sabato 1 Ottobre, 2022

Astigiani 20 – giugno 2017

Abbiamo fatto 20, giochiamo un po’

di Sergio Miravalle, Luciano Nattino

Questo numero 20 di Astigiani rappresenta un bel traguardo per la nostra redazione e l’associazione. Abbiamo finora pubblicato più di 2400 pagine di storia e storie. Una enciclopedia in progress destinata ad ampliarsi ed arricchirsi ancora. Fatte le debite proporzioni, abbiamo realizzato una sorta di Wikipedia astigiano, naturalmente esteso al Monferrato, alla Langa e al Roero, che rappresenta un unicum nel modo di leggere il passato per intuire il futuro è vivere il presente.

Gli indici completi di tutti i primi 20 numeri, che trovate nelle pagine finali di questa rivista, testimoniano l’intreccio e la varietà dei temi e l’impegno degli autori che meritano il nostro ringraziamento. Per festeggiare degnamente il traguardo abbiamo deciso di giocare un po’ con voi.

Ecco allora il test di Astigianita’ per valutare il vostro grado di conoscenza del territorio e della sua storia piccola e grande. I lettori più attenti di Astigiani non avranno difficoltà a rispondere. E poi lo straordinario e fantasioso giOCAcitta’ realizzato dai ragazzi delle scuole medie Brofferio e Martiri della Libertà, a conferma che la storia, se insegnata nel modo giusto, sviluppa fantasia e curiosità.

Infine la chicca dei giochi enigmatici proposti in esclusiva da Paolo Conte ai lettori di Astigiani. Un regalo di compleanno che vi farà come si diceva un tempo “aguzzare l’ingegno”. Buon divertimento, buona lettura e buona estate.

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce...

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

La pacifica rivoluzione della maestra Lina

Nel 1911 arriva a dirigere l’asilo Ferrer Lina Borgo insegnante alessandrina, vedova con sei figli   Asti, aprile 1911. Nel nuovo quartiere operaio di corso Felice...

Asti si è lasciata sfuggire un gioiello d’arte: il teatrino dei...

Giovanni Rissone nell’Ottocento recitava l’Alfieri a memoria   Genova, per noi che stiamo in fondo alla campagna», oltre che per il sole e il mare che...

La carica dei nostri vent’anni per festeggiare il 20° numero di...

Questa volta l’album di famiglia è davvero speciale. Per festeggiare il ventesimo numero di Astigiani abbiamo chiesto ai lettori di riaprire i cassetti e di...

Piero Bava, la forza tranquilla del Monferrato

C’era una volta nel Monferrato una nuova linea ferroviaria: la Asti-Chivasso. Percorreva le valli, bucava le colline, superava i torrenti. Per realizzarla servivano migliaia...

I 145 inutili piloni della ferrovia Asti-Castagnole

Davanti a quella colata di cemento armato si respira la grazia disarmonica di un pianoforte scordato. Un suono cacofonico moltiplicato per 145. Tanti sono i “giganti”, alcuni dei...

L’albero canoro di Rocchetta ha un nuovo germoglio: Caterina Frola

Figlia d’arte, Caterina Frola è cresciuta a Rocchetta Tanaro in una famiglia dove non è mai mancata la colonna sonora. E nemmeno gli artisti....

È astigiano il primo alpinista della storia

  Nell’articolo sui 95 anni del CAI di Asti, apparso sul numero 18 di Astigiani del dicembre 2016, si fa cenno a un certo Bonifacio...

La meteora del ciclismo che sognava di sfidare Merckx e Gimondi

Poteva diventare un campione del ciclismo. Aveva gambe, cuore e passione, ma il destino non gli è stato benigno. Al suo traguardo finale è...

Il viaggio di ritorno del Tricolore di Massaua

Il Museo del Risorgimento di Asti, ospitato nelle sale al pian terreno di Palazzo Ottolenghi, possiede dal dicembre 2016 un piccolo tesoro frutto di...

Giocavamo con grinta alla “viva il parroco”

Il primo campo da calcio non si scorda mai. Il nostro è chiuso da anni. Era il cortile dietro la Cattedrale. Da anni un...

In corso Cavallotti la storia delle prime case popolari

Un po’ nascosta dagli alberelli che fiancheggiano il corso Felice Cavallotti, dal 1925 una lapide è incastonata nel muro delle case operaie che occupano...

I due volti di Maria per la chiesa di Don Bosco

Osservando i fogli con abbozzi a carboncino che lo scultore monregalese Sergio Unia disponeva sulla scrivania dello studio,  il parroco don Piero Olearo  mormorò:...

L’effervescenza domestica dell’acqua Viscì

Per bere acqua frizzante fino a qualche decennio fa si faceva la Viscì pronunciata come la si legge. Pochi sapevano che quell’acqua resa frizzante...

Il cavaliere degli amaretti di Mombaruzzo

La storia di Franco Vicenzi, il Cavalier Vicenzi, pare uscire dalle pagine del libro Cuore. Siamo alla fine della seconda guerra mondiale.  Un ragazzino,...

Profumo di caffè all’antico bar Povero di San Damiano

  Una, anzi due bustine di zucchero. «A me piace così: dolcissimo». Gira il cucchiaino nel caffé. Si vede che è abituata a stare dall’altra...

Nostalgia del peperone “quadrato”

L’avvocato Giovanni Goria, nel suo La cucina del Piemonte Il mangiare di ieri e di oggi del Piemonte collinare e vignaiolo, pubblicato nel novembre...

Ragazze attente non siete la regina Taitù

La terminologia che si usava in astigiano per definire i tipi di ragazze e di donne oggi sarebbe denunciabile come tipico linguaggio maschilista. Va...

Coppa Città di Asti: più di un secolo di bocciate

Nell’edizione di domenica 5 Maggio 1912 il bisettimanale Il Cittadino le riservò tre righe in seconda pagina: «Domenica 12 grande torneo bocciofilo piemontese con...

In una gabbia d’amore sopravvive solo l’amicizia

Il libro di Antonella Appiano parte da un tragico fatto di cronaca: nel 2016 scompare l’insegnante cinquantenne Gloria Rosboch. Viene ritrovata uccisa pochi giorni...

Quando i tessuti sono la trama di una fuga che porta...

Esiste un punto di rottura nella vita di ciascuno, determinato da una parola, da un incontro, da un’occasione. È quel momento in cui nulla...

Il cronista risolve il delitto e spiega la cultura astigiana

Gianni Gribaudo è pseudonimo, chiaramente piemontese, se non astigiano. La storia ha come protagonista il redattore di un giornale locale che lavora nella cronaca...

La poesia di De Benedetti ispirata dalla Bibbia e dagli uccelli

Un libro prezioso. Le diciotto poesie riprendono tali e quali le diciotto pubblicate nel 1950 (Paolo aveva 27 anni) in un’edizione fuori commercio. E...

Dal puzzle di Cre.Ar.te quei racconti che sono scarabocchi

  Cre.Ar.Te la fondò nel 2014 Patrizia Brignolo, architetto, come presa da un raptus creativo, supportata dal fratello. Arrivarono le prime persone interessate, sconosciute, e...

40 anni fa nasceva il Paliotto. Volti e colori dei protagonisti

Sfogliando il frutto di un pluriennale lavoro di ricerca, ci si imbatte in un dettagliato excursus sui quarant’anni di una delle più importanti e...

Sentenze di morte per sacrileghi e mentecatti

Giuseppe Stefano Incisa Giornale d’Asti, 1816  Febbraio 7 Venerdì Sentenza contro il Colombo sacrilego. Si pubblicò una sentenza di morte contro un certo Giuseppe Antonio Colombo reo di...

Accade nel secondo trimestre

10 anni 16 aprile 2007 - Il ministro Di Pietro inaugura 18 Km dell’autostrada Asti-Cuneo, nel tratto da Isola ad Alba. 30 aprile -1 maggio 2007...