martedì 16 Aprile, 2024
HomeCosi per sportDalle bocce di "Pin" Garri un lampo azzurro alle Olimpiadi di Parigi...
Così per Sport

Dalle bocce di “Pin” Garri un lampo azzurro alle Olimpiadi di Parigi del ’24

Con il fratello Lorenzo diede vita a una saga sportiva di famiglia giunta fino a Luca, argento olimpico nel basket ad Atene 2004

Nel mondo dello sport astigiano dici Garri e subito pensi a Luca, medaglia d’argento ad Atene nel 2004 con la nazionale azzurra di basket, miglior risultato mai ottenuto da un astigiano alle Olimpiadi. Invece qui si parla del bisnonno Giuseppe che, insieme al prozio Lorenzo, costituì un’imbattibile coppia di giocatori di bocce per tutti gli Anni ’20, dando inizio a una saga sportiva famigliare unica nello storia dello sport astigiano: dopo di loro abbiamo infatti Ettore, figlio di Giuseppe, egli stesso buon giocatore di bocce, un secondo Ettore (“Ettorino”, altro nipote di Giuseppe), pugile professionista di grande eleganza prematuramente scomparso negli Anni ’70 ed ancora un Mario (figlio del primo Ettore) buon calciatore che provò addirittura per il Milan. E infine Luca, che, dopo l’exploit olimpico, oggi gioca a Trento in A2, dopo numerose presenze in azzurro e in varie squadre del massimo campionato di basket.

Giuseppe “Pin” Garri in una foto studio degli Anni ’30
Giuseppe “Pin” Garri in una foto studio degli Anni ’30

 

Torniamo a Giuseppe “Pin” Garri, classe 1890, grandissimo nell’accosto, scaltro, capace di sfruttare ogni occasione, anche le meno ortodosse, per riuscire a prevalere sugli avversari. Con il fratello Lorenzo (“Cinu”), classe 1893, formidabile e quasi infallibile bocciatore, possono essere considerati i primi campionissimi della bocce astigiane con un palmarès straordinario (Coppe Città di Asti, titoli italiani nelle varie categorie, prestigiose vittorie in terra francese ecc.). I due fratelli, insieme, a volte, ad Angelo “Ciabri” Carretto ed altre a Battista “Curà” Curato (la “terna” era all’epoca la formazione principe nel gioco delle bocce) vinsero tutto ciò che c’era da vincere tra il 1915 ed il 1925. Nei primi Anni ’20 Lorenzo conquistò ben 125 medaglie d’oro e Giuseppe addirittura 129. Proprio Giuseppe fu protagonista, nel 1924, di una quasi dimenticata quanto prestigiosa partecipazione alle Olimpiadi di Parigi, le stesse in cui il fortissimo podista astigiano Emilio Alciati fu costretto, da una improvvisa crisi di fame, all’abbandono negli ultimi chilometri della Maratona, perdendo la grande occasione di salire sul podio.

Quella sfida a tre tra Italia, Francia e i monegaschi

Alle Olimpiadi le bocce non sono mai state finora ufficialmente ammesse, ma in quel lontano 1924, probabilmente per la grande diffusione di questa disciplina in terra francese, si decise di far disputare un torneo dimostrativo a quadrette. Al torneo parteciparono le squadre di tre nazioni: Francia, Italia e Principato di Monaco (non stupisca quest’ultima presenza, poiché proprio a Monaco e dintorni era intensa la pratica boccistica, tant’è vero che una delle più prestigiose gare internazionali è stata, fino a qualche anno fa, proprio la Coppa Principe di Monaco). Per l’Italia furono selezionati sei giocatori agli ordini del “trainer”, signor Vacchieri: i torinesi Adolfo “Dulfu” Bertone, Francesco “Purilu” Novarese, Domenico “Mini” Rossi, i liguri Francesco “Negrin” Marasso ed Emanuele Galletto e, per l’appunto, Giuseppe “Pin” Garri (e non il fratello Lorenzo come per molti anni si scrisse anche in testi specializzati).

Luca Garri medaglia olimpiadi Atene 2004
Luca Garri mostra la medaglia d’argento conquistata alle Olimpiadi di Atene nel 2004 con la Nazionale di Basket

 

Il torneo si svolse a Charenton, nel Bois de Vincennes, in un sobborgo della capitale francese. La quadretta italiana (Bertone, Rossi, Garri, Marasso) superò nettamente la Francia ma fu sconfitta di misura dalla formazione monegasca che riuscì per ben sei volte ad eliminare le bocce vincenti mandate a punto dagli azzurri. Per la cronaca, la quadretta di Monaco era composta da tutti giocatori di origine italiana: Pettinato, Massaferro, Antonino e Arrigo. “Pin” Garri, uno dei quattro italiani che hanno finora vestito la maglia azzurra olimpica nelle bocce, proseguì la sua brillante carriera fino alla fine degli Anni ’40, giocando sovente insieme al figlio Ettore e anche “Cinu” giocò con eccellenti risultati fino ad età avanzata. I due fratelli, che in gioventù erano stati addirittura esclusi da non poche gare per “manifesta superiorità tecnica”, scomparvero entrambi nel 1969, a marzo il più giovane Lorenzo ed a settembre l’olimpionico Giuseppe.

Le schede

L’AUTORE DELL’ARTICOLO

Latest posts by Paolo Monticone (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...
vb

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

20 marzo  Scompare a 92 anni don Matteo Scapino, nato nel 1925 a Cisterna. Ordinato dal vescovo Umberto Rossi nel giugno 1948, per quasi mezzo...

Sul calendario Luglio-agosto-settembre 2018

21 luglio Un forte temporale si abbatte su Asti nelle prime ore della mattina. In breve tempo un vero e proprio torrente allaga la parte...

La collina di Spoon River – Marzo 2017

Paolo De Benedetti 23 dicembre 1927 – 11 dicembre 2016 Teologo, docente universitario Ho trascorso la vita a studiare la natura di Dio. Ora lo vedrò in...

Secondo e terzo trimestre 2016

2016 - 13 maggio Riapre dopo vent’anni Palazzo Alfieri. Dopo annosi lavori di ristrutturazione, la dimora del Trageda è nuovamente visitabile con un percorso...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE