mercoledì 7 Dicembre, 2022
HomeIl trovarobeIl gioco del 15 e i mitici “sciangai”
IL TROVAROBE

Il gioco del 15 e i mitici “sciangai”

Abilità e colpo d’occhio così ci si divertiva prima dei giochini elettronici.

Ci sono giochi ancora vivi nella memoria di tanti, finiti inesorabilmente nei cassetti, ma che se riproposti risvelano intatto tutto il loro fascino. Appaiono semplici se paragonati all’interattività dei giochi elettronici di oggi, ma non per questo meno  “intelligenti”. Ne ricordiamo due particolarmente adatti per allenare la mente e le dita.

Il primo è il Gioco del quindici. Un solitario composto da un quadretto di varie dimensioni in legno e poi in plastica con quindici tesserine numerate. C’è un solo spazio libero che consente di muovere una tesserina per volta in orizzontale o verticale. Il gioco fu inventato da Samuel Loyd nel 1878. Lo scopo è di riordinare le tesserine per riportarle nella giusta posizione: dal numero 1 in alto a sinistra, fino ad arrivare al 15 in  basso. Era considerato un “rompicapo” per eccellenza, ben prima del cubo di Rubik che fu creato da un professore ungherese nel 1974  e per anni è stato il compagno di molti alunni, che in occasione di lezioni un po’ “noiose” senza farsi notare dai professori, non esitavano a tirar fuori dall’astuccio il quadretto e muovendo lentamente le tessere senza far rumore, si immergevano nel “labirinto numerico”.  Oggi, il gioco viene proposto ancora in diverse versioni, anche a doppia tavoletta per consentire di giocare in due. Spesso lo si ritrova come sorpresa nelle uova di Pasqua e nelle confezioni di patatine, frequentemente è proposto sotto forma di puzzle.

Sciangai

È anche riprodotto in formato digitale per computer e smartphone.

Il secondo gioco è invece di abilità e pazienza: lo Shanghai, che tutti i bambini pronunciavano “sciangai” senza preoccuparsi della giusta grafia. Di antica origine, naturalmente cinese, ma se ne trovano versioni anche nella tradizione azteca, è un gioco dalle regole semplici che prevede due o più giocatori.  Servono 31 bastoncini in legno colorati flessibili della lunghezza di circa 18-20 centimetri. Nelle versioni più recenti i bastoncini sono in plastica dura. I colori equivalgono a un punteggio diverso.

La tecnica dello “sciangai” parte dal lancio. Bisogna impugnare i bastoncini a mo’ di spaghetti, metterli di punta e ruotarli leggermente in modo che lasciandoli formino una “rosa” sul tavolo. Più intricato  è l’intreccio dei bastoncini, più il gioco sarà divertente. Si stabiliscono dei turni. Ogni giocatore dovrà tentare di estrarre i bastoncini senza far muovere gli altri. Il primo a mani nude, gli altri servendosi delle bacchettine via via conquistate. Ogni più impercettibile movimento (fonte di discussioni infinite visto che non c’era il replay) costringerà il giocatore a passare la mano. Si è detto che i bastoncini a seconda del colore hanno un punteggio: ad esempio i blu 25  punti, i verdi 10 punti, i rossi 5, ma il più ambito di tutti è quello nero, unico nel mazzo che valeva almeno 50 punti. La partita è finita quando in tavola non ci sono più bastoncini e vince chi ottiene il punteggio maggiore. Le tecniche per estrarre i bastoncini dal mazzo erano diverse, dal “pizzico” al salterello utilizzando uno “sciangai” già liberato.Il gioco prende il nome dalla metropoli cinese, pare abbia avuto anche delle versioni antiche in Francia già nel 1500 con  il nome di jonkets.  Se andate oggi nella ipertecnologica Cina a cercare gli “Shanghai” non li troverete facilmente. Pochi negozi di souvenir per turisti ne hanno una versione in legno che vendono con il nome di Mikado Spiel che da noi guarda caso è il nome di sottili “matite” ricoperte di cioccolato. Nel Mikado Spiel il bastoncino più ambito è colorato a spirale, ma le regole non cambiano.

L’AUTORE DELL’ARTICOLO

Latest posts by Pier Ottavio Daniele (see all)

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE