domenica 3 Marzo, 2024
HomeSe ci penso«Pregavo San Secondo di non venire interrogata»
Se ci penso

«Pregavo San Secondo di non venire interrogata»

Anni Cinquanta: la città attraversata da una ragazzina delle Medie.

Casa mia era nella parte alta della città e spesso d’inverno la nebbia l’avvolgeva come una nuvola. Quando nevicava (al tempo dei miei dodici anni gli inverni erano rigidissimi, sovente ammantati di bianco), era un’impresa raggiungere la scuola media di via Roero.

Allora non esistevano genitori che accompagnassero i figli in macchina fin davanti al portone delle scuole. Scendevo da casa la lunga scalinata che la collegava a corso Milano, giravo a sinistra su corso Dante, passavo davanti a una casa strana con decori azzurri e i tetti a pagoda che paragonavo, con la fantasia, a quella vista in un libro di Salgari di mio fratello. Poi arrivavo in piazza Dante, allora colorata dalla casa rossa sulla sinistra dove era collocata in alto una punta di ferro che voleva ricordare la prua di un vascello in miniatura (così per lo meno è rimasta nei miei ricordi) e, sull’altro fronte, la casa color nocciola che aveva, se ben ricordo, dei leoni rampanti, o piccoli draghi dipinti in nero sotto la grondaia.

A questo punto giravo per via Massimo d’Azeglio e passavo davanti al giardino della casa di Giorgio e Paolo Conte. Mi sembra di ricordare una palma nel mezzo. Di sicuro sapevo quando in casa era giorno di bucato perché dai balconi scendevano candide lenzuola. A quel punto avevo i piedi congelati dal freddo. Allora non erano contemplati collant e scarponcini di para e pelliccia, né tanto meno i pantaloni per una ragazzina; le scarpe erano in cuoio con suola di gomma e le calze di lana pungevano i polpacci e si fermavano al ginocchio. Allora facevo tappa nella chiesa di San Secondo, un po’ per riscaldarmi e un po’ per pregare quel Sant’uomo di non essere interrogata.

Milena Ercole negli anni ’60

 

Quindi attraversavo piazza Statuto inondata, in autunno, dal pungente odore dei tartufi che i trifulau smerciavano sotto i portici del Caffè San Carlo. Mi rimaneva da percorrere via Quintino Sella, che dopo la vendemmia esalava profumi di mosto che uscivano dalle cantine dei Bosia, superavo Palazzo Gazelli di Rossana, sfioravo la torre che dopo secoli era ancora lì a ricordare l’Asti turrita del Trecento e poi giravo a sinistra per via Roero. Là c’era la mia scuola.

Il portone aperto, le amiche in attesa (allora le classi non erano miste).

L’angoscia dell’interrogazione diventava terrore, ma c’era Grazia Grassini, compagna di banco, a sostenermi quando la professoressa Jona sfoderava il suo severo rigore con chi era interrogata (e, come me, sovente faceva scena muta). Una cosa mi incuriosiva di lei: un tatuaggio nero di lettere e numeri che aveva sull’avambraccio sinistro e di cui allora non sapevo spiegare la ragione. Da quegli anni, però, ogni volta che lessi o leggo un libro sulla Shoah mi torna in mente quel marchio scuro e indelebile. Non osai mai farmi raccontare.
E ora è troppo tardi.

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

I proverbi anticipano le previsioni del tempo

L’attesa della primavera nel folclore meteorologico monferrino¹   «Smenmi d’ Mars, smenmi d’Avrì, fin c’al fassa caod peus nen avn컲: Seminami di marzo, seminami di aprile,...

La collina di Spoon River – Giugno 2017

Vito Walter Sollazzo 22 agosto 1945-10 marzo 2017 Sindacalista e allenatore di calcio Ho sempre amato il gioco di squadra. L’ho praticato per tutta la vita, nella...

Secondo trimestre 2017

3 aprile Inaugurato a Nizza Monferrato l’hospice che accoglie i malati terminali del reparto di oncologia del Cardinal Massaia. A disposizione dei pazienti una...

La collina di Spoon River – Dicembre 2016

Angelo Franco 11 agosto 1929 - 16 settembre 2016 Autotrasportatore Ero uno dei Cugini Franco. Avevamo deciso di chiamarci così con mio cugino Giacomo quando aprimmo la...

Sul calendario

8 settembre L’ambasciata di Israele assegna il riconoscimento di Giusti fra le nazioni alla memoria di Eugenia e Pietro Gilardi. Coppia di contadini di...

Il monumento in bronzo dedicato alle 5 storiche divisioni

L’alpino di piazza Libertà, nell’aiuola di fronte la Mercato coperto, è da più di 40 anni muto testimone della vita della città. È stato...

La collina di Spoon River – Maggio 2016

Andreina Jodice Napoli, 27 dicembre 1935 - Asti, 2 gennaio 2016 Insegnante di Lettere Sono nata a Napoli, ma la mia famiglia, ed io al seguito, era...

Pino Morino, l’inventore del terzo tempo

Discobolo nazionale e “missionario” del pallone elastico

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE