lunedì 5 Dicembre, 2022
HomeUna vita per la musicaDai bulùn della Waya alla canzone italiana nel mondo
UNA VITA PER LA MUSICA

Dai bulùn della Waya alla canzone italiana nel mondo

Alfredo Gallo compositore autodidatta e discografico di lungo corso. I suoi brani sono stati interpretati anche da Gilbert Bécaud e Nancy Sinatra.

Parla volentieri del suo passato in Way Assauto. Della sua vita Alfredo Gallo, 81 anni, non scarta nulla, perché è convinto che ogni giorno trascorso sulla faccia di questa terra abbia contribuito a costruire una storia, la sua, e non ha rimpianti.

La musica lo ha accompagnato da sempre. I primi ricordi risalgono all’adolescenza. Gli sono rimasti impressi nella memoria i canti gitani degli zingari che bivaccavano nella zona di casa sua, in piazza Torino. «Erano motivi tristi, accompagnati dal suono di violini e chitarre. Avevano la stessa cadenza del blues e i loro strumenti erano accordati in minore», ricorda oggi con l’orecchio di chi da allora ne ha sentita tanta di musica.

Alfredo Gallo, 81 anni, una vita passata tra cantanti e musicisti. È stato anche compositore e discografico

Entrò alla Waya a 23 anni a metà degli anni Cinquanta. Fisico minuto, occhio vispo e una gran curiosità. Aveva già imparato, da autodidatta, a leggere gli spartiti e mostrava una certa dimestichezza con la chitarra. In fabbrica conobbe due suonatori talentuosi, Nando Tirelli e Marcello Arri, che arrotondavano il salario facendo ballare la gente nei dancing nati subito dopo la guerra. Furono loro ad avviarlo nel mondo delle sette note, insegnandogli i rudimenti della composizione che, in seguito, Alfredo perfezionò al Conservatorio di Milano, dove conobbe il maestro Vittorio Mascheroni. Il primo “colpaccio” gli riuscì con il maestro Cinico Angelini, che aveva una “favolosa orchestra”, come era scritto allora sui manifesti. Gli venne presentato da un altro famoso direttore d’orchestra, William Galassini. Ad Angelini i brani di questo arguto piemontese piacquero e ne inserì tre nel suo repertorio, affidandoli alle voci di Oscar Carboni, Ariodante Dalla e Achille Togliani. Il primo contratto da compositore, lo firmò nel 1960 con la Ricordi e due anni dopo fondò un gruppo musicale, “Gli snob”, col quale si esibiva nei locali da ballo come chitarrista con lo pseudonimo di Tiepolo. Genere melodico sentimentale.

Alfredo Gallo, 81 anni, una vita passata tra cantanti e musicisti. È stato anche compositore e discografico

La svolta, nell’attività musicale di Alfredo Gallo, avvenne nel 1965, quando entrò a far parte della Sidet Edizioni e Spettacoli di Milano. Erano anni di grande fermento e contribuì a fondare due case editrici discografiche dai nomi evocativi: Las Vegas e Musa. In quel periodo musicò Musique d’amour sur le sable per la Vougue Disc International, che venne interpretata da Gilbert Bécaud. Il successo come compositore lo bissò nel 1968, con In punta di piedi, il cui testo fu scritto da Giuseppe Cavanna, un altro astigiano con vena poetica. Era commerciante all’ingrosso di formaggi e divenne anche appassionato rettore del rione San Paolo al Palio. Quella canzone, interpretata da Eddie Fischer, uno dei primi mariti di Elizabeth Taylor, vinse il “Secondo Recital della Canzone Italiana”, svoltosi a Vienna.

Alfredo Gallo, 81 anni, una vita passata tra cantanti e musicisti. È stato anche compositore e discografico

Nella veste di discografico, Alfredo Gallo è stato produttore di cantanti di origini italiane che avevano notorietà e mercato soprattutto all’estero: Enrico Farina (Canada), Nino Rossano (USA), Mira (Australia), Gil Barté (Francia). Nancy Sinatra, figlia del grande Frank, interpretò una sua canzone Questi stivali sono per camminare (These Boots Are Made for Walkin’) in un disco distribuito anche in America. L’attore Fabio Testi, alla Terrazza Martini di Milano, in occasione della presentazione dell’ellepi Donna Donna, si esibì in Notte stregata, sempre composta dal musicista astigiano.

Copertine di dischi e spartiti prodotti da Gallo come discografico

Nel frattempo, nel 1980, Gallo aveva dato l’addio alla Way Assauto, la fabbrica che, come ripete ancora oggi, «porterò sempre nel mio cuore», dove operava come tecnico di produzione. Andava a lavorare in bicicletta, e non ha più smesso di pedalare, ancora oggi gira per la città in bici.

A partire dal 1990 arrivano le collaborazioni con Paolo Limiti per le trasmissioni Rai Ci vediamo in Tv e per Rai International, che trasmette per le comunità italiane all’estero. Nei numerosi viaggi in Australia ha sempre portato spicchi di astigianità.

Gallo ha lavorato con Paolo Limiti per alcune trasmissioni di Rai International

In occasione del XX Festival della Canzone Napoletana, del 1997, Alfredo Gallo, astigiano doc, si scoprì un po’ partenopeo. Alla sua canzone Napoli, mi basti tu, cantata da Rosy Rita, fu assegnato il Premio della giuria intitolato a Vittorio De Sica: «E io ricordai che il grande attore e regista si era sposato ad Asti nel 1937 con Giuditta Rissone».

Nel 2001 ha ricevuto ad Alcamo, in Sicilia, il premio “Scopello” per la sezione Artisti italiani nel mondo. Continua a essere nel comitato direttivo dell’Unione Nazionale Compositori e Autori.

Gallo seduto in primo piano con la chitarra quando suonava con il gruppo degli Snob

«Spesso mi è capitata l’occasione, a volte la necessità, di trasferirmi a Milano per ragioni di lavoro. Ma sono sempre tornato ad Asti. Perché per me anche Asti è musica. E la musica è tutta la mia vita».

L'AUTORE DELL'ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE