mercoledì 7 Dicembre, 2022
HomeC'è da vedereAnche i sotterranei di Palazzo Alfieri diventano museo
SPAZI RITROVATI

Anche i sotterranei di Palazzo Alfieri diventano museo

La collezione permanente di scultura e scenografia di Eugenio Guglielminetti

Il recupero di Palazzo Alfieri, nel cuore storico di Asti, porta a un percorso museale arricchito, oltre che delle testimonianze documentarie del Museo Alfieriano al piano nobile, del variegato patrimonio artistico della Fondazione Eugenio Guglielminetti al piano terreno e nei sotterranei, con la piacevole sosta nel giardino, adorno di strutture scenografiche, e lo storico platano a dominare il tutto. Varcato il Cortile d’Onore, scendendo nei vani sotterranei recentemente restaurati, il visitatore scopre l’avvincente esposizione permanente di scultura e scenografia di Eugenio Guglielminetti (Asti 1921-2006). Il Museo Eugenio Guglielminetti, concepito dall’omonima Fondazione in occasione del decennale della scomparsa del Maestro Fondatore, raccoglie la collezione di sculture donate da Giuseppe Orlandi, scenografo ed erede del Maestro, accanto alle testimonianze di scenografia donate dallo stesso Guglielminetti alla propria Fondazione per la divulgazione gratuita alla collettività.  L’allestimento di oltre cento opere è stato progettato da Luisa Spinatelli, scenografa e docente all’Accademia di Brera, in collaborazione con Giuseppe Orlandi e coordinato dai consulenti tecnico-scientifici della Fondazione. 

 

Scorci nel nuovo museo ospitato nelle cantine di Palazzo Alfieri

 

Accolti dai monumentali assemblaggi lignei, i visitatori riscoprono l’immaginifica sperimentazione plastica di Eugenio Guglielminetti, dal Secondo Dopoguerra al Duemila, tra tavole polimateriche, esemplari tridimensionali in ferro e lamiera, tra cui gli storicizzati L’armatura, 1955 e Il Guerriero, 1955, mentre Totem, Scaffali, Campionari, Stele, Ruote, Fucine, dalle venature surreali e metamorfiche, occhieggiano tra fenditure e anfratti murari.  Il fantasioso viaggio nel mondo teatrale e televisivo si snoda attraverso le ideazioni scenografiche di Guglielminetti dagli anni Cinquanta al 2006 per l’allestimento di spettacoli di prosa classica, contemporanea, musica lirica e danza, commedia musicale e realizzazioni presso i Centri di Produzione Televisiva nazionale, con soluzioni tecniche talora precoci e sorprendenti, come l’uso di materiali poveri e del chromakey. Dalle sperimentazioni per il Teatro de La Giostra (1946-1952) agli allestimenti alfieriani (1970-2004), dalle ambientazioni per il teatro rinascimentale e le innovative tipologie sceniche per autori classici, Shakespeare, D’Annunzio e Pirandello, si approda alle costanti collaborazioni con Enti Lirici. Modellini in scala rivelano al visitatore l’inventiva, l’essenzialità visiva, la compiutezza stilistica delle scenografie concepite da Guglielminetti, in collaborazione con celebri registi (Costa Giovangigli, De Bosio, Fenoglio, Squarzina, Ronconi, Puggelli, Calenda, Gregoretti, Quartucci, Scaglione, Molinari, Castellani, Falqui, Siena, Costantini…), personalità dello spettacolo (Paolo Poli, Milva, Savignano, Furno, Egri, Piero Angela…) e storiche compagnie teatrali del Novecento, offrendo singolare documentazione alla storia dello spettacolo e del teatro internazionale del Novecento.  

Info: Sede Fondazione Eugenio Guglielminetti, 

corso Alfieri 375, tel. 0141. 095801; 

fond.eugenioguglielminetti@gmail.com; 

www.comune.asti.it – Orari di visita: venerdì, sabato 16-18; domenica 15-18; ingresso libero.

 

 

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE