sabato 3 Dicembre, 2022
HomeCosi per sportLeonardo Cendola, l’uomo della “ripartenza” sportiva
Così per sport

Leonardo Cendola, l’uomo della “ripartenza” sportiva

Dal “cortilone” di via Natta alla piscina coperta: il quarto di secolo in cui sorsero gli impianti che ancora oggi “servono” l’agonismo astigiano

Un negozietto cinque per quattro di corso Alfieri, con affaccio su piazza Roma, fu la prima sede, poche settimane dopo la fine della guerra, del nascente Coni astigiano. Prima di allora il Comitato olimpico non era praticamente esistito in città e la “dirigenza” dello sport locale era stata affidata al prof. Alberto Femore, in un locale della Casa Littoria.

Si doveva dunque partire da zero, cercando di dare impianti e spazi a un’attività agonistica che, terminato il periodo in cui i giovani erano impegnati in ben altre e più pericolose faccende, dava segni di notevole effervescenza.

1970: Leonardo Cendola, a sinistra, premia Michele Serra che sarebbe a sua volta diventato presidente del Coni astigiano a metà degli anni ’90.
1970: Leonardo Cendola, a sinistra, premia Michele Serra che sarebbe a sua volta diventato presidente del Coni astigiano a metà degli anni ’90.

Il non facile compito fu affidato a un esperto Arbitro di calcio e Giudice di atletica, nato ad Asti nel 1899 da famiglia di origini pugliesi, militante socialista e titolare, con i fratelli Francesco e Tito, della OMA, una solida azienda metalmeccanica della zona est della città. Si chiamava Leonardo Cendola e per 25 anni fu l’incontestabile motore della ricostruzione sportiva di Asti e del suo territorio. Chiamato all’incarico di Commissario da Giulio Onesti, potente patron del Coni nazionale, di origini astigiane e di dichiarate simpatie socialiste, Cendola si mise al lavoro con un impegno e una passione fuori dal comune, sfruttando ogni occasione o conoscenza (più volte consigliere provinciale, della Cassa di Risparmio di Asti, del Panathlon Club e socio della sezione “G. Gerbi” dei Veterani sportivi) per ottenere ciò di cui la Asti sportiva aveva bisogno: sostegni economici, anche piccoli, ma soprattutto impianti. «Diamo una man d’aiuto» e «C’è una lettera da scrivere» erano i suoi abituali intercalari, a segnalare la costante azione per dotare il capoluogo e il resto della provincia di campi e palestre che consentissero un adeguato sviluppo delle attività sportive e agonistiche. Riunì intorno a sé promettenti giovani dirigenti (tra gli altri, Umberto Vacchelli, Michele Serra, Davide Borello, Giovanni Gonella, Giovanni Mandrile, Giovanni Scrofani e Corrado Malfa) e fu capace di imprese assolutamente straordinarie come la sistemazione del “cortilone” di via Natta (oggi occupato da un parcheggio a due piani), la sola superficie astigiana all’epoca riservata alla pratica dell’atletica leggera.

In quell’angusto spazio riuscì a ricavare una pista di sabbia da 200 metri, poi ricoperta da terra rossa che altro non era che polvere di mattoni macinati recuperati da Cendola nelle fornaci che attorniavano la città. Realizzò, novità assoluta per Asti, le pedane per il salto in alto, in lungo e con l’asta e – vero colpo di genio –, mancando lo spazio per un rettilineo di 100 metri, fece correre la distanza su una pista provvisoria diagonale, tra gli opposti angoli del cortilone. Ma il suo chiodo fisso fu sempre quello della piscina, della cui costruzione il grande amico Onesti si era fatto garante.

Una promessa alla fine non mantenuta. In compenso, forse per “risarcirlo”, il Coni scelse di costruire anche ad Asti, in vista delle Olimpiadi di Roma ’60, il Palazzetto che ancora oggi svolge egregiamente la sua funzione in via Gerbi. Dal negozietto del ’45, la sede del Coni si trasferì quasi subito in alcuni locali di piazza Alfieri, dove occupò anche un grande locale all’ultimo piano del Palazzo, all’angolo con l’omonimo corso, ancora oggi di proprietà della Cassa di Risparmio di Asti.

Diventato Delegato, Cendola diresse con grande passione da quell’ufficio la crescita, talora tumultuosa, del movimento sportivo astigiano fino al 1970, quando lasciò l’incarico per “raggiunti limiti di età”, al dr. Umberto Micco, olimpionico di hockey su prato alle Olimpiadi di Helsinki ’52.

Non smise però di occuparsi di sport, diventando l’ispiratore della nascita ad Asti dell’Aics, che ancora oggi vive e prospera nella nostra provincia con oltre 70 circoli e 6000 tesserati e che gli dedica ogni anno uno storico Memorial calcistico.

Dal 1986 riposa nel cimitero di Asti.

La piscina comunale di via Gerbi
La piscina comunale di via Gerbi
Le schede

L’AUTORE DELL’ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE