martedì 16 Aprile, 2024
HomeArteI due volti di Maria per la chiesa di Don Bosco
Un Quadro Una Storia

I due volti di Maria per la chiesa di Don Bosco

A Sergio Unia i Salesiani chiesero una Madonna più austera

Osservando i fogli con abbozzi a carboncino che lo scultore monregalese Sergio Unia disponeva sulla scrivania dello studio,  il parroco don Piero Olearo  mormorò: «È una giovane Madre, piena di grazia…», intuendo già il severo giudizio dei vertici dell’Istituto Salesiano e di qualche parrocchiano conservatore, abituato alla tradizionale iconografia di Maria Ausiliatrice dal manto cobalto stellato e l’aureola dorata.  Sergio Unia, nato a Roccaforte di Mondovì nel 1943, allievo di Filippo Scroppo all’Accademia Albertina di Torino, incaricato di eseguire la monumentale statua di Maria Ausiliatrice da collocarsi accanto all’altare della parrocchia di Don Bosco ad Asti, era celebre fin dagli anni Settanta per le sue creazioni plastiche dedicate alla figura femminile.

La chiesa di San Giovanni Bosco edificata in corso Dante, dai Salesiani per accogliere il popoloso rione degli “sbocchi nord” in continua espansione, era stata progettata da Giorgio Platone, architetto, urbanista, docente e assessore, tra il 1975-1980, progettista rigoroso di spazi funzionali, razionali e ariosi. Il linguaggio fluido dei disegni preliminari di Sergio Unia intendeva cogliere la partecipazione corale dell’assemblea dei fedeli alla ritualità liturgica, interponendo tra il celebrante e i devoti l’immagine simbolica della maternità nella sua sacralità “quotidiana”.

Da destra verso sinistra: Sergio Unia, Bozzetto I per “Maria Ausiliatrice”, 1981, cera, Collezione Fondazione Eugenio Guglielminetti; Bozzetto II per “Maria Ausiliatrice”, 1981, gesso, Collezione Fondazione Eugenio Guglielminetti.

 

Lontana da ieratiche soluzioni statuarie convenzionali, la prima modellazione in cera (1981) eseguita da Unia ha i lineamenti lievi e turbati della prima giovinezza di Maria, la Giovane di Nazareth dall’ovale puro che l’iconografia pittorica quattrocentesca ci tramanda, animandone l’esile compostezza strutturale con l’avvolgente moto delle vesti che avvolgono il Bambino teso verso i fedeli. Come previsto dopo la revisione ecclesiale, il secondo bozzetto trasposto in gesso rivela l’irrigidimento della positura e il serrato conchiudersi del mantello sul raccolto panneggio della veste, l’arricchimento della corona e l’ingrandimento proporzionale del Bambino: la versione d’impostazione stilistica più austera fu avviata alla fusione in bronzo (altezza cm. 178), avvenuta nel 1982.  Collocata accanto all’altare, l’opera è tuttora visibile con le altre creazioni di Unia: il leggìo, la “Crocefissione” e il complesso bronzeo “Don Bosco e i fanciulli”.

Sensibile interprete della figurazione, attraverso lo studio realistico dell’anatomia umana e la modellazione di cera, argilla, gesso per la preparazione di esemplari tridimensionali, adatti alla fusione in bronzo, Sergio Unia ha perfezionato nei decenni un linguaggio formale depurato e rigoroso, concependo sculture di grandi dimensioni. Sue opere sono presenti in collezioni museali in Europa, Stati Uniti, Canada, America Latina, Asia. Ricordiamo i monumenti a Palazzo Levi, Acqui Terme 1976; Chiesa parrocchiale, Belveglio; Liguria Agreste, Comune di Dolceacqua 1987; Fontana con girotondo di bimbi, Mondovì 2002,   Museo della Ceramica di Mondovì, Museo della Scultura di Santa Maria di Leuca, Museo Manzù di Ardea,  Musei Vaticani. Designato Maestro del Palio di Asti nel 2015, sue opere sono custodite ad Asti in collezioni private e pubbliche: Fondazione Cassa di Risparmio, Palazzo Mazzetti; Museo Eugenio Guglielminetti.  

 

 

L'AUTRICE DELL'ARTICOLO

Latest posts by Marida Faussone (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...
vb

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

20 marzo  Scompare a 92 anni don Matteo Scapino, nato nel 1925 a Cisterna. Ordinato dal vescovo Umberto Rossi nel giugno 1948, per quasi mezzo...

Sul calendario Luglio-agosto-settembre 2018

21 luglio Un forte temporale si abbatte su Asti nelle prime ore della mattina. In breve tempo un vero e proprio torrente allaga la parte...

La collina di Spoon River – Marzo 2017

Paolo De Benedetti 23 dicembre 1927 – 11 dicembre 2016 Teologo, docente universitario Ho trascorso la vita a studiare la natura di Dio. Ora lo vedrò in...

Secondo e terzo trimestre 2016

2016 - 13 maggio Riapre dopo vent’anni Palazzo Alfieri. Dopo annosi lavori di ristrutturazione, la dimora del Trageda è nuovamente visitabile con un percorso...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE