica 15-18; ingresso libero.

 

 

Latest posts by La Redazione di Astigiani (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Ottobre-novembre-dicembre 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...
vb

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

20 marzo  Scompare a 92 anni don Matteo Scapino, nato nel 1925 a Cisterna. Ordinato dal vescovo Umberto Rossi nel giugno 1948, per quasi mezzo...

Sul calendario Luglio-agosto-settembre 2018

21 luglio Un forte temporale si abbatte su Asti nelle prime ore della mattina. In breve tempo un vero e proprio torrente allaga la parte...

La collina di Spoon River – Marzo 2017

Paolo De Benedetti 23 dicembre 1927 – 11 dicembre 2016 Teologo, docente universitario Ho trascorso la vita a studiare la natura di Dio. Ora lo vedrò in...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE