venerdì 2 Dicembre, 2022
HomeUn quadro una storiaUna tela che anticipa fondali teatrali
Un quadro una storia

Una tela che anticipa fondali teatrali

Esperienze plastiche e intuizioni pittoriche nell’opera del 1957 di Guglielminetti

Nella sala della Biblioteca Astense, i lettori erano abituati alla confidenziale presenza di Immagine, la grande tempera di Eugenio Guglielminetti (Asti 1921-2006).

Dal 1998, accanto ad altre opere, il dipinto è stato muto testimone di pomeriggi di ricerca degli studenti, conversazioni serali, incontri domenicali, presentazioni di libri. Dall’ottobre 2012, in prossimità del trasferimento della Biblioteca, con l’inaugurazione della nuova sede della Fondazione Eugenio Guglielminetti nell’ala sinistra di Palazzo Alfieri, Immagine è tornata alle originarie collezioni. La sua esposizione fu costante negli allestimenti che Eugenio Guglielminetti ordinò in Asti, al Battistero di San Pietro nel 1966 e nel maggio-luglio 1991, quindi a Torino nell’ampio omaggio “Un pittore a teatro” promosso dalla Regione Piemonte alla Promotrice nel 1993. Lungo la vicenda esistenziale di Guglielminetti, Immagine contrassegna un’indagine creativa complessa, in cui si intrecciano esperienze plastiche e intuizioni pittoriche, pronte a trasporsi sui fondali scenografici teatrali degli anni Sessanta. Il decennio Cinquanta acuisce infatti l’inquieto dibattito nazionale tra realismo e sperimentazione,  già divampato in occasione della Biennale veneziana del 1948, orizzonte eterogeneo dell’area milanese di Corrente, dell’area realista romana, degli astrattisti veneti. Le tensioni solcano il Fronte Nuovo delle Arti, contestato dall’editoriale di Rinascita e destinato alla divisione fra gli sperimentatori (Gruppo degli Otto) Birolli, Corpora, Morlotti, Turcato, Vedova, Santomaso, Afro Basaldella, Moreni ed i realisti, tra cui Guttuso, Treccani, Zigaina, Vespignani e la cerchia romana.

Immagine, 1957, tempera su tela, cm. 200 x 120, restauro ad acrilico nel 1990, firmato. Collezioni Fondazione Eugenio Guglielminetti, esposizione permanente
Immagine, 1957, tempera su tela, cm. 200 x 120, restauro ad acrilico nel 1990, firmato. Collezioni Fondazione Eugenio Guglielminetti, esposizione permanente

La Biennale veneziana del 1950 focalizza i dissonanti umori: i monotipi che Eugenio Guglielminetti presenta in laguna, pur rivelando il rigore lineare di Felice Casorati, suo docente, attingono alla sintesi strutturale post-cubista di Moreni e al modulo cromatico di Afro. La partecipazione alla rassegna Arte Astratta e Concreta, nel 1951 alla Galleria d’Arte Moderna di Roma, indica l’intento neoplastico di Guglielminetti, rielaborato in anni successivi: «La prima impressione di trovarsi davanti all’icona di una visione concretista, perché sono figure che pongono l’ipotesi di un oggetto modellato e attualizzato nello spazio secondo astratti principi di ritmo e di armonia delle parti, cede a poco a poco, lasciando affiorare qualche indicazione sugli amori remoti di Guglielminetti: Casorati, che è stato infatti suo maestro, e Boccioni». (L. Carluccio, Guglielminetti, catalogo, Galleria d’Arte Moderna, Milano 1967). Durante le esperienze astigiane del Circolo culturale e della galleria La Giostra, Guglielminetti affronta lo spazio tridimensionale con tondini di ferro, modulati come metafisiche armature, riflesse dalla pittura: «L’espressività acuta è affidata al colore che assume nel ritmo degli spazi una funzione determinante. Per un certo periodo come tono, poi come accordi di valori timbrici nei modulati, nelle assonanze degli analoghi, nei richiami dei rossi e dei blu, dei bruciati intensi in un linearismo grafico che è primo cubismo analitico» (A. Bovi, Galleria Farnese, Roma 1976). Immagine cela dunque l’intensità pensosa e fantastica delle stagioni creative di Guglielminetti.

 

A Eugenio Guglielminetti è dedicata una mostra con sculture, arazzi, dipinti, pubblicazioni promossa dal Comune di Costigliole al Castello fino al 30 giugno e un’altra è in preparazione a Cerreto.

L’AUTRICE DELL’ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE