lunedì 28 Novembre, 2022
HomeReclamCon i velocipedi nasce il turismo
RECLAM

Con i velocipedi nasce il turismo

La pubblicità di fine Ottocento punta sulle “nuove tecnologie”.

La fine dell’Ottocento è un periodo di grandi trasformazioni e scoperte che oggi definiremmo “nuove tecnologie”. Cambia anche il modo di viaggiare. Oltre al treno sta diventando popolare la bicicletta, nei primi tempi giudicata “sconveniente” per le donne e si afferma tra i più facoltosi l’automobile. Cresce anche il turismo e nascono i club, come il Touring, che propone resoconti di viaggio fornendo informazioni sulle caratteristiche territoriali e sociali dei luoghi, con elementi di tradizione folcloristica.

E se chi viveva in campagna raramente sentiva la necessità di attrezzarsi con mezzi di locomozione più “moderni” e rapidi (i tempi della vita rimanevano vincolati ai ritmi delle stagioni), in città appariva evidente l’interesse a essere più dinamici, come testimoniano numerose inserzioni sui giornali astigiani a partire dal 1870. In quell’anno su Il Cittadino appare il seguente annuncio riferito alla vendita di calessi: «Varie vetture di lusso ben costruite, d’ultimo gusto da vendersi presso il negozio in Sellerie Davico Felice, in via Maestra, ad Asti». E sempre presso la suddetta bottega, si offrivano «velocipedi a prezzi modicissimi, garantiti dalle migliori fabbriche». Ovviamente per trainare quelle vetture servivano cavalli e allora ecco, sempre sul Il Cittadino offerte del tipo: «cavallo di cinque anni di razza ungherese con ampie guarantigie, per sella o per vettura».

Si coglie anche l’evoluzione grafica delle “reclam” che iniziano ad abbinare ai semplici box di testo elementari disegni e caratteri più o meno articolati. Tra gli annunci di prodotti farmaceutici, ecco la riproduzione di una scatola di pastiglie «per la tosse a base di tridace, utili per bronchiti, mal di gola e catari polmonari», venduta al prezzo di una lira, illustrata con uno spartano ma efficace effetto 3D. Anche i caratteri tipografici hanno un’evoluzione: accanto ai semplici grassetti la presentazione grafica si arricchisce di lettere di grandezza differente, allora ottenute da caratteri mobili incisi nel legno e solo in un secondo tempo fusi a piombo.

Il vino Mayer veniva venduto anche come vermifugo
Il vino Mayer veniva venduto anche come vermifugo

È il caso di una pubblicità del 1871 per la vendita di un «bigliardo in buonissimo stato con i relativi accessori, reperibile a Porta Pietro in piazza del Seminario». Altrettanto interessante e indicativa della maggior disponibilità di tempo e denaro e dell’evoluzione dei gusti sul livello medio-alto, è la comparsa di alcuni annunci, a partire dal 1865, di messa in commercio di armi e polveri da sparo destinate alla caccia, da intendersi non più solo come mestiere o mezzo per procurarsi cibo, ma come passatempo non esclusivo delle classi più ricche.

Presso Borio Marcello si vendevano anche «pistole, fucili Lèfaucheaux, carabine Flobert per uso sala e giardino, oppure assortimento di Revolver da 40 a 100 lire» mentre «nell’antica polveriera municipale e governativa di Asti, erano disponibili, solo all’ingrosso e comunque a prezzo competitivo, polveri da caccia e da mina in barili e scatole, oltre che pallini e capsule». Di pari passo, anche l’abbigliamento adeguato all’attività venatoria cominciava ad avere il suo mercato, e si legge tra le pagine de Il Cittadino, nell’aprile 1872, «un avviso pei cacciatori. Mercante sarto Felice Galle’ sotto i portici Anfossi, oltre l’assortimento di abiti fatti tiene pure giacche così dette Cacciatore a prezzi moderati».

L’AUTRICE DELL’ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE