lunedì 28 Novembre, 2022
HomeUn quadro una storiaLe pennellate caravaggesche della badessa
UN QUADRO UNA STORIA

Le pennellate caravaggesche della badessa

La moncalvese Orsola Maddalena Caccia figlia d’arte
Theodora, figlia di Guglielmo Caccia (Montabone 1568-Moncalvo 1625), con le sorelle entra nel monastero delle Orsoline di Bianzè, nel Vercellese, assumendo il nome di suor Orsola Maddalena.

A metà Cinquecento la leggenda medievale della vergine bretone Orsola e del suo martirio ispira il nascere in Germania, Francia e in Italia di monasteri delle Orsoline. Theodora, figlia di Guglielmo Caccia (Montabone 1568-Moncalvo 1625), con le sorelle entra nel monastero delle Orsoline di Bianzè, nel Vercellese, assumendo il nome di suor Orsola Maddalena. Il padre, famoso pittore, chiede a mons. Scipione Agnelli, vescovo di Casale, di istituire un monastero a Moncalvo, contiguo alla propria dimora, per poter continuare la collaborazione artistica con le figlie pittrici Francesca e Orsola. Quest’ultima si rivela una dinamica amministratrice sia della bottega d’arte paterna, proseguendone l’attività, sia del monastero, svolgendo il ruolo di badessa per vent’anni, fino alla scomparsa (1676). La chiesa del monastero, ricca delle opere di Guglielmo Caccia, dei suoi lasciti e delle tele di Orsola (Sacra Famiglia con Sant’Orsola e Sant’Anna, Natività di San Giovanni Battista, San Luca nello studio) viene consacrata dalla diocesi di Casale nel 1665.

In età napoleonica, nel 1802, con altri conventi, il monastero delle Orsoline fu soppresso e acquistato dal Comune di Moncalvo per la sede municipale. Della badessa pittrice Orsola Maddalena sono rimaste numerose tracce anche nelle civiche collezioni di Moncalvo: dall’evocazione simbolica delle floreali nature morte da leggersi come atti di preghiera alle grandi tele devozionali. Molti studiosi hanno dedicato intensi approfondimenti sulla metodica compositiva di Orsola Caccia, fino alla recente costituzione di un’associazione di cultori e appassionati moncalvesi (onluscacciamoncalvo@libero.it). Orsola Maddalena si ispirò alla pittura paterna, consolidata dalla varietà cromatica e dalla ricerca iconografica, con un originale linguaggio decorativo, tra canoni rinascimentali e nascenti luci caravaggesche, d’ascendenza fiamminga.

I frammenti evangelici (ne La nascita di S. Giovanni Battista: “Giovanni è il suo nome…”) sono rielaborati da Orsola Maddalena con delicata eleganza. La composta pennellata della badessa, con diligente fermezza, coglie l’incarnato serico della Vergine in attesa del Figlio, conchiusa nell’avvolgente aura candida del neonato Giovanni Battista, dell’agnello (“Ecce Agnus”) e le coltri della puerpera Elisabetta, tra panneggi ambrati e trine perlacee delle fantesche, nel complice effluvio di gesti e di sguardi. Vasellame specchiante, frutta e fiori, il porpora della Passione, il vino eucaristico, l’acqua della creazione, in contrappunto ai putti alati della citazione adombrata a margine, focalizzano lo sguardo vivace della bimba e il trepido appunto del cagnolino, nel simbolico gioco illusivo della vita. 

 

L'AUTRICE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE