venerdì 19 Aprile, 2024
HomeLo scaffalePaolo Conte dixit
Lo Scaffale

Paolo Conte dixit

Il gioco delle citazioni diventa esplorazione
Una citazione di un Conte ironico e serio: «Signore e signori dell’Università di Macerata, su questa mia faccia, sempre che sia sufficientemente espressiva, potete leggere tutta la soddisfazione per l’onore che mi fate, una Laurea honoris causa in Lettere Moderne, ma anche l’imbarazzo di uno che non è assolutamente in grado di tenere per voi una lectio doctoralis».

Nella quarta di copertina è scritto da Paolo Conte: “Mi conosco troppo poco per poter dire chi sono”. Massimo Cotto nel’introduzione parla di un album di figurine che ha voluto fare per parlare del Maestro. Ha raccolto pezzi di sue interviste e chiacchiere davanti a più piatti di merluzzo, ha aggiunto brevissime frasi scritte dai colleghi giornalisti e ne ha fatto un calembour (parola francese intraducibile in italiano che, fra le altre cose, vuole anche dire gioco di parole) godibilissimo. Cotto immagina questo libro come un “unico spettacolo di arte varia” e vien da pensare che sarebbe veramente traducibile in uno spettacolo dadaista superbo.

Dopo la raccolta che Cotto ha fatto delle frasi, Conte ha voluto leggere il tutto, aggiustarlo, aggiungere e togliere. Così è nato questo libro. Non si possono fare tante citazioni, è da leggere, assaporare, piluccare.

Come questa citazione di un Conte ironico e serio: «Signore e signori dell’Università di Macerata, su questa mia faccia, sempre che sia sufficientemente espressiva, potete leggere tutta la soddisfazione per l’onore che mi fate, una Laurea honoris causa in Lettere Moderne, ma anche l’imbarazzo di uno che non è assolutamente in grado di tenere per voi una lectio doctoralis».

Fammi una domanda di riserva Paolo Conte in parole sue raccolte da Massimo Cotto, Mondadori, Milano, 2015, pag. 170, euro 18

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Ciao Luciano

Astigiani pubblica nella pagine seguenti frasi, pensieri, poesie scelti tra i tanti messaggi che ci sono stati inviati o sono stati scritti nella nostra...

Sonetto al sacrestano dimenticato

Una pagina per sorridere su personaggi, vizi e virtù di un passato appena prossimo ancora vivo nella memoria di molti. Ricordi al profumo della...

Quei 10.000 km sulla Topolino verde oliva

Organizzare un viaggio in auto lungo migliaia di chilometri in paesi sconosciuti, il tutto senza l’ausilio di Internet. Oggi sembra un’impresa impossibile, nei primi...

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

21 ottobre In una Cattedrale gremita di fedeli, Monsignor Marco Prastaro è nominato vescovo di Asti dall’arcivescovo di Torino, Monsignor Cesare Nosiglia. Concelebrano l’ex vescovo...
vb

Sul calendario Aprile-maggio-giugno 2018

20 marzo  Scompare a 92 anni don Matteo Scapino, nato nel 1925 a Cisterna. Ordinato dal vescovo Umberto Rossi nel giugno 1948, per quasi mezzo...

Sul calendario Luglio-agosto-settembre 2018

21 luglio Un forte temporale si abbatte su Asti nelle prime ore della mattina. In breve tempo un vero e proprio torrente allaga la parte...

La collina di Spoon River – Marzo 2017

Paolo De Benedetti 23 dicembre 1927 – 11 dicembre 2016 Teologo, docente universitario Ho trascorso la vita a studiare la natura di Dio. Ora lo vedrò in...

Secondo e terzo trimestre 2016

2016 - 13 maggio Riapre dopo vent’anni Palazzo Alfieri. Dopo annosi lavori di ristrutturazione, la dimora del Trageda è nuovamente visitabile con un percorso...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE