giovedì 25 Aprile, 2024
HomeTempo Futuro“Sono più a mio agio sul tatami che tra i fornelli"
Tempo futuro

“Sono più a mio agio sul tatami che tra i fornelli”

Il sogno di Milena Zhu figlia di ristoratori cinesi

 

Sguardo penetrante, sorriso contagioso, battuta pronta. Milena è cresciuta tra i tavoli del ristorante cinese di famiglia ma nella sua vita c’è poco di scontato.

Per esempio non chiedetele di cucinare il riso alla cantonese. «La prima volta che l’ho preparato da sola ho sbagliato ad acquistare i piselli e ho aggiunto l’uovo intero anziché il solo tuorlo: ho fatto un vero disastro – confessa– e nemmeno l’unico. Ho bruciato tante volte l’uovo al tegamino prima di azzeccare la cottura. Ora me la cavo con le penne al salmone ma di sicuro la cucina non è il mio punto di forza».

In compenso le riesce bene lavorare in sala al ristorante, le piace accogliere e ascoltare i clienti: «Mi sento a casa mia. Stando in mezzo alle persone grandi fin da piccola ho imparato a vincere la timidezza e ho acquistato un po’ di quella sicurezza che mi serve ora anche per insegnare ai bambini».

La mattina Milena si dedica all’università, tra le aule e la palestra del polo universitario astigiano, dove frequenta il secondo anno di scienze motorie.

A pranzo, se può, va al ristorante per aiutare i genitori. Si muove tra i tavoli con la sicurezza di chi conosce i segreti del mestiere, rapida e professionale.

La sera va in palestra dove si allena nell’arte marziale del Jiu Jitsu e dove segue un gruppo di bambini dai 5 ai 9 anni.

 

Milena Zhu con Monica Arucci e l’allieva Vittoria

«Sul tatami – spiega – mi sento decisamente a mio agio, al contrario di quanto mi accadeva quando facevo danza classica, dai 6 ai 9 anni, per far felice la mamma…». Archiviato il tutù, Milena ha scoperto la sua vera predisposizione per lo sport: prima il nuoto, poi kick boxing e infine il Jiu Jitsu, alla palestra YEL, sotto la guida dei maestri Reald e Alberto.

«Il Jiu Jitsu è un’arte marziale che ha come scopo la difesa, non sono ammessi calci e pugni. Braccia e gambe sono usate come leve per liberarsi dal blocco. Vengono stimolati la coordinazione, la mobilità articolare, la resistenza, la velocità di riflesso e l’autocontrollo. Devi aver fiducia nel maestro e nelle tue potenzialità. Impari il rispetto per i compagni e per le cose, impari a chiedere scusa. A mio avviso davvero un bel mix educativo per un bambino o un adolescente».

Com’è l’approccio con i bambini?

«Conosco in anticipo le loro battute. Sono autoironica e al primo incontro cerco di farli ridere insieme a me piuttosto che di me… Qualche settimana fa ero in una scuola elementare per un progetto con la palestra. Devo dire che la cosa che mi ha messo più a disagio è stato vedere bimbi di 8-9 anni alti come me o più di me».

Qual è il tuo rapporto con la Cina?

«In Cina ci sono le mie origini ma io sono e mi sento europea e vivo da europea. Ci sono costumi cinesi che non mi appartengono. Per esempio in Cina il contatto fisico è ammesso solo nei rapporti intimi e non nei rapporti di amicizia. Per me non è così. Nell’infanzia ho trascorso tante estati a Shanghai con una zia, sorella di mia mamma. L’ultima volta che ci sono stata avevo 13 anni. La cosa che mi è rimasta più impressa sono gli edifici moderni, sono stata anche sulla Grande Muraglia ma ero molto piccola e ricordo più che altro che c’era tantissima gente...».

Mi piace molto camminare per il centro di Asti al mattino presto o alla sera tardi

Il mio angolo prediletto è piazza Medici

 

 

Gli allievi del corso di Jiu Jitsu con le maestre Milena e Monica, sul tatami della palestra YEL in strada Valmanera. A destra Milena da bambina (con il vestito scuro) insieme a mamma, papà, fratello e sorella

 

Gli allievi del corso di Jiu Jitsu con le maestre Milena e Monica, sul tatami della palestra YEL in strada Valmanera. A destra Milena da bambina (con il vestito scuro) insieme a mamma, papà, fratello e sorella

CINTURA BLU DI JIU JITSU INSEGNA AI PIÙ PICCOLI

Milena Zhu è nata ad Asti il 24 agosto 1997. La sua famiglia ha fatto scoprire la cucina cinese agli astigiani. Il nonno e la nonna paterna sono stati tra i primi ristoratori cinesi in città a metà degli Anni Ottanta. Il papà Hai Ou e la mamma Peijing (più conosciuti come Roberto e Susanna) sono i titolari del locale Zhu Hai Ou davanti alla Torre Rossa in corso Alfieri, dove non è raro incontrare anche Milena e la sorella Serena. Il fratello Federico, laureato in scienze statistiche, lavora invece nel settore finanziario-assicurativo.

Parli il cinese?

«Lo parlo poco, conosco tutto quello che riguarda il cibo e i termini più popolari che ho imparato da piccola guardando la Tv. In famiglia capita che si parli il cinese ma io rispondo sempre in italiano».

Che cosa ti piace di più di Asti?

«Tante cose, ma se devo sceglierne una allora dico che mi piace molto camminare per il centro al mattino presto o alla sera tardi, quando le strade sono quasi deserte. Il mio angolo prediletto è piazza Medici».

E il tuo piatto preferito?

«I tajarin ai funghi. Prima di scoprire l’intolleranza al latte mangiavo molto volentieri la polenta con i formaggi».

Il vino?

«Solo bianco e tra le bollicine l’Alta Langa. Però non posso esagerare perché divento subito rossa. Tanti vini piemontesi li abbiamo anche al nostro ristorante e li serviamo volentieri. Non è vero che i nostri clienti bevono solo birra cinese».

Che cosa vuol fare Milena da grande?

«Mi piace molto la mia vita, tra ristorante e sport.

Tra qualche anno penso che mi piacerebbe avere dei bambini e vorrei potermi occupare di loro, pur continuando a lavorare. I miei genitori hanno dedicato tutta la vita al ristorante, io spero di riuscire a trovare il giusto equilibrio tra famiglia e lavoro. Dove? Ad Asti naturalmente, è la mia città».

Milena ha frequentato le elementari alla Buonarroti e le medie alla Brofferio. Ha conseguito il diploma professionale di “Tecnico di sala e bar” frequentando il corso triennale dell’agenzia formativa “Colline Astigiane” e il biennio di specializzazione all’Istituto professionale statale “Giuseppina Colombatto” di Torino. Ora frequenta il secondo anno del corso di laurea in scienze motorie al polo universitario astigiano. È cintura blu di Jiu Jitsu, un’arte di difesa personale che basa i suoi principi sulle radici del detto originale giapponese “Hey yo shin kore do”, ovvero “Il morbido vince il duro”. Oltre a praticarla da atleta la insegna ai bambini. Adora lo sport (tutto) e la musica dei Coldplay.

 


 

L'AUTRICE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...
vb

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

20 marzo  Scompare a 92 anni don Matteo Scapino, nato nel 1925 a Cisterna. Ordinato dal vescovo Umberto Rossi nel giugno 1948, per quasi mezzo...

Sul calendario Luglio-agosto-settembre 2018

21 luglio Un forte temporale si abbatte su Asti nelle prime ore della mattina. In breve tempo un vero e proprio torrente allaga la parte...

La collina di Spoon River – Marzo 2017

Paolo De Benedetti 23 dicembre 1927 – 11 dicembre 2016 Teologo, docente universitario Ho trascorso la vita a studiare la natura di Dio. Ora lo vedrò in...

Secondo e terzo trimestre 2016

2016 - 13 maggio Riapre dopo vent’anni Palazzo Alfieri. Dopo annosi lavori di ristrutturazione, la dimora del Trageda è nuovamente visitabile con un percorso...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE