venerdì 1 Marzo, 2024
HomeBarbutunServe un barcaiolo salva bagnanti lungo il Tanaro
Barbutun

Serve un barcaiolo salva bagnanti lungo il Tanaro

Le lettere di protesta sui giornali astigiani.

L’estate alla spiaggia del Tanaro
Da Il Cittadino del 27 maggio 1961

Si è alle soglie della stagione estiva, una percentuale, non bassa, di cittadini… hanno imparato a trascorrere in letizia le loro ferie e le feste settimanali accontentandosi di una vacanza lungo le verdeggianti sponde del Tanaro. Orbene, di questi… villeggianti «tanarensi», la più gran parte, forse 1200-1500, si riversano nella località denominata «Gino», dall’omonimo caratteristico ristorante…
Ma è proprio a questo punto che nasce il motivo per cui si è creduto scrivere questa lettera: a) la sponda del Tanaro nel tratto denominato «Gino», che presenta una discreta distesa di sabbia, non può essere sfruttata dai villeggianti per la estrema disuguaglianza della superficie che presenta anche abbondanti ciuffi di spontanea vegetazione fluviale, senza la loro eliminazione con adeguati mezzi, quali un bulldozer.
b) Per rendere sabbiosa un’altra piccola zona vicino – che è stata «rasa» dal fiume in piena – si potrebbe renderla accogliente sistemandovi la sabbia, ricuperata dal precedente livellamento.
c) Il Tanaro, nel periodo estivo, ha sempre voluto le sue vittime. Questo pericolo potrebbe essere eliminato non col porre solo tabelle o bandiere di pericolo per indicare la profondità dell’acqua, che d’altra parte per il continuo lavoro delle draghe per l’estrazione della sabbia e della ghiaia, deformano continuamente il letto del fiume, bensì con l’adottare la sistemazione di due o tre boe, collegate tra loro e assicurate alla riva con corde onde delimitare la zona d’acqua in cui fare il bagno senza pericolo.
d) A completamento di tale iniziativa, si dovrebbe trovare la possibilità di dotare detto tratto di fiume di un provetto barcaiolo, da scegliersi fra i due o tre pescatori pensionati per i mesi di Giugno-Luglio-Agosto, che si impegnasse a stazionare nei paraggi delle boe e nelle vicinanze dell’opposta sponda, onde poter tempestivamente intervenire nei casi necessari. Tale servizio potrebbe essere remunerato con un modesto mensile (essendo già pensionato) con un orario che potrebbe essere dalle 9 alle ore 20 di ogni giorno. La barca dovrebbe essere provvista di almeno due salvagenti e di corde con arpioni nonché di una cassetta di medicinali.

La lettera pubblicata sul Il CIttadino del 27 maggio 1961

Rag. Pietro Conone

Per l’igiene
Da Il Cittadino del 9 luglio 1933
Lettera aperta alle Autorità, preposte alla tutela dell’igiene, per sapere se credano possibile e lecito che annesso ad un sedicente albergo situato in una stretta, ma centrale, popolare via di questa città, sita nei pressi dei mercati di Piazza Statuto, sussista uno stallaggio ove si dà ricetto ad animali bovini ed equini in locali che si dovrebbero chiamare tane, più che stalle, ove si agglomera il letame, dove manca lo spazio, manca l’aria, manca la luce, dove vivono ed emigrano insetti di ogni specie, dove sorgono e si spandono specialmente nella stagione estiva, esalazioni nocive, veicolo di microrganismi dannosi alla salute di tutti, specialmente alle famiglie degli operai, che vivono nelle camere sovrastanti ed adiacenti alle stalle suddette e così in condizioni che frustrano le norme per la sanità e la robustezza della generazione che sorge.

Segue la firma

L’AUTORE DELL’ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

I proverbi anticipano le previsioni del tempo

L’attesa della primavera nel folclore meteorologico monferrino¹   «Smenmi d’ Mars, smenmi d’Avrì, fin c’al fassa caod peus nen avn컲: Seminami di marzo, seminami di aprile,...

La collina di Spoon River – Giugno 2017

Vito Walter Sollazzo 22 agosto 1945-10 marzo 2017 Sindacalista e allenatore di calcio Ho sempre amato il gioco di squadra. L’ho praticato per tutta la vita, nella...

Secondo trimestre 2017

3 aprile Inaugurato a Nizza Monferrato l’hospice che accoglie i malati terminali del reparto di oncologia del Cardinal Massaia. A disposizione dei pazienti una...

La collina di Spoon River – Dicembre 2016

Angelo Franco 11 agosto 1929 - 16 settembre 2016 Autotrasportatore Ero uno dei Cugini Franco. Avevamo deciso di chiamarci così con mio cugino Giacomo quando aprimmo la...

Sul calendario

8 settembre L’ambasciata di Israele assegna il riconoscimento di Giusti fra le nazioni alla memoria di Eugenia e Pietro Gilardi. Coppia di contadini di...

Il monumento in bronzo dedicato alle 5 storiche divisioni

L’alpino di piazza Libertà, nell’aiuola di fronte la Mercato coperto, è da più di 40 anni muto testimone della vita della città. È stato...

La collina di Spoon River – Maggio 2016

Andreina Jodice Napoli, 27 dicembre 1935 - Asti, 2 gennaio 2016 Insegnante di Lettere Sono nata a Napoli, ma la mia famiglia, ed io al seguito, era...

Pino Morino, l’inventore del terzo tempo

Discobolo nazionale e “missionario” del pallone elastico

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE