martedì 25 Giugno, 2024
Home Numero 15

Numero 15

Cento anni fa l’Astigiano viveva la sua guerra di retrovia

Dal 1915 la città fu militarizzata, perché molti edifici pubblici, tra cui scuole, palestre, l’Alla e il tribunale furono requisiti.

Una finestra sul ghetto, vita e ricordi degli ebrei ad Asti

La comunità ebraica di Asti si è estinta con l'Olocausto. Oggi solo le due stradine del ghetto restano a testimoniare una storia che ha le sue radici nel XIV secolo.

Quando il cuore della finanza europea era anche ad Asti

Asti è stata una piazza finanziaria importante che ha visto agire famiglie di banchieri e prestasoldi molto importanti.

La biblioteca dell’Alfieri a Montpellier senza passare per Asti

Incontreremo in questo articolo un triangolo amoroso con tre vertici: Alfieri, la Contessa d’Albany e il pittore Fabre

Darsi dei nomi: l’arte dell’insulto

“Dessi dij nòm”, ovvero deridere o insultare, a seconda della gravità della situazione. Il piemontese e in particolare il dialetto astigiano abbondano di epiteti per colpire difetti fisici e morali

Le radici del teatro popolare sacro

Lo straordinario caso di Valfenera negli Anni Trenta Il riproporsi della tradizione come risorsa inedita per l’individuo che vive la società complessa è un dato...

Biciclette, moto e motorini made in Asti

L'Astigiano ha dato i natali a campioni del ciclismo e anche a numerose aziende produttrici di biciclette e motociclette, a loro collegate.

Maria De Benedetti

Classe 1929, Maria De Benedetti ricostruisce nel dettaglio la storia della sua famiglia. Padre ebreo, madre fervente cattolica, insieme al fratello Paolo ha lasciato convivere entrambe le anime profondamente religiose.

“Ho vent’anni canto scrivo canzoni e non ho fretta”

Chiara porta sul palco il suo innato talento, accompagnato dalla grande passione per l’arte. Un viaggio partito da Asti, la sua città.