venerdì 3 Febbraio, 2023
HomeLo scaffaleFreschi di stampa dicembre 2013
Lo scaffale

Freschi di stampa dicembre 2013

Mondonio ‘n truch ‘d gent, ‘d travaj, ‘d ruso e ‘d bonumor

Graziella Deideri (a cura di), Mondonio. Gaidano & Matta, Chieri 2013, 323 pagine.

Promosso dalla Associazione Biblioteca San Domenico Onlus con il contributo CSV Centro servizi Volontariato Asti, il volume, originale a partire dal suo formato “orizzontale” che permette di apprezzare il vastissimo repertorio iconografico, riesce nell’impresa di raccontare per immagini una comunità. Mondonio, noto per essere il luogo natale di San Domenico Savio, è infatti narrato per capitoli che comprendono i temi più svariati: dalla famiglia al matrimonio, dalla scuola al lavoro, dalla vita religiosa alla guerra. Feste, riti e svaghi della comunità  scandiscono il tempo delle stagioni e degli anni, dal XIX secolo ai giorni nostri. Il volume raccoglie una serie di materiali vari, ordinati con metodo e introdotti da brevi paragrafi esplicativi. Il risultato è quello di una testimonianza viva e presente, in cui il passato non costituisce un semplice ricordo o una serie di attestazioni documentali, ma, al contrario, riesce a dialogare con il presente.

Il tartufo – Conoscerlo e degustarlo

 Pierottavio Daniele (a cura di), Gribaudo, 127 pagine, 15 euro

Il volume si propone come una guida per conoscere il tartufo, non soltanto come alimento, ma come parte di un antico quanto prezioso rituale di ricerca. Le numerose ricette, cui si aggiungono brevi ed altrettanto gustosi racconti di Gianpaolo Squassino, Fiammetta Mussio e Giovanni Ruffa, sono accompagnate da schede che hanno il compito di illustrare la presenza e la rilevanza del “fenomeno-tartufo” non soltanto in Piemonte, ma sull’intero territorio nazionale. 

I tesori della Valle di Tufo

di Mario Paluan, Lorenzo Fornaca editore, Asti 2013, 206 pag., 12 euro 

Il libro di Mario Paluan parla con foga e passione di una coppia piemontese, quella formata dal conte Aldo di Ricaldone e Matilde Izzia. Aldo di Ricaldone fu uno storico molto importante per le sue ricerche e i suoi scritti, in particolare gli Annali del Monferrato, Matilde Izzia fu pittrice di valore, forse non abbastanza conosciuta al di fuori del mondo dell’arte. Ora, grazie a Paluan e altri, le sue opere sono state portate nel complesso di Santa Croce a Bosco Marengo. Il libro è soprattutto la biografia di una coppia (spentasi pressoché contemporaneamente agli inizi del 2000) anticonformista, vissuta in una casa di tufo nel Monferrato, in una valle carica di storia, grotte, cunicoli, leggende.

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE