lunedì 5 Dicembre, 2022
HomeSe ci pensoIl mio primo Gelindo: quando l’emozione diventa teatro
Se ci penso

Il mio primo Gelindo: quando l’emozione diventa teatro

Diverse le versioni della divota cumedia, a partire da quella di fine Anni Cinquanta nel vecchio teatro del Don Bosco

Fu verso la fine degli Anni Cinquanta, non ricordo l’anno esatto. In compenso, della mia “prima volta” del Gelindo, ricordo il luogo, il clima, gli attori, le scene principali. Si era nel vecchio teatro del Don Bosco, oggi scomparso. Accanto stavano nascendo palazzi e un grattacielo, di lì a poco sarebbe scomparso anche il grande campo di calcio dell’oratorio. Nella compagnia c’erano attori bravissimi: Livio Negro, Ettore Maccario, Mario Freilino ecc. Ricordo le barbe finte, gli angeli con le ali di cartone, le luci calde della ribalta, un clima di neve fuori e di festa in sala: un tuffo nel cuore della mia infanzia e dei miei primi approcci al teatro.

Un’altra scena del Gelindo della Brofferio. Accanto a Pastrone nel ruolo di Mafé al centro della scena c’è Adriano Rissone che interpreta Gelindo

Da quel giorno la divota cumedia è entrata dentro di me e l’ho rivista più e più volte. Poi, nel 1977, non resistetti all’idea di “rifare” Gelindo con una mia versione e con l’apporto di alcuni “vecchi” attori astigiani (Emanuele Pastrone, Gina Giannino, Tino Perosino) che da tempo non recitavano più. Nacque così la compagnia “Brofferio” (dedicata a un grande “bastian cuntrari” nato a Castelnuovo Calcea) e rinacque il Gelindo nell’attuale versione, ripetuta dalla compagnia per molti anni. Negli Anni Novanta formai “la Compagnia del Gelindo” con attori provenienti da diverse compagnie amatoriali astigiane (alcuni della prima storica Brofferio) e il “successo” continuò.

La mia versione prende spunto dai quadri contadini della più antica edizione del Gelindo riferita dal Renier e da alcune scene della versione di Padre Tognazzi. Ma essa si aggiorna continuamente con i richiami dell’attualità, con le invenzioni degli attori. In questo senso il grande attore Emanuele Pastrone (scomparso nel 1999) era una fucina continua di battute nuove e tutte esilaranti. Per anni lo rappresentammo in giro per l’Astigiano e il Piemonte. Riempimmo anche l’Alfieri, portando in platea gente che non era abituata ai velluti rossi e agli stucchi dorati del grande teatro.

I tre libri sono stati uniti in un’unica foto data la loro bassa qualità

La “mia” divota cumedia è una rappresentazione corale, con quattordici attori in scena che parlano una lingua piemontese imbastardita (un dialetto astigiano condito di varie parlate), con un coro di venti e più cantanti che fa da raccordo ai vari quadri, con gli angeli dalle aluccie d’argento, con i Re Magi che arrivano davvero da lontano, interpretati da attori extracomunitari. Il mio Gelindo è cocciuto e burbero, autoritario e ambizioso, più che in altre versioni. Vuole arrivare per primo alla capanna visto che è stato lui a indicarla a Giuseppe e Maria, vuole vivere per un attimo la celebrità che gli spetta. Ma è anche ingenuo e leale, franco e arguto, come in tutte le altre versioni. Abbandonando le parti storiche del testo antico mi sono concentrato soprattutto sulla famiglia di Gelindo e sugli avvenimenti che l’attraversano: il censimento, Maria e Giuseppe, la stella cometa, i Re Magi e infine l’atteso evento, cose tanto grandi per occhi troppo ingenui. I pastori/contadini si stupiscono e non sempre capiscono, come Gelindo del resto, testa abbassata, tutto preso dagli affanni quotidiani, troppo attaccato alla “roba”. Nel mio Gelindo, come in tutti gli altri, si ride. L’effetto comico sta tutto nell’incontro fra il grande mistero dell’incarnazione di Dio e le occupazioni quotidiane della vita contadina. Un riso che sgorga dall’umile vita piemontese che con solenne anacronismo viene portata in Palestina.

Da alcuni anni ho trasformato la versione tradizionale in due tempi in un “Gelindo a veglia”, nel senso che ho messo in scena esclusivamente la famiglia di Gelindo che racconta agli spettatori la nota storia travestendosi nei vari personaggi che la compongono.  Mi sono avvalso, per questa versione, della simpatia e della popolarità del gruppo folk J’arliquato di Castiglione d’Asti. Un altro modo di raccontare Gelindo ma sempre per ritrovarsi a teatro nelle feste come intorno al camino. Per tornare, come fa Gelindo, alla tradizione con occhio ironico e ingenuo.

Con il Gelindo molti astigiani hanno calcato le scene e alcuni di essi sono scomparsi nel frattempo: Gina Giannino, Giorgio Laustino, Silvano Gallina, Emanuele Pastrone e Tino Perosino. Grandi amici, grandi cuori della loro città. E mentre “Gelindo ritorna” ritornano anche i nostri ricordi con loro.

Le schede

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE