venerdì 3 Febbraio, 2023
HomeIl trovarobeQuando per buona educazione si usavano le sputacchiere
Il trovarobe

Quando per buona educazione si usavano le sputacchiere

Oggetti diffusi e obbligatori negli ambienti pubblici fino agli Anni Cinquanta per ostacolare il diffondersi della tubercolosi

E fu così che dal 1927, per effetto di un provvedimento legislativo, in Italia divenne «vietato sputare per terra». Avvisi in bella vista furono posti in ospedali, stazioni, treni, osterie, chiese, scuole e altri locali pubblici.  La ragione di quel provvedimento era di tipo sanitario più che di difesa della buona educazione: la tubercolosi era una malattia in grave espansione e una delle cause maggiori della diffusione era dovuta ai residui degli sputi, che potevano diffondere il bacillo di Koch.
A scopo di igiene pubblica si dovevano usare le apposite sputacchiere, oggetti oggi definitivamente dimenticati e raramente collezionati.  Fino alla metà degli Anni ’50, quando la vasta campagna di vaccinazioni mise la tubercolosi sotto controllo, in tutti gli ambienti chiusi la sputacchiera risultava essere necessaria e obbligatoria. Era in alluminio, ottone, vetro o metallo smaltato, di forma tondeggiante, con un fondo piatto e i bordi ricurvi verso l’esterno. Poteva anche essere dotata di un coperchio apribile a pedale, tipo bidoncino della spazzatura. 

Sul fondo si metteva normalmente polvere di gesso oppure segatura o torba; in alcuni casi si lasciava un po’ d’acqua oppure una soluzione disinfettante o antisettica. Una volta svuotata (lavoro tra i meno graditi, lasciato normalmente al personale inserviente), era lavata e sciacquata con acqua bollente.
Nella maggior parte dei casi erano collocate ai margini degli ambienti, lungo le scale su apposite mensole, in modo da avvicinarle e facilitare la “mira” degli “sputatori”. In piemontese lo sputo è definito anche con un termine preciso d’origine francese, che ricorda nel suono lo scatarramento: scracio.
Fin dal Medioevo, sputare era un gesto abituale, anzi, deglutire la saliva era considerato un atto di maleducazione. In tutto l’Occidente, il gesto rimase diffuso e abituale per secoli, soprattutto tra gli uomini, in particolare tra chi masticava il tabacco. La campagna contro lo sputo per terra si abbinò in Italia alla lotta contro la bestemmia in pubblico e fu persino creato un comitato antiblasfemo sotto l’egida del Re.
Oggi, sputare in pubblico rappresenta per noi un gesto di estrema volgarità. In alcuni paesi come la Cina o la Turchia, invece, è ancora molto “normale”.
Le sputacchiere in Italia sono finite in soffitta o del tutto sparite fin dal dopoguerra: l’unico lontano parente di questo oggetto ancora diffuso e così chiamato è un secchiello-contenitore utilizzato dai sommelier e dagli assaggiatori di vino durante le degustazioni, per evitare di dover deglutire tutto il vino dopo aver terminato l’assaggio.  

 

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Latest posts by Pier Ottavio Daniele (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE