lunedì 24 Giugno, 2024
HomeLingua MadreQuando all'osteria dopo il gioco si pagavano "i fabbri"
Lingua Madre

Quando all’osteria dopo il gioco si pagavano “i fabbri”

Un antico detto d'origine francese

A chi ha meno di trent’anni sembrerà impossibile, ma ci fu un tempo felice in cui gli uomini, anziché rimbambirsi davanti al televisore, trascorrevano il tempo libero al bar o al circolo aziendale: si chiacchierava di politica, di sport, di donne, ma soprattutto si giocava a carte, a boccette, a dama, a biliardo, a bocce. Al termine della partita bisognava paghè i fré, ossia pagare il grillo, come si dice in italiano, quella sorta di “affitto” dovuto al gestore del locale per l’uso del biliardo o del mazzo di carte. Solitamente, visto che il gioco aveva quasi sempre una posta, l’onere del pagamento toccava al vincitore. E l’espressione era talmente radicata e consueta che quando una comitiva di amici indugiava a prendere una decisione su come passare la serata c’era sempre il più saggio della compagnia che ammoniva:«Forsa fieuj, che i frè curu!» (forza ragazzi, che le spese corrono!), la stessa frase che si sentiva dire quando qualche giocatore perdeva tempo e veniva richiamato, visto che si era “sulle spese”. Mi ha sempre incuriosito questo modo di dire profondamente astigiano e non sono mai riuscito a spiegarmelo, visto che nel nostro dialetto frè equivale a fabbro e quindi paghè i frè significherebbe alla lettera pagare i fabbri. Che cosa c’entra? Ho indagato e dedotto che il termine frè è stato acquisito dal francese frais, che si legge appunto frè. Deriva con ogni probabilità dal verbo latino frango, frangis, fregi, fractum, frangere (rompere); rottura, quindi danno e quindi una conseguente spesa. I francesi hanno conservato l’ultima interpretazione trasmettendola agli astigiani che per secoli l’hanno mantenuta. Il vocabolo, o meglio il modo di dire adattato, è stato acquisito probabilmente nel periodo di dominazione degli Orleans o forse risale all’arrivo dei Savoia (di lingua francese) o ancora venne in uso durante la successiva occupazione napoleonica. Un mistero storico che i nostri “fabbri” non si preoccupano di risolvere.

L’AUTORE DELL’ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA
Paolo Conte nello studio a Torino con altri musicisti astigiani durante la registrazione di Torretta Calipso nella primavera del 1980

Paolo Conte: avvocato, cantautore… enigmista

In che consiste il gioco? Chi si cimenta con questi enigmi deve trovare una frase cioè la soluzione partendo da un enunciato (esposto) che...

Patente di Astigianità

Sappiate che Da 35 a 40 risposte esatte Ottimo! Siete Astigiani doc, eccellenti conoscitori delle terra dove vivete. Meritate la patente di Astigianità. Da 24 a...

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Ottobre-novembre-dicembre 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE