giovedì 8 Dicembre, 2022
HomeTempo FuturoDa Cocconato al supermarket del futuro in Expo
Tempo Futuro

Da Cocconato al supermarket del futuro in Expo

Francesca Bava a Milano, con il cuore nel Monferrato

Francesca ha trascorso l’infanzia a Cocconato, tra vigne e cantine, profumo di mosto e sapori della cucina monferrina. Ora è immersa nel “supermercato del futuro”, una delle attrazioni più suggestive di Expo 2015. Insieme al team di Accenture, azienda globale di consulenza direzionale per cui lavora da due anni, Francesca ha dato concretezza all’innovativo concetto di supermercato ideato per Coop da Carlo Ratti, direttore del MIT Senseable City Lab di Boston. Un luogo dove la socialità presa a modello dal mercatino rionale si sposa con l’architettura digitale fatta di touchpoint di nuova generazione che a un gesto della mano spiegano non solo l’origine del prodotto e i contenuti nutrizionali, ma anche il suo impatto ambientale.  «Con il team di Accenture, mi sono occupata di disegnare l’esperienza di visita e di acquisto nel supermercato. È una grande soddisfazione vedere il risultato concreto di molti mesi di lavoro e tante persone che possono apprezzarlo dal vivo», racconta Francesca Bava. Sul passaporto che l’ha accompagnata in giro per il mondo, Francesca porta il cognome di una tra le più longeve e prestigiose famiglie vinicole del Piemonte: «Crescere in una famiglia di imprenditori ha definito la mia identità e mi ha dato un grande senso di responsabilità nei confronti di chi verrà dopo. Mi ha dato anche la spinta a costruire qualcosa di mio, attraverso lo studio, la formazione sul campo e la sperimentazione di nuovi percorsi».  Appassionata e curiosa, positiva nei confronti della vita, Francesca è stata determinata nelle sue scelte, fin da piccola. «Mi sono sempre piaciute le materie umanistiche – confessa – ; sin dalle elementari amavo leggere e scrivere racconti. Per un po’, da bambina, ho anche pensato di fare l’archeologa». Dopo la maturità classica al liceo Vittorio Alfieri, Francesca ha però cambiato strada, decidendo di iscriversi alla Bocconi di Milano. Per lei quell’università ha significato «grandi opportunità, possibilità di studiare e lavorare all’estero, una visione più internazionale». Nel 2009, prosegue, «grazie agli scambi internazionali ho trascorso un semestre all’università di Montréal, in Canada, con l’obiettivo di migliorare la conoscenza di inglese e francese e per approfondire alcune materie. È stata un’esperienza utile per imparare un nuovo metodo di studio e adattarmi a stili di vita diversi. Inoltre un’occasione per stringere amicizie, che durano ancora oggi, con persone di tanti paesi anche lontani».

 

 

Francesca Bava con papà Roberto e mamma Carletta

 

Nel 2012 Francesca ha conseguito la laurea magistrale alla Bocconi con una tesi sul mercato del vino, giocando un po’ in casa, ma con il focus sulle reazioni dei consumatori ai vini biologici e più in generale il tema della sostenibilità in campo vinicolo. Subito dopo, la giovane astigiana è volata a Singapore per lavorare con una società di consulenza che aiuta aziende e consorzi europei a entrare nei mercati del Sud Est asiatico. Francesca parla di «un’esperienza molto utile perché mi ha permesso di osservare da un punto di vista privilegiato le differenze culturali e i loro effetti sugli scambi commerciali. Oltre a questo, è stato bellissimo immergermi nella cultura orientale e vivere per qualche mese come una del posto». L’Asia è nel cuore di Francesca fin da quando, a 18 anni, decise di trascorrere l’estate a Taipei per lavorare in un ristorante. «Da allora ho cercato di sfruttare ogni occasione che mi si è presentata per ritornarci: in Corea ho lavorato alla mia tesi di laurea triennale, sul consumo di vino in quel paese». Nel 2010 era all’Expo di Shanghai con papà Roberto, mamma Carletta e con il fratello Giorgio (che ora sta per laurearsi alla Escp Europe di Parigi, prestigiosa scuola internazionale di business). Prima e dopo la laurea, un po’ da sola, un po’ in compagnia di amici, un po’ sotto la guida del papà globetrotter ha messo bandierine sulla sua mappa del mondo, da est a ovest. Poi si è concretizzata l’offerta di lavoro in Accenture: «Ci sono arrivata nel modo più classico, rispondendo a un annuncio sul sito dell’università».  Obiettivi e i sogni nel cassetto? «Sicuramente altri viaggi! Il prossimo in Cambogia, poi si vedrà», risponde Francesca. Un ruolo futuro, e quale, nell’azienda di famiglia? «Non mi sbilancio… ma diciamo che un ritorno nel Monferrato è in programma!». Un consiglio ai giovani da giovane: «Guardarsi intorno, capire cosa c’è di positivo e nuovo fuori Asti, viaggiare… e poi eventualmente ritornare con esperienze e idee nuove». Con alcuni amici di Asti e dintorni Francesca Bava ha da poco fondato l’associazione StartAT. L’obiettivo è organizzare incontri, testimonianze, conferenze con imprenditori e professionisti e supportare chi vuole iniziare un’attività o entrare nel mondo del lavoro. Per saperne di più www.startat.net  

Le schede

L'AUTRICE DELL'ARTICOLO

Latest posts by Roberta Favrin (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE