martedì 23 Luglio, 2024
HomeMemorie a tavolaEcco il “bruss” per chi ama i piaceri forti
Memorie a tavola

Ecco il “bruss” per chi ama i piaceri forti

Da Roccaverano a Cocconato tradizione e nuove realtà nel mondo dei formaggi

Nel passato, almeno fino a 50-70 anni fa, nella stalla delle famiglie contadine meno abbienti, soprattutto di collina, era già tanto se si trovavano una vacca e una coppia di buoi da lavoro, qualche coniglio che scorrazzava tra le zampe dei bovini e, magari, un paio di capre che potevano fornire il latte per i bambini. Se si saliva più alto, sui territori scoscesi della Langa, le capre prendevano decisamente il posto dei bovini e, soprattutto ai confini con il Cuneese, non era raro trovare qualche piccolo gregge di pecore di razza langarola. Ai ragazzi spettava il compito di portare al pascolo gli animali, prerogativa delle donne era la vendita del latte in eccesso presso i vicini (le “poste”) e di preparare un po’ di formaggio. Non sono molte, a dire il vero, le testimonianze relative al “fare il formaggio in casa” da parte delle famiglie contadine dell’Astesana: qualche tomino a coagulazione acida, ottenuto cioè dalla naturale fermentazione del latte in ambiente caldo, un po’ di quagliata (la giuncà) o di ricotta ricavate dalla lacià, ossia il siero che cola dalla fuscella dove si è coagulato il latte.

Disponendo di latte di capra o di pecora, ci si arrangiava con il sistema di coagulazione più antico del mondo, quello con il caglio vegetale: messo il latte con un po’ di sale in un tupìn, si rimestava ogni giorno con un rametto fresco di fico decorticato, a cui si lasciava in cima un frutto non maturo, leggermente inciso; dopo circa una settimana il latte si coagulava e diventava una crema leggermente acidula, da mangiare con la polenta. Se poi si volevano recuperare tome o robiole non perfette e avere una sfiziosità per la dispensa dell’inverno, bastava spezzettarle, collocarle in un recipiente di terracotta aggiungendo un bicchiere di vino bianco o di grappa e lasciare rifermentare il tutto, mescolando dopo qualche giorno e rabboccando con un poco di latte.

Robiole di Roccaverano

 

Ecco il bruss, il “cacio fortissimo” (come lo definisce il cavalier Vittorio di Sant’Albino nel suo Grande dizionario piemontese-italiano scritto a inizio Ottocento) che si presenta come una piccante crema da spalmare sul pane.

A dire il vero, le indicazioni per ottenere il bruss variano a seconda della zona: c’è chi grattugia i formaggi e chi li lascia interi; alcuni aggiungono acqua e altri latte, altri ancora integrano con della ricotta; si è reperita una ricetta dell’Acquese che prevede il rafforzamento del piccante con grani di pepe nero e un po’ di peperoncino.

Il bruss, che si prepara tuttora, tanto da essere inserito nell’elenco dei Prodotti agroalimentari tradizionali piemontesi pubblicato dal Ministero per le politiche agricole, trova la sua espressione migliore se si utilizzano formaggi di pecora o di capra.

Torniamo allora nella nostra Langa, quella di Roccaverano, di Serole, di Bubbio, di Monastero Bormida, di Mombaldone, dove si annida un tesoro, la Robiola di Roccaverano, oggi a Denominazione di origine protetta. Qui, dove i crinali si fanno più netti e il paesaggio appare più selvaggio, con estese zone boschive e pascoli, la tradizione dell’allevamento caprino è secolare. Uno storico locale racconta che a fine Ottocento nel comune di Roccaverano si tenevano ben cinque fiere annuali, durante le quali si vendevano per l’esportazione “eccellenti formaggi di Robiole”. In verità, il termine diffuso popolarmente è sempre stato “formaggetta”, a indicare un piccolo e basso cilindro dalla pelle molto sottile di colore bianco latte o avorio che, con la maturazione, tende al paglierino e, vieppiù, al rossiccio (rubeolus, dice il latino), con una fioritura naturale di muffette chiare.

Capre camosciate al pascolo

 

La sua pasta morbida e setosa, diventa cremosa nel sottocrosta se il formaggio si affina per 10-15 giorni, regalando eleganti sentori caprini e aromi fruttati o vegetali legati al pascolo. Il disciplinare di produzione autorizza l’utilizzo di latte crudo intero misto, caprino e vaccino/ovino, ma diversi allevatori-casari stanno difendendo la Roccaverano “storica e classica” prodotta con latte di capra in purezza.

Tutta un’altra cosa. Interessante, a proposito di razze caprine, l’attività di un centro sperimentale di selezione, finanziato dalla Comunità montana Langa Astigiana Valle Bormida, che lavora al recupero della razza autoctona di Roccaverano in pericolo di estinzione oltre che allevare capi di alta genealogia con attitudine lattifera, come le razze Saanen e Camosciata delle Alpi. Il territorio della provincia di Asti, comunque, è oggi punteggiato di piccole aziende casearie che, sull’onda della maggiore attenzione da parte dei consumatori per i prodotti artigianali e a chilometro zero, offrono formaggi interessanti, soprattutto caprini. Se ne trovano a Monale, a Capriglio, a Moncalvo, a Moasca, a Costigliole, a Loazzolo (dove si produce un buon erborinato, il Blu di Loazzolo), senza contare le Agrilatterie che propongono anche latte e yogurt. Rimanendo nell’ambito della tradizione, non si può non ricordare la Robiola di Cocconato: a latte vaccino, è un formaggio fresco, dalla consistenza molle e cremosa. Molto apprezzata dagli astigiani, è tuttora una specialità in produzione nel comune omonimo.

 

 

 

 

 

L'AUTRICE DELL'ARTICOLO

Latest posts by Paola Gho e Giovanni Ruffa (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA
Paolo Conte nello studio a Torino con altri musicisti astigiani durante la registrazione di Torretta Calipso nella primavera del 1980

Paolo Conte: avvocato, cantautore… enigmista

In che consiste il gioco? Chi si cimenta con questi enigmi deve trovare una frase cioè la soluzione partendo da un enunciato (esposto) che...

Patente di Astigianità

Sappiate che Da 35 a 40 risposte esatte Ottimo! Siete Astigiani doc, eccellenti conoscitori delle terra dove vivete. Meritate la patente di Astigianità. Da 24 a...

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Ottobre-novembre-dicembre 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE