sabato 26 Novembre, 2022
HomeLo scaffaleUn volo di farfalla su Settime
Lo scaffale

Un volo di farfalla su Settime

In questa rubrica, che vorrebbe segnalare i libri “imperdibili” di autori astigiani, ecco la “trilogia” di Guido Rosina (La punta del compasso, Il volo della farfalla e Una manciata di monete, rispettivamente apparsi nel 2000, 2001 e 2003). Si tratta di tre libbricini dalla copertina bianca e tinte pastello, stampati in un numero limitato di copie (in totale, 700) numerate e firmate e ora difficilmente trovabili. In ogni caso, settecento copie non sono poche e ci auguriamo che, attraverso il passaparola, gli interessati possano reperirne almeno una: la caccia è aperta. Il filo conduttore dei tre volumi è il ricordo: leggero e rapido come il volo della farfalla, non indugia nella nostalgia e tratteggia alcune figure formidabili di Settime, comune di nascita di Rosina, dove trascorre la sua infanzia e ora ne è diventato anche sindaco.

Il volo della farfalla. Collana La Memoria, 2001
Il volo della farfalla. Collana La Memoria, 2001

Tra queste spiccano Giuvanin-in (chiamato così perché ripeteva la sillaba finale delle parole da lui ritenute salienti), vecchio contadino che aveva vissuto l’esperienza della guerra del ’15-’18: vissuto sempre in paese, senza esperienza, e catapultato in un mondo nuovo e ostile; il corazziere del Re; Germana, la titolare del bar del paese, che pazientemente, seduta su una seggiola “con le palpebre a mezz’asta” ospita nel suo locale i giovani che vogliono tirare tardi a chiacchierare perché “mej ch’a stago qui pitost che andé an gir a fé dle gavade”. Nei libri di Rosina è evidente la curiosità e la simpatia umana con cui individua, per tratti, le piccole caratteristiche che sanno descrivere le persone e, insieme ad esse, un intero paese. Il suo modo di scrivere è riconoscibile per l’estrema, disarmante semplicità, che non abbandona mai l’autore anche quando si trova a trattare temi difficili e dolorosi, come accade in volume successivo (di cui è co-autore con Giancarlo Sattanino), Piatti e ritratti (Impressioni grafiche, Acqui Terme, 2005), che si conclude con il ricordo dell’amica Gengia, “bimba sorridente in un mondo di truci adulti, che sa dire “non ho voglia” senza sentirsi in colpa”.

L’AUTRICE DELL’ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE