sabato 3 Dicembre, 2022
HomeUna vita per la musicaArrivò da Genova ad Asti il guru che fece amare il jazz...
UNA VITA PER LA MUSICA

Arrivò da Genova ad Asti il guru che fece amare il jazz ai ragazzi del Dopoguerra

Domenico “Mingo” Chiodo cultura e orecchio musicale sorprendenti. Quelle lezioni in Corso Dante a Paolo Conte e ai suoi giovani amici

Ditemi il titolo di un brano e io ve lo fischio all’incontrario”. È la sfida che Domenico “Mingo” Chiodo, 86 anni, ha lanciato per anni a coloro che si credevano esperti di jazz. Per musicisti e musicofili liguri e piemontesi è rimasto “il Duca”, titolo che si era guadagnato in gioventù per il vestire elegante e lo stile raffinato e anche per il modo eccellente di suonare il clarinetto.

Il jazz ha colorato la vita di Mingo. Negli anni Quaranta, subito dopo la guerra, faceva parte di formazioni che si esibivano a Genova e a Torino, come la Gate Avenue Strawhatters, dispensatrice del più puro stile dixieland e con la quale, nel ’51, partecipò al Terzo Festival Nazionale del Jazz, svoltosi a Milano. Ricorda Mingo: «Nella nostra sede genovese, vicino al porto veniva ad ascoltarci anche Adriano Mazzoletti. Aveva ancora i calzoni corti»Quel ragazzo, in seguito, allievo di Testoni e Polillo, divenne uno dei più autorevoli storici italiani del jazz.

Mingo Chiodo approdò ad Asti con la famiglia (suo padre era un funzionario dello Stato) agli inizi degli anni Cinquanta e cominciò a lavorare come assicuratore. Nell’ambiente dei musicisti astigiani ben presto si venne a sapere del suo arrivo e un gruppo di ragazzi che suonava all’Astense Club, in via Hope, lo elesse a sua guida musicale, uno che ne sapeva più di tutti.

Concerto jazz Asti 1956 All’Astense Club
Asti 1956 All’Astense Club, Mingo si “concede” come clarinettista ai ragazzi della “Barrelhouse”. Da sinistra: Piero Gasparini, Cin Coggiola, Gian Luigi Bravo, Paolo Conte con il microfono a destra. Mingo è al centro

Di quel periodo ha scritto Paolo Conte: «Sarà stato il 1952… Ci chiamavamo Original Barrelhouse Jazz Band ed eravamo degli emeriti dilettanti, nessuno studio, nessuna tecnica, solo passione e cultura fatta sui dischi… Cominciarono così due anni di insegnamenti empirici, ripetuti quotidianamente, che consistevano nel camminare per corso Dante e corso Alfieri in fila per quattro, producendo ciascuno un suono con la bocca per imparare ritmi e contrappunti (tu fai “blum”, tu fai “plick, plick”, tu fai “zum, zum”, tu fai “rad rad”). Così passavano i pomeriggi il guru e i suoi adoranti allievi. Lui parlava poco di sé e si manteneva avvolto nel mistero. Ogni tanto qualche concetto di vita che ci spalancava orizzonti, tipo: “C’è più violenza in una cambiale in protesto, che in un pugno in faccia… Non avevamo più i nostri nomi, ma soltanto soprannomi: Mistinguett, Canadese, Faina, Cicciolo ecc.».

Riandando ai ricordi di quel tempo, Mingo deve compiere uno sforzo di memoria: «Forse fu Beppe Scialuga a chiedermi di andarli ad ascoltare per la prima volta. O, forse, Piero Gasparini. Ci andai e oltre a loro due trovai Paolo Conte al trombone. E se non sbaglio, Gian Luigi Bravo al pianoforte». Certe foto ingiallite testimoniano di quegli incontri.

La cosa certa è che intorno a quel gruppo giravano altri musicisti alle prime armi: Silvio Donalisio, Pier Eugenio Fea, Gino Basso (fratello del già famoso Gianni), Giuliano Ponte, Gigi Caramagna, Gian Carlo Occhiena, Carlo Guerriero, Freddy Mancini, Dodi Bocco, Cin Coggiola. Ogni tanto si aggregava un veterano, Cicci Adriano.

Mingo Chiodo con lo storico del jazz Adriano Mazzoletti
Asti 2010 Mingo Chiodo con lo storico del jazz Adriano Mazzoletti all’Archivio Storico del Comune, per l’inaugurazione della mostra bio-fotografica su Gianni Basso

Musica, passioni e una gran voglia di uscire dalla monotona vita di provincia. Musicalmente colto, Domenico “Mingo” Chiodo ha lavorato per la Rai a trasmissioni radiofoniche proprio con Adriano Mazzoletti, realizzando testi, sceneggiature e biografie sui grandi del jazz. Per la sua attività di critico e divulgatore, negli anni Sessanta ricevette, a Helsinki, un premio al Jazz Contest organizzato dall’Unione Europea di Radiodiffusione. Mingo è un tipo schivo e modesto, si è sempre considerato “un entusiasta consumatore di jazz”. E aggiunge: «Non mi piacciono mondanità e consumismo. Per me la musica è un fatto naturale ed intimo; aggregante in modo sano: è un linguaggio che arricchisce spiritualmente. Per questo mi piace condividerla con gli amici».

E con gli amici ha condiviso anche il piacere della lettura e ogni volta che ha comprato un libro, dopo averlo letto lo ha sempre regalato a qualcuno. Lui non ha il senso del possesso, ma alcuni autori li ha tenuti perché, dice, gli fanno compagnia. Tra questi Gadda, Bulgakov, Orwell e Primo Levi.

L’AUTORE DELL’ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE