lunedì 26 Febbraio, 2024

Astigiani 17 – settembre 2016

Quando la storia guarda al futuro

di Sergio Miravalle

Rieccoci a settembre con il nostro nuovo numero di Astigiani. Lo apriamo con la storia di una impresa da pionieri del Far West. La nascita alla fine dell’Ottocento di una grande colonia vitivinicola fondata da un gruppo di imprenditori italiani in California e divenuta, nel giro di pochi decenni, una delle più importanti imprese enologiche americane. Quel posto venne chiamato Asti e ancora esiste, non lontano da San Francisco.

La bella foto della nostra copertina ritrae un gruppo di viaggiatori alla stazione di Asti californiana. Una storia che dal passato guarda al futuro, verso possibili alleanze da esplorare. Parliamo quindi di gemellaggi e intese internazionali con una ricerca di Astigiani che propone la mappa dei gemellaggi intrapresi in questi anni dai Comuni a cominciare da quelli storici tra Asti la francese Valence e la tedesca Biberach. Ma scoprirete che esistono altri gemellaggi, a volte, sorprendenti. E la storia riserva sorprese come la rilettura della vicenda dei “magnetisà” legati agli eretici che a Viarigi, a metà dell’Ottocento, seguirono un prete scomodo e la sua “Madonna dai capelli rossi”. La presunta setta venne debellata, anche con l’intervento di Don Bosco, ma non tutto è stato cancellato.

Dai presunti eretici passiamo alla “fabbrica delle vocazioni”: il Seminario vescovile e il tesoro di libri custodito nella sua biblioteca. Leggerete anche delle vere origini di Gianduja a Callianetto e di un poeta astigiano sconosciuto che si divertiva a scrivere “pericolosi” sonetti contro il Duce. E ancora, un viaggio nella recente epopea delle televisioni private, e la rilettura di un fatto di cronaca sconvolgente: il rapimento di Maria Teresa Novara nel 1968. Un delitto i cui colpevoli sono rimasti in gran parte impuniti. L’intervista di “Confesso che ho vissuto” è a Carlo De Bortoli un cantante lirico che con la sua voce ha girato il mondo.

E poi ancora rubriche, inchieste, spunti, ricordi. Dedichiamo ai cinquant’anni delle ripresa del Palio un serie di clic d’autore che Piero De Marchis scattò in quel settembre 1967. È passato mezzo secolo, per chi c’era, sembra ieri.

Retroscena di un gemellaggio

di Luciano Nattino

A proposito di Gemellaggi. Tre o quattro aneddoti di quando (nell’antichità) ero assessore al Comune di Asti, nella giunta guidata da Gian Piero Vigna, eletto sindaco nel 1975. Scadeva un anniversario del gemellaggio con Valence e avevamo deciso di portare nella città francese alcune eccellenze astigiane in campo gastronomico, culturale e folkloristico. Avevamo ingaggiato due gruppi di sbandieratori: uno era quello dell’Asta, gli sbandieratori del Palio e l’altro quello degli Amis d’la pera che facevano capo al rione Torretta-Santa Caterina, allora ancora insieme.

Sapevamo che c’era una certa rivalità tra gli sbandieratori e i loro dirigenti e avevamo disposto la loro sfilata all’inizio e alla fine del nostro corteo. Il programma prevedeva al mattino la visita alla città francese e al pomeriggio la sfilata. Già dal mattino però il gruppo degli sbandieratori degli Amis d’la pera con tamburi e bandiere si esibì sulla piazza di Valence. La cosa piacque ai francesi, ma non al capogruppo di minoranza, l’ex sindaco Dc Guglielmo Berzano che era anche ai vertici dell’Asta. Come assessore mi riteneva responsabile della sbandierata fuori programma, ma io non ne sapevo niente. Ci furono discussioni… da Consiglio comunale.

Avevamo invitato l’artista astigiano Valerio Miroglio con la sua installazione del Giudizio Universale di Michelangelo inscatolato in una cinquantina di casse di legno. Alcuni critici d’arte nazionali francesi furono sorpresi dall’iniziativa e lo testimoniarono sulle riviste di settore. Gli abitanti di Valence si facevano le foto davanti a quelle scatole e non si era ancora al tempo dei selfie. Un’altra volta, sempre a Valence, fummo invitati a casa della presidentessa del Comitato di gemellaggio. Ci chiesero di cucinare un piatto di spaghetti. Era con me il vice sindaco Giorgio Galvagno e dovevamo preparare per sei persone. Purtroppo in quella casa mancava il necessario per il condimento. Mi dovetti accontentare di un rametto di rosmarino.

Galvagno spudoratamente disse che gli spaghetti erano ottimi, ma non era vero, e i francesi per dovere di ospitalità non lo contraddirono. L’ultimo ricordo è legato a un’avvenente addetta stampa di Valence ad Asti per una riunione dei due comitati. Alla fine le chiesi l’indirizzo, ufficialmente, per inviarle un report delle riunioni. Non c’erano ancora le e-mail. Lo scrisse su un biglietto che misi in tasca. Lo lessi qualche giorno dopo e vi trovai “Rue du Ha ha” con un numero civico. Pensai ad uno scherzo della bella addetta e stracciai il biglietto. E invece no. Quella via dal nome curioso, che sembra una risata, esiste. Se vi capita di andare a Valance cercatela.

C’è Asti anche in California

C'è una Asti anche in California tra i pionieri che conquistarono il leggendario west. Storie di vini e di coraggio.

Quei nostri gemelli in giro per il mondo

Circa un terzo dei 118 comuni dell'Astigiano sono gemellati con altri comuni in Italia e in giro per il mondo

Un nuovo Messia e la Madonna dai capelli rossi tra i...

Magnetisà. È l’appellativo che ancora oggi viene dato agli abitanti di Viarigi, poco più di mille anime ma con una storia unica.

Il seminario svela un tesoro di libri

Il seminario ospita la secolare Biblioteca e una casa per sacerdoti. Nelle camerate dei seminaristi decine di profughi.

A Callianetto le radici di Gianduja

C’è il Gianduja burattino, personaggio nato dal talento di due artisti che per via della loro satira scomoda furono cacciati prima da Genova e poi da Torino.

Quei pionieri delle tv made in Asti

Nel 1972 Telebiella trasmette via cavo e di fatto incrina il monopolio Rai: pochi mesi e anche ad Asti si vorrebbe far nascere una tv privata sulla falsariga delle radio libere.

Quei sonetti che prendevano in giro Mussolini

Mario Giacomo Poncini a scrivere quei sonetti rischiava il confino, ma lui si fidava degli amici e i delatori erano tenuti fuori dal suo salotto di casa divenuto una sorta di circolo antifascista.

Clic d’autore di Piero De Marchis, fotoreporter al Palio del 1967

Piero De Marchis seguì tutti i principali fatti di cronaca per decenni. Come la caduta della guglia della Mole, i funerali di De Gasperi, terremoti, alluvioni, gli anni di piombo.

Carlo De Bortoli

La musica ha fatto parte da subito della sua quotidianità ascoltando il padre, organista di parrocchia nel paese di origine. La povertà lo ha inseguito a lungo, insegnandogli umiltà e voglia di lottare.

Dalla Romania ad Asti, al mondo

Dalla Romania ad Asti, da Asti al mondo. La vicenda della famiglia Pletosu è una testimonianza di come l’integrazione europea possa trasformarsi da sogno in realtà.

Per non dimenticare l’attentato di Bologna del 1980

Mauro Alganon, vittima della strage di Bologna del 1980.

L’ultimo canestro di Beppe De Stefano

Beppe De Stefano era ironico, acuto, dotato di un carisma assoluto, era capace di intrattenere rapporti di alto profilo in ogni settore operasse.

“Giochiamo con i ragazzi a costruire il futuro”

Tutto ha inizio negli anni Ottanta nel cortilone d’asfalto dell’oratorio Don Bosco, in cima a corso Dante. Generazioni di astigiani vi hanno trascorso pomeriggi ed estati.

La bella addormentata nel Monferrato

La Provincia voleva far diventare “La Mercantile” un resort di lusso. La parte storica è gestita dalla cantina sociale di Castagnole. Nelle stanze dell’albergo,...

Un bronzo come sintesi del “non finito”

Oltre mezzo secolo fa, nella terza edizione del Premio “Alfieri” (Palazzo della Provincia, 14 ottobre -15 novembre, Asti 1962), la giuria composta da Vittorio...

Maria Teresa Novara. Un calvario senza giustizia

1968: rapita a 13 anni a Villafranca Sarà ritrovata cadavere 8 mesi dopo a Canale prigioniera di un pregiudicato. Un caso clamoroso Nel ripercorrere, dopo...

“Ero la numero 65 delle signorine Stipel”

L’operatrice di commutazione – ci chiamavano le “signorine Stipel” – svolgeva un lavoro che aveva una copertura di ventiquattro ore

“Noi, i ragazzi della scala mobile dell’Upim”

Appena varcata la soglia dell’Upim (aveva aperto nel suo palazzo in corso Alfieri, dopo i primi decenni in piazza Statuto angolo via Bruno), si spalancava un mondo di luci e sorprese

Un pastificio nel paese delle grissie

C’era un negozio di pasta fresca in via San Secondo nel cuore di Torino che mi interessava per fare un bar. Un giorno c’erano tutte le macchine per fare la pasta in mezzo alla via.

Ecco come vincere il “carpionato” del mondo

L’importante è fare bene il carpione, con aceto di vino buono (magari con l’aggiunta di acqua e di mezzo bicchiere di vino bianco per stemperare il forte), spicchi d’aglio carnosi, abbondanti ciuffi di salvia.

Scoppia la Cernaia e la guerra entra nei modi di dire

È s-ciudij na Cernaia. La traduzione letterale “si è schiusa una Cernaia” va intesa come “è successo il finimondo, una gran confusione”

Un astigiano sulle tracce del 108 di Gio Ponti

La bellezza del libro è sicuramente dovuta anche ai moltissimi disegni che illustrano, spiegano, approfondiscono il modus operandi tanto dell’autore quanto del soggetto preso in esame.

Uno scenario monferrino per il romanzo di Frascella

Christian Frascella è torinese, ha esordito con un libro di grande successo: Mia sorella è una foca monaca e ha proseguito con altri libri ben accolti dai lettori.

Mito e avventure di un pescatore sul Tanaro

Alessandro Maria Mai, annonese, è un profondo amante della natura, ambientalista convinto, appassionato pescatore con la mosca.

Freschi di stampa

I libri più coinvolgenti e venduti che riguardano Asti e provincia e di autori astigiani che tanto hanno da raccontare.

Il baule è rimasto solo quello delle auto

Esistevano diversi modelli: il baule farmacia che poteva contenere garze, chinino, erbe officinali, il baule-biblioteca con libri e manuali, il baule-letto e il baule-cassaforte.

Sette classi di leva chiamate all’arruolamento

Il momento più temuto dai giovani ragazzi in passato era dover fare il servizio di leva obbligatorio nell'Esercito.

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 11 luglio 2006 - A 81 anni si è spento Bruno Faussone, dirigente sportivo e presidente del Coni di Asti dal 1980 al...