mercoledì 7 Dicembre, 2022
HomeReclamLa voglia di ripresa viaggia su due ruote meglio se motorizzate
Reclam

La voglia di ripresa viaggia su due ruote meglio se motorizzate

Dal boom di Vespa e Lambretta al Solex, Mosquito e Paperino

Le pubblicità sono lo specchio del momento storico e quelle che compaiono sui giornali astigiani nei mesi e negli anni immediatamente successivi alla fine della seconda guerra mondiale testimoniano delle difficoltà, ma anche della voglia di ripresa. Ne è un esempio l’annuncio comparso su La Gazzetta d’Asti il 7 novembre 1946, in cui la Cassa di Risparmio di Asti «comunica l’apertura delle iscrizioni al prestito della ricostruzione redimibile al 3,5% con un prezzo di emissione di 97.50 lire e con rimborso per estrazioni annuali». Ne seguiranno altri analoghi, proposti dalla Banca Agraria di depositi e prestiti Bruno & C.

Sui settimanali, da Il Cittadino a La Gazzetta d’Asti, compaiono altre reclàm, identificative dell’epoca, dedicate alle motociclette: segnali della voglia di due ruote motorizzate che sarebbe esplosa con gli scooter di maggiore successo Vespa e Lambretta. Ma non mancano i marchi più gloriosi della motociclistica italiana: siamo nel ’48 quando il settimanale della diocesi La Gazzetta d’Asti pubblicizza il nuovo modello Guzzi di 150 cc, il cosiddetto “Galletto”, con rappresentazione grafica dettagliata. L’inserzione è della concessionaria Perosino. In quegli anni i prezzi di riferimento vanno da 150.000 lire per i modelli base alle 373.000 dell’Airone da 250 cc. Le moto da gran turismo come il Falcone Guzzi erano già oltre le 400.000, mentre il motocarro Ercole a tre ruote, molto usato nei cantieri e per i trasporti minori, era a 675.000.

Un'inserzione apparsa sui giornali astigiani negli anni ’50 -’60
Un’inserzione apparsa sui giornali astigiani negli anni ’50 -’60

Alla Giuntelli di corso Alfieri, diventata anche “officina specializzata”, si propone la Iso 125, una sorta di antesignano della Vespa, con un invito alla clientela: «Prima di prendere una decisione provatela!». Crescono in città i “meccanici” come quello di Giuseppe Giovara, in via Arò 18, che assicura «lavori accurati e prezzi di concorrenza» e diventa concessionario della MV Agusta, la marca che conquisterà il motomondiale decenni dopo con il mitico Giacomo Agostini.

È del ’49 la comparsa sul mercato di un nuovo mezzo più maneggevole nel traffico già intenso di città, il Velo Solex di produzione francese. Citando un annuncio de La Gazzetta: «La bicicletta che funziona da sé, un mezzo più economico, silenzioso e pratico; con meno di un litro di benzina ogni 100 km!». Stesso genere di velocipede a motore era il Mosquito, «il più perfetto motore applicabile ad ogni bicicletta… con pagamento rateale in dieci mesi a 3900 lire… tutti motorizzati», reperibile alla “Nizzarda Cicli Saracco” di corso Alfieri. La ditta Arata propone un altro ciclomotore economico: il Paperino, a 63 900 lire. Da segnalare in questo settore anche la pubblicità della Orix 125 cc, uno scooter made in Asti prodotto nelle officine Prina di corso Alessandria 3.

Compaiono pubblicità anche di ditte di autotrasporti, come quella di Guido Maggiora (su Il Cittadino del 1948, con la definizione di «auto espresso giornaliero Asti-Torino, in viale Partigiani e via Crispino, e con consegna a domicilio»), oppure Testa & C. srl «per trasporti e spedizioni terrestri e marittime, in via Mura degli Zingari 20». La ditta Valpiola trasporti prometteva: «Corre nella luce e nel buio al servizio delle vostre merci».

Pubblicità degli Anni ’50 dei rivenditori di motocicli astigiani tratta da Asti testimonianze di ieri di Venanzio Malfatto, editrice Basegrafica, Cuneo 1988
Pubblicità degli Anni ’50 dei rivenditori di motocicli astigiani tratta da Asti testimonianze di ieri di Venanzio Malfatto, editrice Basegrafica, Cuneo 1988

Anche la vita quotidiana e casalinga è in trasformazione, specchio di una evoluzione tecnologica nata per facilitare i lavori domestici, dalla «stufa elettrica pratica e a grande rendimento», in vendita dal concessionario San Filippo in via XX Settembre 20 ad Asti, al forno-pentola “Seba”, pubblicizzato su La Gazzetta d’Asti fin dal 1945. Grande al contempo la proposta di macchine da cucire: dalla Borletti “punti perfetti” (slogan immutato nei decenni) vendute anche a rate da Bo Marcellino di corso Dante, alle americane Singer, all’italianissima Necchi.

Nel dopoguerra si passa lentamente dalle ghiacciaie, rifornite grazie alla vendita di pani di ghiaccio a domicilio, ai primi “refrigeratori” a uso domestico. Nel 1950 su La Gazzetta appare la pubblicità dell’esposizione Morandi & Ghia di via Brofferio e, nel 1949, su Il Cittadino, la ditta Rocca di corso Alfieri 74 assicura «importazione diretta di accessori delle migliori case americane e tutte le applicazioni dell’industria del freddo, con facilitazioni di pagamento». Per avere un’idea, i frigoriferi nel 1954 costavano dalle 70 000 lire (4 mila lire al mese per 19 rate), ai modelli più grandi da 160 litri proposti a 139 000 lire (oppure 7500 lire per 20 rate). Tra le marche anche la curiosità dei modelli Fiat, frutto della diversificazione produttiva dell’industria torinese. Nel 1951 arrivano le prime lavatrici. Ecco l’annuncio: «Non perdere tempo e sprecare energie per fare il bucato. La massaia intelligente utilizza la lavatrice Hoover, per un bucato perfetto in breve tempo conservando intatta la bellezza delle mani». Una pubblicità a suo modo emblematica che guarda alla popolazione femminile (nel 1946 era arrivato il diritto di voto anche per le donne) e si collega al lancio di nuovi prodotti di bellezza che diventano sempre più accessibili, mentre la diffusione di un nuovo materiale come il nylon rivoluziona anche il mondo delle calze e della corsetteria.

Un'inserzione apparsa sui giornali astigiani negli anni ’50 -’60
Un’inserzione apparsa sui giornali astigiani negli anni ’50 -’60

L’AUTRICE DELL’ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE