giovedì 1 Dicembre, 2022
HomeReclamCONTRO LA CALVIZIE UNA POMATA AL GRASSO D’ORSO
RECLAM

CONTRO LA CALVIZIE UNA POMATA AL GRASSO D’ORSO

LA FANTASIOSA STORIA DEI MESSAGGI PUBBLICITARI DA SEMPRE “ANIMA DEL COMMERCIO”

L’avventura della pubblicità sulla carta stampa nel mondo astigiano ebbe inizio nel 1861.
Il “Cittadino” riservò un piccolo spazio a fine giornale alla farmacia Caratti per propagandare il “Balsamo per piaghe sifilitiche o cancerogene, composto dalla signora Piccinino Elisabetta, infallibile per guarire in 15 gg …”. Il prezzo della boccetta, “con Manifesto”, era di lire due.
Compariva unicamente la descrizione letterale dell’offerta circondata dalla cornice nera.
Era nata la réclame alla francese che ben presto in piemontese divenne reclam con la “e” pronunciata ben aperta. All’inizio gli annunci erano perlopiù di farmacie che raccomandavano l’uso, di unguenti, sciroppi, rimedi vari in grado di lenire o ridurre disagi e malattie, soprattutto di natura sessuale.
Si trattava di messaggi semplici, immediati che letti oggi paiono gli antesignani dei più moderni “bugiardini” i foglietti delle avvertenze contenuti nelle confezioni. Sempre la Farmacia Chimica e pure la Drogheria Caratti (ora farmacia Liprandi storicamente situata in piazza Statuto sotto i portici dei Cestai, oggi in corso Alfieri ai piedi della Torre Rossa) proponeva: “Acqua Sedativa del Raspail, dissipa in un menomo spazio di tempo qualunque dolore al capo, emicrania, vertigini; cent. 40 alla boccetta”, ed ancora: “Caffè Emmenagogo vegetale unico per eccitare prontamente mestruazioni, guarire clorosi, senza danneggiare la dentatura”; oppure “Pastiglie antiafoniche contro tossi catarrali, raucedine, bruciori di gola… conserva la voce, riconcilia il sonno”.
In tale contesto trovarono presto spazio annunci paralleli di tipo parasanitario, spesso in odore di ciarlataneria, o comunque assai curiosi alla luce dei gusti e delle abitudini attuali.
Qualche esempio, sempre dal Cittadino:1863: “Al Bazar vicino al Caffè Alfieri havvi la rinomata Acqua delle China per annerire i capelli ed impedirne la caduta,…pomata al grasso d’orso approvata per fortificare le radici (sempre dei capelli); Acqua Alpi-Appennini per levare le rughe dal viso” 1864: “Volete preservarvi dalla sifilide? Usate il sapone preservativo del cav. Crommelick, professore delle vie urinarie, presso Giacchero Via Maestra Asti (ora corso Alfieri ndr)”, rafforzando successivamente il concetto presentando lo stesso sapone “… per uso ordinario di pelle e barba, ma con virtù incomparabili come preservativo e distruttore immediato di qualunque virus e principalmente del virus sifilitico”.
La gente dell’epoca, comunque, perlomeno quella in grado di leggere e scrivere, non pensava solo a scongiurare le insidie delle malattie, in tempi in cui si passava dalle tecniche tradizionali a base di rimedi naturali allo sviluppo delle industrie farmaceutiche.
Ci si trovava nei caffè a sorseggiare prodotti dissetanti o corroboranti Come quello che, sempre dalle pagine del “Cittadino” ricordava al lettore il sapore e l’efficacia curativa del caffè di ghiande (fava dolce di Spagna), “piacevole al palato soprattutto quando lo si mesce con il latte”, oltretutto “accreditato dai più distinti medici”, portentoso rimedio per bambini e persone di “fibra debole”.
Il punto vendita era la drogheria Terracono. Anche il vino Mayer trovò spazio sulle pagine dei giornali, “avendo tutte le proprietà e gli effetti del Fernet” ed essendo anche “tonico, vermifugo, febbrifugo ed anticolerico”, da consumarsi come gradevole fine pasto, misto all’acqua o al caffè.
Infine il cioccolato, ricco delle suggestioni e dell’aroma del vicino Oriente, proposto come medicinale. Alcuni dei primi avvisi pubblicitari di genere “drogheria e medicamenti” apparsi sui giornali astigiani dalla metà dell’Ottocento “hydrogenico”, per curare la debolezza di stomaco, e disponibile dal Confettiere Michele Florio.
Va anche detto, a proposito di pubblicità che già prima della metà dell’Ottocento erano apparsi avvisi chiamiamoli di servizio, con lo scopo di informare i cittadini intesi possibili clienti. È il caso della tabella di annuncio del nuovo servizio dei “velociferi” del 1828 che promette collegamenti con le carrozze tra Torino e Asti, tutti i giorni esclusa la domenica. Da Asti il “velocifero” partiva alla e 5 del mattino con soste e cambio di cavalli a Baldichieri, Villanova, Poirino, Trofarello. Il servizio era garantito dalla primavera all’autunno. Nei mesi invernali le strade erano invase da neve e fango e tutto andava a rilento. Ci sarebbe voluto il treno, giunto per la prima volta ad Asti il 5 novembre 1849, a garantire i collegamenti per Torino e Genova.
Signori in carrozza!

L’AUTRICE DELL’ARTICOLO

Astigiani è un'associazione culturale aperta, senza scopo di lucro, che ha bisogno del sostegno di altri "Innamorati dell'Astigiano" per diffondere e divulgare la storia e le storie del territorio.
Tra i suoi obiettivi: la pubblicazione della rivista trimestrale Astigiani, "finalizzata alla raccolta e diffusione di informazioni e ricerche di storia e cultura astigiana dal passato remoto a quello prossimo, con uno sguardo al presente e la visione verso il futuro (dallo statuto), la raccolta di materiale per la creazione di un archivio fotografico, video e documentale collegato al progetto "Granai della memoria", la realizzazione di presentazioni pubbliche e altri eventi legati al recupero della memoria del territorio.

3,917Mi PiaceLike
0FollowerFollow
0IscrittiSubscribe

GLI ULTIMI ARTICOLI CARICATI

IN EVIDENZA

Sboccia il fidanzamento e le coppie “si parlano”

  Molti annunci ufficiali di fidanzamenti, soprattutto in campagna, un tempo avvenivano in primavera: erano il risultato delle veglie invernali nelle stalle. Terminato il servizio...

«Quella passeggiata a Viatosto non l’ho dimenticata»

Quegli anni fatati della vita. Rubo a Italo Calvino il titolo per sfogliare l’album dei ricordi dei cinque anni trascorsi sui banchi di legno...

Gli intensi anni astigiani di “Bicio”

I De André sfollano nel 1942 in una cascina di Revignano   Un uomo elegante esce dalla casa contadina. Lo chiamano Professore, incute soggezione, ma è...

Accadde nel terzo trimestre

10 anni 16 settembre 2007 Il drappo del Palio è firmato da Paolo Conte e conquistato dal rione San Secondo (rettore Marco Zappa) con Giovanni...

Voci astigiane tra le onde della guerra

Non ho mai conosciuto Giovanni Gotta da Viarigi, ben poco sapevo dell’incrociatore da battaglia della Regia Marina “Giovanni dalle Bande Nere” e ho fatto...

Quando le colline astigiane erano nel Golfo Padano

Il territorio punteggiato da importanti ritrovamenti fossili Una volta c’era il mare, lo sanno tutti. Ce ne ricordiamo quando negli anni si sono ritrovati scheletri...

Dai lampioni a gas alle lampade a led, storia della luce pubblica

Fino al 1910 ogni sera si accendevano 520 lanterne   Chi da generazioni è abituato ad accendere la luce premendo semplicemente il tasto di un interruttore,...

La rossa piemontese che piace al mondo Il Consorzio Barbera d’Asti fondato 70 anni...

Un vino popolare racconta la sua epopea La guerra è finita da un anno e mezzo e il 22 novembre 1946 nella sede della Camera...

CONTRIBUISCI A QUESTO ARTICOLO

INVIA IL TUO CONTRIBUTO

Hai un contributo originale che potrebbe arricchire questo articolo? Invialo ora, saremo lieti di trovargli lo spazio che merita.

TAG CLOUD GLOBALE

TAG CLOUD GLOBALE
INVIA IL TUO CONTRIBUTO

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE