mercoledì 7 Dicembre, 2022
HomeUn quadro una storiaQuella stanza sulle colline del Monferrato
UN QUADRO UNA STORIA

Quella stanza sulle colline del Monferrato

Mario Bionda passò a Penango gli ultimi anni della vita
Attraverso i decenni il cammino artistico di Bionda divenne un lungo peregrinare tra le capitali europee, tra Germania ed Austria, con prestigiose rassegne antologiche ordinate in spazi pubblici nazionali e gallerie private.

L’agenzia immobiliare di Milano segnalò un rustico adagiato sulle colline di Penango, a pochi chilometri da Moncalvo, lungo la strada provinciale per Asti. Alle soglie degli anni Ottanta, il settantasettenne Mario Bionda, celebre protagonista della ricerca d’astrazione europea, colse l’opportunità di una nuova dimora, lontana dai clamori urbani, salubre nel clima e nell’ambiente.

In realtà, l’artista non aveva mai dimenticato il Monferrato, la terra che aveva accolto la sua famiglia nei lontani 1932-1939, quando neodiplomato all’Accademia Albertina di Torino, su sollecitazione del maestro Felice Casorati, espose alla XVII Biennale Internazionale di Venezia e nel 1935 alla Quadriennale di Roma, con dipinti ancora naturalistici. I ricordi di quelle prime esperienze pittoriche, le rassegne giovanili (Mostra d’Arte Astigiana, 1937) e la collaborazione con Franco Parachinetto, nella decorazione della Sala Conferenze del Palazzo dell’Intendenza di Finanza ad Asti, furono presto cancellati dalla partecipazione al secondo conflitto mondiale, dall’adesione al Comitato Nazionale di Liberazione a Milano e dalle tormentate vicende della ricostruzione civile e culturale con gli intellettuali milanesi, tra cui Morlotti, Peverelli e Alfredo Chighine, con cui condivise lo studio milanese fino al 1957. Gli artisti del decennio Cinquanta, dalla schiera torinese casoratiana (Montalcini, Galvano, Bionda, Guglielminetti, Platone…) e i liberi sperimentatori, tra cui Mastroianni, Moreni, Afro, ai giovanissimi Ruggeri, Saroni, Soffiantino, Aimone verificarono con continuità le proprie ricerche in occasione delle rassegne nazionali (Quadriennale di Roma, 1955; Triennale di Milano, 1957) in serrato confronto con i pittori di Brera, gli allievi di Gino Ghiringhelli, assistente di Achille Funi e promotore della Galleria “Il Milione”.

Mario Bionda (Torino 1913 – Penango 1985), Interno, 1980, olio su tela, cm. 100 x 90, Musei Civici di Asti

La personale di Mario Bionda nel 1958 in questa galleria fu presentata da Franco Russoli che ravvisò nei ventotto dipinti su tela, dedicati all’organicità fisica della natura e realizzati sul supporto con sabbia, gesso, terre porose: «Quelle dense, non aride superfici tagliate e scalate nello spazio…. oggi han dato luogo ad una vibrazione intensa di luci che coinvolgono le forme, accidentate da scattanti segni e da accensioni – o meglio da resti di combustioni – di qualcosa che fu colore e resta tono». Attraverso i decenni il cammino artistico di Bionda divenne un lungo peregrinare tra le capitali europee, tra Germania ed Austria, con prestigiose rassegne antologiche ordinate in spazi pubblici nazionali e gallerie private. Sviluppò un ciclo pittorico sommesso ed emblematico che, dal 1975, iniziò a sedimentare in tecniche miste e polimaterici su carta o tela.

La Pinacoteca Civica di Asti custodisce un’intensa testimonianza di quelle sequenze pittoriche, esposte inoltre anche in mostre postume ad Asti (galleria Il Platano, 1987; Battistero di San Pietro, 2010) e ad Alessandria (2002). Mentre alla finestra calavano gli ultimi raggi della dolce estate monferrina, al profumo delle rose del giardino, nella stanza in collina di Mario Bionda permaneva intatta una lieve, quieta penombra. A tali alchemiche atmosfere, nell’ottobre 2015, in collaborazione con la consorte Edwige Schumacher, famigliari e collezionisti, la Fondazione Eugenio Guglielminetti dedicherà un omaggio espositivo nella ricorrenza della scomparsa del Maestro.  

 

L'AUTRICE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE